Il Paese dei MiniBot people

| Mentre la Svizzera fa i conti con una valuta considerata un bene-rifugio, in Italia i nuovi titoli pensati dal Governo sollevano perplessità: in molti credono che la loro introduzione serva a eludere le regole di bilancio dell’euro-zona

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

“Il Franco svizzero ha sempre fatto meglio delle valute dei Paesi G10 durante le fasi di recessione”. Ad affermarlo è stato alcuni giorni fa Peter Rosenstreich, il responsabile della strategia di mercato di Swissquote Bank (leader a livello mondiale nel Trading sul Forex online) di cui gestisce il “Global Strategy Desk”, dopo aver ricoperto numerose posizioni in diverse altre banche.

L’analisi di Rosenstreich prosegue con una visione ben chiara e definita: “Nonostante i bluff di Trump, perché siamo convinti che sia un ottimo giocatore di poker, le Borse e Wall Street continuano ad registrare nuovi record nei rendimenti decennali americani”.

Pertanto la domanda di Franchi svizzeri può rimanere ben sostenuta nel breve periodo, visto che i mercati si stanno muovendo come se la normalizzazione della politica monetaria non dovesse mai avvenire, i rischi macroeconomici stanno aumentando e i Treasury decennali statunitensi potrebbero rimanere sopra la soglia del 2,06 per cento, smentendo le aspettative che hanno spinto la Fed un po’ troppo in là nel suo cosiddetto tono accomodante.

Nonostante la Banca Nazionale Svizzera applichi una politica monetaria di tassi negativi e nonostante le minacce di penalizzare ulteriormente i correntisti, Rosenstreich ritiene che il Franco sia il vero dominatore tra i cosiddetti beni-rifugio. In effetti, tra i principali mercati economici mondiali, la Svizzera è la nazione con il maggiore surplus in percentuale rispetto al PIL e a maggio 2019 ha guadagnato il 2,5 per cento in confronto al dollaro statunitense: si tratta di un segnale indicatore di come il trend possa accelerare rapidamente qualora l’economia globale debba ulteriormente peggiorare.

Quello che ancora non è chiaro, secondo Rosenstreich è l’intenzione o meno da parte della BNS di intervenire con l’acquisto di riserve straniere per tenere sotto controllo il valore del Franco. Lo stratega è scettico – considerando il bilancio e la reale efficacia di questa mossa – sul fatto che si possa tornare a praticare un intervento a sostegno di un cambio “fisso”. Fatto che nel 2015 non aveva portato nessun vantaggio.

In ogni caso, Rosenstreich è certo che già in passato gli interventi della Banca Nazionale Svizzera hanno riservato molte sorprese e probabilmente lo faranno anche nell’immediato futuro, continuando ad agire secondo le logiche di una sorta di “guerra psicologica”, prima di intervenire sul mercato.

Chi ha problemi invece completamente diversi è l’Italia, che nel cercare di uscire dal pantano della stagnazione e provare a ridurre il debito pubblico, anziché attuare interventi a lungo termine e sistemici, opta come al solito per soluzioni populiste e assolutamente non attendibili.

Almeno, questa sembra essere l’opinione di Adrian Hilton, responsabile “Global Rates and Currency” (tassi globali e valute) alla Columbia Threadneedle Investments società di asset management fondata nel 1994 che offre soluzioni di investimento.

“Il possibile utilizzo dei cosiddetti titoli MiniBot – afferma Hilton – provoca parecchi dubbi anche se, a una prima vista, l’idea di offrire titoli a breve termine ai creditori ha un certo senso”.

Ma il Governo italiano dovrebbe emettere MiniBot a sconto e riscattarli alla pari in sostituzione delle tasse, bloccando un costo e una riserva di liquidità. Tuttavia, secondo Hilton non è chiaro in che modo questi titoli sarebbero trattati per misurare il debito pubblico e si aspetta secche lamentele da parte della Commissione Europea se emergesse che l’obiettivo fosse quello di eludere in qualsiasi modo le regole di bilancio dell’euro-zona.

Inoltre è l’Europa la sola a poter battere valuta e i MiniBot non sarebbero certo una valuta parallela, almeno non in senso giuridico, ma in ogni caso il fatto che non sono equiparabili a emissioni bancarie li renderebbe comunque una valuta imperfetta.

Per Hilton il titolo è quindi più un modo per cartolarizzare i crediti futuri: non una cattiva idea in generale, ma certo non una valuta. Inoltre, va considerato l’impatto fiscale, in quanto il Governo italiano dovrebbe emettere MiniBot a sconto, cioè dovrebbe esserci un incentivo per accettarli a meno che non diventino l’unico modo per pagare le tasse. Ma riscattarli alla pari al posto delle tasse, blocca riserve di liquidità.

“È probabile – prosegue Hilton – che questa proposta sia stata avanzata in parte perché si è fatta confusione tra la logica proposta di cartolarizzare i debiti commerciali in sospeso e le maliziose intenzioni di chi in Italia cerca di innescare conflitti con l’Europa, ponendo le basi per una eventuale fuoriuscita dall’Eurozona”.

Ma per uscire sarebbe necessario introdurre una valuta nazionale con prospettive nefaste (per esempio la fuga su larga scala di capitali) tanto “dolorose” che nessuno vorrebbe davvero sperimentare.

In questo contesto, conclude Hilton, la maggior parte degli investitori resta su posizioni neutrali in merito alle obbligazioni italiane. L’uscita dell’Italia dall’euro è decisamente improbabile, ma l’aumento dell’imprevedibilità di questo governo giustifica la crescita dei rendimenti e impedisce di averne la certezza.

Economia
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne
Morte e disperazione dietro la moda dei 'cristalli benefici'
Morte e disperazione dietro la moda dei
In Usa e in Europa dilaga la moda dei cristalli con presunti effetti magici. Ma vengono estratti nei paesi più poveri da adulti e bambini pagati pochissimo."Morti banche" per malattie e frane. Il caso Paltrow
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
Da un lato l’aggressivo Trump, dall’altro Xi Jinping che non si fa scrupoli nel replicare. Mai Cina e USA sono stati così ai ferri corti, con molti politologi convinti che nel mondo stia per iniziare un nuovo lungo periodo di guerra fredda
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
Bonus sino a 300 euro per convertire le auto a benzina all'uso del bio-etanolo, combustibile verde. Un piena di una Megane costa solo 20 euro. Il kit. di conversione da. 600 a 1200
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
L'impietosa analisi di Confartigianato sulla situazione di un settore in forte difficoltà. Ma anche qualche segnale positivo. In 10 anni perse 165mila unità produttive
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Crollo del peso, borsa in caduta libera. In pericolo che gli accordo con FMI, torna l'incubo dei titoli di Stato. Il Paese verso la bancarotta