Le isole dei tesori

| Sono più d’una, e in realtà si chiamano paradisi fiscali. L’Ecofin ha appena aggiornato l’elenco, ma con dimenticanze macroscopiche

+ Miei preferiti
L’Ecofin, acronimo di Consiglio Economia e Finanza, composto dai ministri delle finanze degli stati membri, è una delle espressioni più delicate del Consiglio dell’Unione Europa. Si occupano di coordinare le economie europee, di tenere sotto sorveglianza la situazione economica, di monitorare le politiche di bilancio, dell’Euro, delle relazioni economiche e dei movimenti di capitale. Proprio sulla base di quest’ultimo punto, l’Ecofin ha diffuso un elenco aggiornato dei nuovi paradisi fiscali, che cambiano con la stessa velocità con cui miliardi di euro si involano facendo perdere ogni traccia. Nella nuova “black list”, si aggiungono Aruba, Barnados, Belize, Bermida, Dominica, Emirati Arabi Uniti, Fiji, Isole Marshall, Oman e Vanuatu. Ma le polemiche non mancano, perché dall’elenco sono rimasti esclusi Paesi su cui pendono forti sospetti di essere “offshore”, spesso al centro di inchieste giornalistiche che hanno svelato movimenti, traffici e corruzione. A sottolinearlo è la “Oxfam” (Oxford Committee for Famine Relief), confederazione internazionale che raccoglie 18 organizzazioni no profit di paesi diversi, secondo cui alla blacklist mancano in modo inspiegabile paesi offshore come Bahamas, Isole Vergini britanniche, Isole Cayman, Guernsey, Isola di Man e Jersey, ma anche diversi paradisi fiscali comunitari: Irlanda, Olanda, Lussemburgo, Cipro e Malta. Questi ultimi facevano parte del corposo dossier “Off the Hook”, in cui si specificava che lo spostamento di profitti è costato a Italia, Germania, Francia e Spagna 35,1 miliardi di dollari in gettito fiscale. Proprio lasciar fuori i paradisi fiscali europei, conclude la Oxfam, “significa mettere a rischio la credibilità della blacklist”. 

In realtà, il trasferimento di forti somme di denaro all’estero è una questione su cui molti paesi agiscono in modo diverso: molti ammettono società nei così detti paradisi fiscali, a patto che tutto sia fatto in modo legale e trasparente.

La stesura della lista non è mai cosa semplice: per interessi propri, i diversi paesi europei hanno spesso posizioni diverse. L’Italia, ad esempio, era contraria ad inserire nell’elenco gli Emirati Arabi Uniti. Chissà perché.

Economia
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne