La Hertz verso la bancarotta

| Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale

+ Miei preferiti
Un’altra vittima eccellente del Covid-19, il virus che sta facendo piazza pulita non solo di intere generazioni del genere umano, ma anche di colossi che sembravano inaffondabili. L’ultima in ordine di apparizione è la “Hertz”, leader mondiale dell’autonoleggio, nata nel 1918 a Chicago con una flotta di 10 Ford Model T, sopravvissuta alla Grande Depressione, alla Seconda Guerra Mondiale e ai numerosi shock dei prezzi del petrolio, e oggi presente in 145 paesi.

Poche ore fa, la società con sede a Park Ridge, nel New Jersey, ha presentato istanza di fallimento affermando di voler rimanere in attività dopo aver ristrutturato i propri debiti. “L’impatto del Covid-19 sulla domanda di viaggi è stato improvviso e drammatico, causando un brusco calo delle entrate dell’azienda e delle prenotazioni future – si legge in un una nota ufficiale della società - l’incertezza su quando potranno tornare i ricavi e quando il mercato dell’usato riaprirà completamente le vendite, ha reso necessaria l’azione”.

Si tratta della bancarotta di più alto profilo dall’inizio della pandemia, che ha portato al fallimento come illustri come “JCPenney”, “Neiman Marcus” e “J.Crew”, oltre ad alcune società energetiche come “Whiting Petroleum” e “Diamond Offshore Drilling”. Ma nessuna di queste aveva una quota così grande nel proprio settore come la Hertz, che insieme ai rivali di “Avis Budget” ed imprese private, dominano l’industria dell’autonoleggio.

L’intero settore è stato devastato dal crollo dei viaggi, visto che quasi due terzi delle entrate provengono dai noleggi presso gli aeroporti, resi deserti dal lockdown mondiale. La dichiarazione di fallimento non significa che la società sarà costretta a cessare l’attività: molte aziende hanno attraversato il processo registrando poco dopo profitti record, tra cui la General Motors e diverse compagnie aeree. Ma per contro molte delle aziende che hanno presentato istanza di fallimento con l’intenzione di rimanere in attività non sono riuscite a sopravvivere.

Hertz ha riferito che attraverso la procedura di bancarotta e l’appello al “Chapter 11” sarà in grado di creare “una struttura finanziaria più robusta che posiziona al meglio l'azienda nel futuro mentre naviga verso la generale ripresa economica globale”.

L’azienda, che noleggia auto con i marchi “Hertz”, “Dollar”, “Thrifty” e “Firefly”, ha già messo in pratica tagli profondi per arginare le perdite: 12.000 dipendenti in Nord America sono stati licenziati e altri 4.000 sono in aspettativa. All’inizio dell’anno, la forza lavoro complessiva negli Stati Uniti era di 38.000 dipendenti.

Hertz ha mancato un pagamento del 27 aprile che era dovuto a un gruppo di creditori che noleggiano veicoli nella flotta di Hertz. I finanziatori hanno prolungato il pagamento della rata fino al 22 maggio “con l’obiettivo di sviluppare una strategia e una struttura di finanziamento che riflettano meglio l’impatto economico della pandemia e le continue esigenze operative e di finanziamento”.

All’inizio di quest’anno la società disponeva di un totale di 568.000 veicoli e 12.400 sedi aziendali e in franchising in tutto il mondo: circa un terzo si trova negli aeroporti.

L’anno scorso ha registrato un fatturato annuo di 9,8 miliardi di dollari, un record, e il fatturato nel settore del noleggio auto è paragonabile a quello della rivale “Avis Budget Group”, ma la Hertz ha problemi precedenti alla pandemia: nel 2019 ha registrato una perdita netta di 58 milioni di dollari, comunque in calo rispetto ai 225 milioni di dollari dell’anno precedente.

La Hertz è stata fondata a Chicago poco più di un secolo fa da Walter Jacobs, che nel 1923 ha venduto l’azienda a John Hertz, capace di ampliato la flotta a 600 vetture e creare la prima rete di noleggio nazionale e nel 1932 la prima sede aeroportuale allo scalo di Chicago.

Hertz ha avuto un certo numero di proprietari di alto profilo, tra cui “RCA”, “United Airlines”, e più recentemente la “Ford”, che nel 2005 l’ha ceduta ad un gruppo di società di private equity per 5,6 miliardi di dollari. Attualmente, il suo principale azionista è l’investitore Carl Icahn, che possiede circa il 38% delle azioni.

I problemi della Hertz e di conseguenza del settore dell’autonoleggio sono una pessima notizia per le case automobilistiche di tutto il mondo: le società di autonoleggio sono tradizionalmente uno dei principali acquirenti di auto nuove.

Economia
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne
Morte e disperazione dietro la moda dei 'cristalli benefici'
Morte e disperazione dietro la moda dei
In Usa e in Europa dilaga la moda dei cristalli con presunti effetti magici. Ma vengono estratti nei paesi più poveri da adulti e bambini pagati pochissimo."Morti banche" per malattie e frane. Il caso Paltrow
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
Da un lato l’aggressivo Trump, dall’altro Xi Jinping che non si fa scrupoli nel replicare. Mai Cina e USA sono stati così ai ferri corti, con molti politologi convinti che nel mondo stia per iniziare un nuovo lungo periodo di guerra fredda
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
Bonus sino a 300 euro per convertire le auto a benzina all'uso del bio-etanolo, combustibile verde. Un piena di una Megane costa solo 20 euro. Il kit. di conversione da. 600 a 1200
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
L'impietosa analisi di Confartigianato sulla situazione di un settore in forte difficoltà. Ma anche qualche segnale positivo. In 10 anni perse 165mila unità produttive