La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo

| Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano

+ Miei preferiti
Sei mesi fa, Boris Johnson celebrava la Brexit descrivendo la Gran Bretagna come la futura superpotenza del commercio globale. Ora il Paese rischia di perdere l’accesso all’enorme mercato comune della UE, del tutto incapace di stringere un accordo con gli Stati Uniti e sull’orlo di una lotta commerciale con la Cina.

Gli esperti temono che questo lascerà il Regno Unito più isolato di quanto non lo sia stato per decenni, poiché alle prese con una crisi economica e sanitaria senza precedenti e avviato verso la più profonda recessione di qualsiasi altra grande economia, per buona parte dovuta alla persistente incertezza della Brexit.

Johnson e altri sostenitori dell’uscita dalla UE hanno puntato molto sulle capacità di una Gran Bretagna svincolata dai lacci europei, libera di stringere accordi commerciali dettando le proprie condizioni. Ma ad un anno dall’entrata in carica di Johnson di accordi non c’è traccia, con il futuro del Paese sempre più avviato verso l’incertezza.

“State indebolendo il vostro rapporto con la UE - ha ammonito David Henig, ex negoziatore commerciale e direttore del progetto di politica commerciale del Regno Unito presso il Centro europeo per l’economia politica internazionale - e deboli sono anche le relazioni con la Cina e Hong Kong. State incredibilmente creando ulteriori barriere commerciali con molti dei vostri maggiori partner”.

Alla fine di gennaio, quando il Regno Unito ha ufficialmente lasciato l’Unione Europea, Johnson sprizzava fiducia: “Siamo pronti e attrezzati per entrare nel grande gioco multidimensionale del commercio, pronti a trattare anche più di una negoziazione alla volta”.

Più di sei mesi dopo, i colloqui con l’UE e gli Stati Uniti - i due maggiori partner commerciali della Gran Bretagna - sono vicini alla rottura, gettando nel dubbio il futuro economico del Paese. Il governo britannico non è riuscito a replicare molti degli accordi commerciali di cui godeva un tempo come membro della UE, trovandosi di fronte tariffe e altre barriere con almeno altri 19 paesi o blocchi in tutto il mondo. Secondo i dati del Dipartimento per il Commercio Internazionale, finora sono stati sottoscritti nuovi accordi che valgono solo l’8% del commercio totale del Regno Unito, compresi quelli con la Svizzera, l’Islanda, la Norvegia e la Corea del Sud.

Michel Barnier, capo negoziatore della Brexit per l’Unione Europea ha dichiarato che senza concessioni da parte del Regno Unito un accordo sembra “assai improbabile”. Il governo britannico non è stato finora disposto a cedere sulla questione della pesca, così come le norme per scongiurare la concorrenza sleale.

Per Mujtaba Rahman, amministratore delegato per l’Europa della società di consulenza “Eurasia Group”, “Il governo ha bisogno di poter vantare una vittoria dopo aver gestito malissimo la pandemia del Covid-19, ma tutto dipende dalla volontà di Johnson di scendere a compromessi, prima di far saltare i nervi anche a chi nel paese era a favore della Brexit”.

Malgrado gli annunci entusiasti da entrambe le sponde dell’oceano, Regno Unito e Stati Uniti hanno fatto pochi progressi su un accordo che avrebbe dovuto contribuire a compensare le barriere commerciali della UE. Il Financial Times ha riferito che secondo i vertici governativi americani un accordo globale è improbabile prima delle elezioni americane di novembre, dato che entrambe le parti continuano a discutere su questioni di lunga data come gli standard alimentari. Il dilemma è che se la Gran Bretagna cede nelle trattative con gli Stati Uniti su una questione come il cibo o le norme ambientali, rischia di scontrarsi con quanto è stato concordato con l’Unione Europea.

Sam Lowe, un ricercatore senior del Center for European Reform, pensa che Johnson e Trump potrebbero raggiungere un’intesa “che può essere considerata una vittoria politica”, anche se non sposterebbe l’ago della bilancia dal punto di vista economico. Perfino un accordo di libero scambio completo con gli Stati Uniti aggiungerebbe solo 4,3 miliardi di dollari all’economia britannica nei prossimi 15 anni.

Allo stesso tempo, il rapporto commerciale con la Cina, terzo partner commerciale della Gran Bretagna, è stato messo a repentaglio dalla recente decisione di bandire Huawei dalla rete di telecomunicazioni 5G. La mossa ha suscitato reazione e rabbia da parte di Pechino, che ha annunciato l’intenzione di fare tutto il necessario per proteggere i propri interessi e messo in dubbio i futuri investimenti delle proprie aziende.

“È un momento politicamente molto interessante per il Regno Unito, che per uscire dalla UE deve districarsi senza aiuti in un mondo fatto di superpotenze economiche in guerra tra loro”. L’importanza di raggiungere importanti accordi commerciali è stata amplificata dalla crisi scatenata dal coronavirus. La Gran Bretagna è in ritardo rispetto all’Europa nella ripresa, e le prospettive - anche in assenza di complicazioni commerciali - sembrano fosche: centinaia di migliaia di licenziamenti sono già stati annunciati, e milioni di altri posti di lavoro sono a rischio. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha previsto che nel Regno Unito la produzione economica si ridurrà quest’anno più di qualsiasi altro paese sviluppato, e se mai ci fosse una seconda ondata la disoccupazione nel Regno Unito potrebbe raggiungere quasi il 15%. “La Brexit è un’ulteriore e pesante fonte di incertezza che le altre economie non hanno”.

Economia
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne
Morte e disperazione dietro la moda dei 'cristalli benefici'
Morte e disperazione dietro la moda dei
In Usa e in Europa dilaga la moda dei cristalli con presunti effetti magici. Ma vengono estratti nei paesi più poveri da adulti e bambini pagati pochissimo."Morti banche" per malattie e frane. Il caso Paltrow