Macron blocca FCA, addio fusione

| Il gruppo italo-americano ritira la proposta di fusione con Renault dopo il no del governo francese. Nissan in linea con Parigi. Titoli Fca -3,71 in apertura

+ Miei preferiti
Il consiglio di amministrazione di Renault conferma di aver rinviato la sua decisione sulle nozze con Fiat Chrysler su richiesta dello Stato francese. Ed Fca ritira da parte sua la proposta di fusione per Renault. Titoli di Fca in calo a Wall Street nelle contrattazioni after hours, a -3,71%.

Spiega la nota del Consiglio di amministrazione di Fiat Chrysler Automobiles : "Il Cda ha deciso di ritirare con effetto immediato la proposta di fusione avanzata a Groupe Renault. Fca continua a essere fermamente convinta della stringente logica evolutiva di una proposta che ha ricevuto ampio apprezzamento sin dal momento in cui è stata formulata e la cui struttura e condizioni erano attentamente bilanciati al fine di assicurare sostanziali benefici a tutte le parti. E' tuttavia divenuto chiaro che non vi sono attualmente in Francia le condizioni politiche perché una simile fusione proceda con successo. Fca esprime sincera gratitudine a Groupe Renault, in particolare al suo presidente, al suo amministratore delegato ed agli Alliance Partners, Nissan Motor Company e Mitsubishi Motors Corporation, per il loro costruttivo impegno in merito a tutti gli aspetti della proposta di Fca. Fca continuerà a perseguire i propri obiettivi implementando la propria strategia indipendente".  Il consiglio di amministrazione di Renault, co dopo sei ore di discussione, ha preso atto della "contrarietà" dai rappresentanti dello Stato francese e di  "rinviare il voto a un consiglio ulteriore". Decisivo l'atteggiamento di Nissan ostile all'operazione, che avrebbe messo a rischio l'alleanza con il gruppo francese. Si potrebbe ipotizzare che sia Nissan che renault, molto avanti con i progetti sull'elettrico, non vogliano condividere con FCA il frutto dei costosi investimenti del passato. E l'Italia del governo gialloverde non aiuta, in questo momento politico, a promuovere alleanze strategiche nell'Europa anti-populista e contro il sovranismo. Ma c'è tempo per le interpretazioni. Il mercato ha reagito punendo i titoli FCA. Un altro segnale.

 
Economia
Facebook, multa record: 5 miliardi
Facebook, multa record: 5 miliardi
Lo ha deciso la Federal Trade Commission, con l'appoggio dei repubblicani e il no dei Dem. E' la più alta mai contestata. Al centro il caso Cambridge Analytics. Manca ancora un passaggio
Crack Qui! Group, fondatore e 5 manager in carcere
Crack Qui! Group, fondatore e 5 manager in carcere
Buco da 182 milini, la Finanza sequestra beni e conti correnti degli arrestati, compreso il Moody, storico locale di Genova. La parabola di Gregorio Fogliani. Creditori per 32 milioni, tra loro baristi e ristoratori
Germany for Africa
Germany for Africa
La cancelliera Merkel ha avviato un piano di investimenti per agevolare l’ingresso delle aziende tedesche nei piani produttivi di Paesi africani. Tra gli obiettivi promuovere le energie sostenibili e rafforzare lo sviluppo infrastrutturale
Bitcoin, ottavo rialzo in pochi giorni
Bitcoin, ottavo rialzo in pochi giorni
Ora vola verso i 13mila dollari dopo essere sceso a 3mila. Gli effetti della crisi cominciano a farsi sentire a livello globale. Boom dei beni-rifugio
PARTONO I BANDI TAV, GIORNATA STORICA
PARTONO I BANDI TAV, GIORNATA STORICA
Dopo la estenuante melina di Toninelli e dei grillini, finalmente partono i bandi per i lavori del tunnel di base anche in Italia, dopo l'avvio dei cantieri sul versante francese. Il presidente della Regione: "Via libera ai finanziamenti"
La tassa nascosta dello spread
La tassa nascosta dello spread
Gli analisti concordano nell’affermare che uno spread elevato ha effetti negativi su economia e stabilità finanziaria delle nazioni. Tuttavia, l’opinione pubblica italiana anestetizzata da demagogie e populismi sembra non accorgersene
Il Paese dei MiniBot people
Il Paese dei MiniBot people
Mentre la Svizzera fa i conti con una valuta considerata un bene-rifugio, in Italia i nuovi titoli pensati dal Governo sollevano perplessità: in molti credono che la loro introduzione serva a eludere le regole di bilancio dell’euro-zona
Chi presta i soldi al mondo
Chi presta i soldi al mondo
L’importo del debito pubblico del nostro pianeta è una cifra così elevata che il nostro cervello non può neanche prenderla in considerazione. Non sarà mai ripagata e la sua presenza resta il peggior deterrente per la libertà dell’umanità
Buio pesto sul settore auto
Buio pesto sul settore auto
Lo rivela l’Istat, che parla di una brusca frenata della produzione industriale, con il settore auto che annaspa con un calo del 17,1% rispetto al 2018
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%