Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE

| Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing

+ Miei preferiti
Ha iniziato lui, come sempre, il più rissoso della compagnia: Donald Trump. Per tamponare le perdite della “Boeing”, trascinata all’ingiù dal “737 Max 8” contro cui si è schierato il mondo intero, il presidente americano ha tirato fuori dal cassetto una vecchia storia che riguarda gli aiuti economici con cui la UE favorirebbe l’Airbus, principale competitor della Boeing, visti i recenti accadimenti balzata in posizione di dominanza sul mercato aeronautico, e in più reduce da un recente ordine di 300 Airbus strappato durante la recente visita europea del presidente cinese Xi Jinping.

Nel tweet al curaro, Trump parla di notizia confermata dall’organizzazione mondiale al commercio, tuonando: “L’Unione Europea si è approfittata degli Stati Uniti sul commercio per molti anni. Ma presto si fermerà”. Da qui l’annuncio di nuove tariffe per compensare le perdite, concentrate sia su velivoli e componenti Airbus, ma anche su decine di prodotti alimentari, compresi vini, formaggi e oli italiani. “Quando la UE metterà fine a questi sussidi dannosi, i dazi addizionali potranno essere revocati”, ha commentato Robert Lightizer, responsabile americano per il commercio. Parole e minacce che da Bruxelles respingono con forza: sulla guerra commerciale Airbus-Boeing si è pronunciata il 28 marzo scorso l’OMC (World Trade Organisation) con una sentenza in cui la UE, “per permettere alla aziende di competere sul mercato a condizioni eque”, era autorizzata a sovvenzionare la Airbus, esattamente come gli USA fanno da tempo con la Boeing attraverso sussidi e misure di sostegno.

Da qui la solita risposta trumpiana, con la minaccia di nuovi dazi per circa 11 miliardi di dollari verso prodotti di importazione europea come elicotteri, motociclette, abbigliamento e prodotti alimentari come il pecorino, l’Emmental, il cheddar, yogurt, burro, vini frizzanti, agrumi, olio d’oliva e marmellata. Misure che saranno attivate dopo le stime fatte dal WTO per “compensare” al centesimo i sussidi europei alla Airbus.

E la UE non è rimasta a guardare, annunciando una reazione proporzionata che si stima sia intorno ai 20 miliardi di dollari verso prodotti americani importati nel vecchio continente. Un paniere lungo 11 pagine che sarà svelato nel dettaglio la prossima settimana, ma che quasi certamente includerà i vini e le prugne californiane, snack come “Mars”, “Twix”, M&Ms”, chewing-gum, tabacco, vaniglia, caffè, pesce surgelato, succhi, frutta secca, olio di semi, biliardi, videogiochi, elicotteri, valigie, borse, prodotti chimici e macchinari agricoli. Anche in questo caso, sarà l’arbitrato della WTO a stabilire determinare la cifra che in base gli accordi Usa e UE hanno diritto di imporsi a vicenda.

I tempi perché tutto questo diventi operativo non si annunciando brevissimi: fra l’estate e l’autunno la WTO dovrebbe aver stabilito l’entità dei dazi, che potrebbero entrare in vigore non prima del 2020. C’è tutto il tempo per fare pace, auspicano in molti.

Economia
Facebook, multa record: 5 miliardi
Facebook, multa record: 5 miliardi
Lo ha deciso la Federal Trade Commission, con l'appoggio dei repubblicani e il no dei Dem. E' la più alta mai contestata. Al centro il caso Cambridge Analytics. Manca ancora un passaggio
Crack Qui! Group, fondatore e 5 manager in carcere
Crack Qui! Group, fondatore e 5 manager in carcere
Buco da 182 milini, la Finanza sequestra beni e conti correnti degli arrestati, compreso il Moody, storico locale di Genova. La parabola di Gregorio Fogliani. Creditori per 32 milioni, tra loro baristi e ristoratori
Germany for Africa
Germany for Africa
La cancelliera Merkel ha avviato un piano di investimenti per agevolare l’ingresso delle aziende tedesche nei piani produttivi di Paesi africani. Tra gli obiettivi promuovere le energie sostenibili e rafforzare lo sviluppo infrastrutturale
Bitcoin, ottavo rialzo in pochi giorni
Bitcoin, ottavo rialzo in pochi giorni
Ora vola verso i 13mila dollari dopo essere sceso a 3mila. Gli effetti della crisi cominciano a farsi sentire a livello globale. Boom dei beni-rifugio
PARTONO I BANDI TAV, GIORNATA STORICA
PARTONO I BANDI TAV, GIORNATA STORICA
Dopo la estenuante melina di Toninelli e dei grillini, finalmente partono i bandi per i lavori del tunnel di base anche in Italia, dopo l'avvio dei cantieri sul versante francese. Il presidente della Regione: "Via libera ai finanziamenti"
La tassa nascosta dello spread
La tassa nascosta dello spread
Gli analisti concordano nell’affermare che uno spread elevato ha effetti negativi su economia e stabilità finanziaria delle nazioni. Tuttavia, l’opinione pubblica italiana anestetizzata da demagogie e populismi sembra non accorgersene
Il Paese dei MiniBot people
Il Paese dei MiniBot people
Mentre la Svizzera fa i conti con una valuta considerata un bene-rifugio, in Italia i nuovi titoli pensati dal Governo sollevano perplessità: in molti credono che la loro introduzione serva a eludere le regole di bilancio dell’euro-zona
Chi presta i soldi al mondo
Chi presta i soldi al mondo
L’importo del debito pubblico del nostro pianeta è una cifra così elevata che il nostro cervello non può neanche prenderla in considerazione. Non sarà mai ripagata e la sua presenza resta il peggior deterrente per la libertà dell’umanità
Buio pesto sul settore auto
Buio pesto sul settore auto
Lo rivela l’Istat, che parla di una brusca frenata della produzione industriale, con il settore auto che annaspa con un calo del 17,1% rispetto al 2018
Macron blocca FCA, addio fusione
Macron blocca FCA, addio fusione
Il gruppo italo-americano ritira la proposta di fusione con Renault dopo il no del governo francese. Nissan in linea con Parigi. Titoli Fca -3,71 in apertura