L’Australia è in recessione

| Dopo tre decenni di crescita che l’avevano spinta fra le più sane economie del mondo, la pandemia e prima ancora la stagione dei devastanti incendi hanno ridotto il Pil, i consumi e il turismo

+ Miei preferiti
La pandemia di coronavirus ha ufficialmente spinto l’Australia nella sua prima recessione economica in quasi tre decenni. Il PIL del Paese ha subito una contrazione del 7% nel secondo trimestre dell’anno, ha dichiarato l’ABS (Australian Bureau of Statistics): un dato che segna il secondo trimestre consecutivo di ribassi, con il PIL ridotto dello 0,3% nel primo trimestre, il calo più forte dal 1959 e anche peggiore del calo previsto dagli analisti e stimato nel 5,9%.

Il governo incolpa della caduta la pandemia e le misure adottate per contenerla, aggiunte a problemi che il Paese si trascinava da tempo. Secondo l’Australian Tourism Export Council, la devastazione dei peggiori incendi della storia, che hanno flagellato il Paese all’inizio di quest’anno, avevano già incrinato pericolosamente i consumi e il turismo.

Nell’ultimo trimestre, le chiusure di alberghi, ristoranti e altri servizi a causa della pandemia hanno chiaramente subito un duro colpo: i consumi delle famiglie sono crollati di oltre il 12%, mentre la spesa per i servizi si è ridotta di quasi il 18%. “Abbiamo fatto tutto il possibile per attutire il colpo - ha commentato da Canberra il tesoriere Josh Frydenberg - la nostra priorità è e continuerà a essere salvare vite umane e garantire che il sistema sanitario australiano abbia la capacità di testare, rintracciare e curare i casi di coronavirus”.

Ma secondo gli esperti, i dolori potrebbero non essere finiti. Secondo la “Reserve Bank of Australia” il ritmo della ripresa resta incerto e legato alla persistenza dell’epidemia. Lo stato del Victoria - il secondo più popolato – in queste settimane sta sopportando restrizioni molto dure, varate dopo un’improvvisa e preoccupante seconda ondata del virus.

La recessione è una svolta imprevista per l’economia australiana, che ha goduto di 29 anni ininterrotti di crescita, in parte alimentata dalla voracità della Cina per le materie prime come minerali di ferro e carbone, mentre il paese cresceva fino a diventare la seconda economia più grande del mondo. La recessione è destinata a tenere sotto pressione la Reserve Bank of Australia, costretta a prendere in considerazione misure per mantenere a galla l’economia: la banca centrale ha già ridotto i tassi di interesse al minimo storico per aiutare imprese e famiglie.

La pandemia ha messo in crisi molte potenze mondiali: Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti - hanno visto le loro economie ridursi drasticamente nella prima metà del 2020.

Economia
Disney, 28mila dipendenti a casa
Disney, 28mila dipendenti a casa
Si tratta soprattutto di contratti part-time di personale delle divisioni parchi e resort, costretti alla chiusura da troppi mesi. L’utile operativo è sceso del 58% rispetto al 2019, con un miliardo di dollari di perdite
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In piena crisi di liquidità, la compagnia di bandiera australiana “Qantas” ha deciso di vendere i “bar carts” pieni di vino, snack e kit di cortesia. È stato un successo, ma anche la fine di un’epoca
L’economia cinese è in crescita
L’economia cinese è in crescita
È l’unica economia al mondo a mostrare chiari segni di ripresa e a registrare maggiore fiducia dei consumatori, aumento della produzione industriale e picchi di vendita di auto e immobili
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti