Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE

| Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing

+ Miei preferiti
Ha iniziato lui, come sempre, il più rissoso della compagnia: Donald Trump. Per tamponare le perdite della “Boeing”, trascinata all’ingiù dal “737 Max 8” contro cui si è schierato il mondo intero, il presidente americano ha tirato fuori dal cassetto una vecchia storia che riguarda gli aiuti economici con cui la UE favorirebbe l’Airbus, principale competitor della Boeing, visti i recenti accadimenti balzata in posizione di dominanza sul mercato aeronautico, e in più reduce da un recente ordine di 300 Airbus strappato durante la recente visita europea del presidente cinese Xi Jinping.

Nel tweet al curaro, Trump parla di notizia confermata dall’organizzazione mondiale al commercio, tuonando: “L’Unione Europea si è approfittata degli Stati Uniti sul commercio per molti anni. Ma presto si fermerà”. Da qui l’annuncio di nuove tariffe per compensare le perdite, concentrate sia su velivoli e componenti Airbus, ma anche su decine di prodotti alimentari, compresi vini, formaggi e oli italiani. “Quando la UE metterà fine a questi sussidi dannosi, i dazi addizionali potranno essere revocati”, ha commentato Robert Lightizer, responsabile americano per il commercio. Parole e minacce che da Bruxelles respingono con forza: sulla guerra commerciale Airbus-Boeing si è pronunciata il 28 marzo scorso l’OMC (World Trade Organisation) con una sentenza in cui la UE, “per permettere alla aziende di competere sul mercato a condizioni eque”, era autorizzata a sovvenzionare la Airbus, esattamente come gli USA fanno da tempo con la Boeing attraverso sussidi e misure di sostegno.

Da qui la solita risposta trumpiana, con la minaccia di nuovi dazi per circa 11 miliardi di dollari verso prodotti di importazione europea come elicotteri, motociclette, abbigliamento e prodotti alimentari come il pecorino, l’Emmental, il cheddar, yogurt, burro, vini frizzanti, agrumi, olio d’oliva e marmellata. Misure che saranno attivate dopo le stime fatte dal WTO per “compensare” al centesimo i sussidi europei alla Airbus.

E la UE non è rimasta a guardare, annunciando una reazione proporzionata che si stima sia intorno ai 20 miliardi di dollari verso prodotti americani importati nel vecchio continente. Un paniere lungo 11 pagine che sarà svelato nel dettaglio la prossima settimana, ma che quasi certamente includerà i vini e le prugne californiane, snack come “Mars”, “Twix”, M&Ms”, chewing-gum, tabacco, vaniglia, caffè, pesce surgelato, succhi, frutta secca, olio di semi, biliardi, videogiochi, elicotteri, valigie, borse, prodotti chimici e macchinari agricoli. Anche in questo caso, sarà l’arbitrato della WTO a stabilire determinare la cifra che in base gli accordi Usa e UE hanno diritto di imporsi a vicenda.

I tempi perché tutto questo diventi operativo non si annunciando brevissimi: fra l’estate e l’autunno la WTO dovrebbe aver stabilito l’entità dei dazi, che potrebbero entrare in vigore non prima del 2020. C’è tutto il tempo per fare pace, auspicano in molti.

Economia
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne
Morte e disperazione dietro la moda dei 'cristalli benefici'
Morte e disperazione dietro la moda dei
In Usa e in Europa dilaga la moda dei cristalli con presunti effetti magici. Ma vengono estratti nei paesi più poveri da adulti e bambini pagati pochissimo."Morti banche" per malattie e frane. Il caso Paltrow
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
Da un lato l’aggressivo Trump, dall’altro Xi Jinping che non si fa scrupoli nel replicare. Mai Cina e USA sono stati così ai ferri corti, con molti politologi convinti che nel mondo stia per iniziare un nuovo lungo periodo di guerra fredda
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
Bonus sino a 300 euro per convertire le auto a benzina all'uso del bio-etanolo, combustibile verde. Un piena di una Megane costa solo 20 euro. Il kit. di conversione da. 600 a 1200
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
L'impietosa analisi di Confartigianato sulla situazione di un settore in forte difficoltà. Ma anche qualche segnale positivo. In 10 anni perse 165mila unità produttive
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Crollo del peso, borsa in caduta libera. In pericolo che gli accordo con FMI, torna l'incubo dei titoli di Stato. Il Paese verso la bancarotta