I ministri delle No Infrastrutture e del Non Lavoro

| Toninelli torna trionfante dal confronto con l'omologo francese: stop agli appalti dei lavori in attesa degli scontatissimi esiti negativi della commissione costi-benefici presieduta da un No Tav. E Grillo al popolo Sì Tav: "Borghesucci"

+ Miei preferiti

Un risultato, almeno, il ministro delle No Infrastrutture il temuto Danilo Toninelli lo ha ottenuto. E' riuscito, con il suo entusiasmo e lavorando pancia a terra, a bloccare gli appalti per l'Alta Velocità. Il suo arduo compito è quello non di promuovere lo sviluppo e il futuro del Paese ma quello di minarlo per sempre, con la benedizione del vice-premier, l’ineffabile Luigi Di Maio, la cui fonte di sostentamento è da sempre il solo stipendio da parlamentare. Non pago di non aver mai lavorato in vita sua, vorrebbe che il suo esempio, con le tasse pagate dagli italiani onesti, sia seguito da milioni di nullafacenti, grazie al ridicolo “reddito di cittadinanza”. Una bella coppia.

Se Carlo Marx fu l’ideologo del comunismo, l’ideologo del grillismo è il comico Beppe Grillo. Solo questo spiegherebbe già molto di quanto va succedendo in Italia. Il filosofo, economista, profeta, tuttologo e futurologo genovese ha inviato agli amici de “Il Fatto Quotidiano” una lettera, a “nome suo e del suo neurologo” (sarebbe forse stato meglio uno psichiatra, ma di quelli buoni però) in cui teorizza ancora una volta le sue bizzarre idee sulle ferrovie. Tra una scia chimica e l’altra, i pericolosi deliri contro i vaccini, gli insulti volgari a chi non osa non condividere il suo verbo, Grillo definisce chi ha partecipato alla grande manifestazione Sì Tav di sabato a Torino, “borghesucci”. E intanto il ministro delle No Infrastrutture Toninelli, dopo un incontro con l’omologo francese, Borne, torna trionfante con un osso in bocca. In attesa degli esiti della Commissione costi-benefici - i cui esiti negativi, mercè la composizione ad hoc della medesima, presieduta guarda il caso dal No Tav Marco Ponti, sono assicurati - la Francia ha accettato di bloccare gli appalti che avrebbero consentito la ripresa dei lavori. Ma omette che il ministro francese gli ha imposto un termine preciso per non perdere i finanziamenti europei previsti per l’Alta Velocità.

Il ministro delle No Infrastrutture, porta a casa almeno una pausa, nel segno delle decisioni di un “governo del cambiamento” sempre post-datate, come un assegno cabriolet. Intanto il Paese si sta fermando, cresce la disoccupazione, le allegre prospettive di crescita del governo sono smentite dai numeri, che purtroppo non sono astrazioni politiche o ideologiche, mentre lo spread resta su un'insostenibile quota 300. Se questo è “il cambiamento”…

Economia
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE
Vizi statali e pubblici debiti
Vizi statali e pubblici debiti
Dal recuperare l’oro delle monete alla tassa sul macinato, fino all’emissione inconsulta di titoli di stato a breve scadenza: le soluzioni di chi governa per ridurre l’indebitamento statale. Le differenze fra Italia e Francia
Paese che vai, corruzione che trovi
Paese che vai, corruzione che trovi
Un’organizzazione internazionale non governativa calcola il “Corruption Perceptions Index” (CPI) per quantificare il modo in cui viene percepita la corruzione in 180 nazioni. Tra gli stati più virtuosi numerosi quelli europei
The China Planet
The China Planet
Sono enormi le potenzialità di Pechino per penetrare nel tessuto economico del mondo occidentale e di conquistarne il controllo. Non soltanto con attività commerciali ma anche esportando armi: è quanto succede in Africa
Spicciati: progetti da pochi centesimi
Spicciati: progetti da pochi centesimi
L’idea di un’associazione, sposata in pieno dal ministro Centinaio, è di dotare le tabaccherie di contenitori in cui liberarsi degli ingombranti centesimi. Le somme serviranno per finanziare lavoro e progetti
Le isole dei tesori
Le isole dei tesori
Sono più d’una, e in realtà si chiamano paradisi fiscali. L’Ecofin ha appena aggiornato l’elenco, ma con dimenticanze macroscopiche
Tav, partono gli avvisi l'opera va avanti
Tav, partono gli avvisi l
Stamane via alla procedura per gli appalti el versante francese. La singolare esultanza dei grillini e dei media che li appoggiano