Le isole dei tesori

| Sono più d’una, e in realtà si chiamano paradisi fiscali. L’Ecofin ha appena aggiornato l’elenco, ma con dimenticanze macroscopiche

+ Miei preferiti
L’Ecofin, acronimo di Consiglio Economia e Finanza, composto dai ministri delle finanze degli stati membri, è una delle espressioni più delicate del Consiglio dell’Unione Europa. Si occupano di coordinare le economie europee, di tenere sotto sorveglianza la situazione economica, di monitorare le politiche di bilancio, dell’Euro, delle relazioni economiche e dei movimenti di capitale. Proprio sulla base di quest’ultimo punto, l’Ecofin ha diffuso un elenco aggiornato dei nuovi paradisi fiscali, che cambiano con la stessa velocità con cui miliardi di euro si involano facendo perdere ogni traccia. Nella nuova “black list”, si aggiungono Aruba, Barnados, Belize, Bermida, Dominica, Emirati Arabi Uniti, Fiji, Isole Marshall, Oman e Vanuatu. Ma le polemiche non mancano, perché dall’elenco sono rimasti esclusi Paesi su cui pendono forti sospetti di essere “offshore”, spesso al centro di inchieste giornalistiche che hanno svelato movimenti, traffici e corruzione. A sottolinearlo è la “Oxfam” (Oxford Committee for Famine Relief), confederazione internazionale che raccoglie 18 organizzazioni no profit di paesi diversi, secondo cui alla blacklist mancano in modo inspiegabile paesi offshore come Bahamas, Isole Vergini britanniche, Isole Cayman, Guernsey, Isola di Man e Jersey, ma anche diversi paradisi fiscali comunitari: Irlanda, Olanda, Lussemburgo, Cipro e Malta. Questi ultimi facevano parte del corposo dossier “Off the Hook”, in cui si specificava che lo spostamento di profitti è costato a Italia, Germania, Francia e Spagna 35,1 miliardi di dollari in gettito fiscale. Proprio lasciar fuori i paradisi fiscali europei, conclude la Oxfam, “significa mettere a rischio la credibilità della blacklist”. 

In realtà, il trasferimento di forti somme di denaro all’estero è una questione su cui molti paesi agiscono in modo diverso: molti ammettono società nei così detti paradisi fiscali, a patto che tutto sia fatto in modo legale e trasparente.

La stesura della lista non è mai cosa semplice: per interessi propri, i diversi paesi europei hanno spesso posizioni diverse. L’Italia, ad esempio, era contraria ad inserire nell’elenco gli Emirati Arabi Uniti. Chissà perché.

Economia
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE
Vizi statali e pubblici debiti
Vizi statali e pubblici debiti
Dal recuperare l’oro delle monete alla tassa sul macinato, fino all’emissione inconsulta di titoli di stato a breve scadenza: le soluzioni di chi governa per ridurre l’indebitamento statale. Le differenze fra Italia e Francia
Paese che vai, corruzione che trovi
Paese che vai, corruzione che trovi
Un’organizzazione internazionale non governativa calcola il “Corruption Perceptions Index” (CPI) per quantificare il modo in cui viene percepita la corruzione in 180 nazioni. Tra gli stati più virtuosi numerosi quelli europei
The China Planet
The China Planet
Sono enormi le potenzialità di Pechino per penetrare nel tessuto economico del mondo occidentale e di conquistarne il controllo. Non soltanto con attività commerciali ma anche esportando armi: è quanto succede in Africa