Multa record e inchieste ma Facebook sale in borsa

| Cinque miliardi di multa, la più alta mai comminata in USA e nuove inchieste in vista, sulla posizione dominate dei giganti del we. Ma il il caso Cambridge Analytics è già in archivia. Il mercato premia Facebook

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

La borsa dà un responso chiaro. Dopo la multa record di 5 miliardi di dollari (il 10 per cento del fatturato 2018 di Facebook, pari a 56 miliardi), il titolo invece di scendere è sensibilmente salito. Fine della crisi. Ma restano gli interrogativi. Mr. Zuckerberg guarda già oltre: “Abbiamo la responsabilità di proteggere la privacy delle persone. Lavoriamo già duramente per far fronte a questa responsabilità, ma ora stabiliremo uno standard completamente nuovo per il nostro settore”, si legge in un post di Zuckerberg. “Abbiamo deciso di pagare una multa storica, ma ancora più importante, apporteremo alcune importanti modifiche strutturali al modo in cui costruiamo i prodotti e gestiamo questa società”, ha aggiunto, sottolineando come i cambiamenti messi in cantiere “vanno al di là di quanto richiesto dalla attuale legge statunitense”. La Federal Trade Commission statunitense ha annunciato di aver trovato l’accordo con il social network che chiude il caso aperto nel marzo 2018 dopo lo scandalo di Cambridge Analytica, quando la società aveva “impropriamente condiviso” i dati di 87 milioni di utenti del social network. Ma partono altre altre inchieste delle istituzioni Usa, su ruolo di dominus dei giganti del web che sfiorano ormai il controllo assoluto di gran parte dell’economia globale.

L’accordo è stato approvato dalla FTC con i voti a favore dei tre membri repubblicani, e i due contrari dei membri democratici. Oltre alla multa, la più alta mai inflitta a una società informatica e che si aggiunge ai 100 milioni chiesti dalla Sec, l’autorità di borsa Usa, l’accordo prevede la creazione di una commissione indipendente che toglie al Ceo di Facebook il “controllo illimitato sulle decisioni riguardanti la privacy degli utenti”. Inoltre, è stato chiesta una maggiore supervisione sulle app di parti terze. “La multa record è stata pensata per punire non solo violazioni future ma, cosa più importante, per cambiare l’intera cultura Facebook legata alla privacy, al fine di abbassare le probabilità di violazioni continue”, ha commentato Joe Simons, il presidente della Ftc.

Per Jody Hunt, del dipartimento della Giustizia, l’obiettivo è “proteggere i dati dei consumatori e garantire che le aziende di social media come Facebook non ingannino le persone sull’uso delle loro informazioni personali”. Rohit Chopra, uno dei due membri democratici della FTC, non è invece soddisfatto. “Quando le società posso violare la legga, pagare multe salate ma continuare a essere in utile e a mantenere intatto il loro modello di utile, non si può cantare vittoria”, ha spiegato.E la risposta dei mercati è la risposta più eloquente.

Economia
La crisi dell’impero di Topolino
La crisi dell’impero di Topolino
La colossale “Walt Disney Company” ha annunciato di dover rivedere al rialzo il numero di licenziamenti previsti: parchi a tema e cinema chiusi costeranno il lavoro a 32.000 dipendenti
Disney, 28mila dipendenti a casa
Disney, 28mila dipendenti a casa
Si tratta soprattutto di contratti part-time di personale delle divisioni parchi e resort, costretti alla chiusura da troppi mesi. L’utile operativo è sceso del 58% rispetto al 2019, con un miliardo di dollari di perdite
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In vendita i carrelli delle bibite per fare cassa
In piena crisi di liquidità, la compagnia di bandiera australiana “Qantas” ha deciso di vendere i “bar carts” pieni di vino, snack e kit di cortesia. È stato un successo, ma anche la fine di un’epoca
L’economia cinese è in crescita
L’economia cinese è in crescita
È l’unica economia al mondo a mostrare chiari segni di ripresa e a registrare maggiore fiducia dei consumatori, aumento della produzione industriale e picchi di vendita di auto e immobili
L’Australia è in recessione
L’Australia è in recessione
Dopo tre decenni di crescita che l’avevano spinta fra le più sane economie del mondo, la pandemia e prima ancora la stagione dei devastanti incendi hanno ridotto il Pil, i consumi e il turismo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard