Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE

| Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing

+ Miei preferiti
Ha iniziato lui, come sempre, il più rissoso della compagnia: Donald Trump. Per tamponare le perdite della “Boeing”, trascinata all’ingiù dal “737 Max 8” contro cui si è schierato il mondo intero, il presidente americano ha tirato fuori dal cassetto una vecchia storia che riguarda gli aiuti economici con cui la UE favorirebbe l’Airbus, principale competitor della Boeing, visti i recenti accadimenti balzata in posizione di dominanza sul mercato aeronautico, e in più reduce da un recente ordine di 300 Airbus strappato durante la recente visita europea del presidente cinese Xi Jinping.

Nel tweet al curaro, Trump parla di notizia confermata dall’organizzazione mondiale al commercio, tuonando: “L’Unione Europea si è approfittata degli Stati Uniti sul commercio per molti anni. Ma presto si fermerà”. Da qui l’annuncio di nuove tariffe per compensare le perdite, concentrate sia su velivoli e componenti Airbus, ma anche su decine di prodotti alimentari, compresi vini, formaggi e oli italiani. “Quando la UE metterà fine a questi sussidi dannosi, i dazi addizionali potranno essere revocati”, ha commentato Robert Lightizer, responsabile americano per il commercio. Parole e minacce che da Bruxelles respingono con forza: sulla guerra commerciale Airbus-Boeing si è pronunciata il 28 marzo scorso l’OMC (World Trade Organisation) con una sentenza in cui la UE, “per permettere alla aziende di competere sul mercato a condizioni eque”, era autorizzata a sovvenzionare la Airbus, esattamente come gli USA fanno da tempo con la Boeing attraverso sussidi e misure di sostegno.

Da qui la solita risposta trumpiana, con la minaccia di nuovi dazi per circa 11 miliardi di dollari verso prodotti di importazione europea come elicotteri, motociclette, abbigliamento e prodotti alimentari come il pecorino, l’Emmental, il cheddar, yogurt, burro, vini frizzanti, agrumi, olio d’oliva e marmellata. Misure che saranno attivate dopo le stime fatte dal WTO per “compensare” al centesimo i sussidi europei alla Airbus.

E la UE non è rimasta a guardare, annunciando una reazione proporzionata che si stima sia intorno ai 20 miliardi di dollari verso prodotti americani importati nel vecchio continente. Un paniere lungo 11 pagine che sarà svelato nel dettaglio la prossima settimana, ma che quasi certamente includerà i vini e le prugne californiane, snack come “Mars”, “Twix”, M&Ms”, chewing-gum, tabacco, vaniglia, caffè, pesce surgelato, succhi, frutta secca, olio di semi, biliardi, videogiochi, elicotteri, valigie, borse, prodotti chimici e macchinari agricoli. Anche in questo caso, sarà l’arbitrato della WTO a stabilire determinare la cifra che in base gli accordi Usa e UE hanno diritto di imporsi a vicenda.

I tempi perché tutto questo diventi operativo non si annunciando brevissimi: fra l’estate e l’autunno la WTO dovrebbe aver stabilito l’entità dei dazi, che potrebbero entrare in vigore non prima del 2020. C’è tutto il tempo per fare pace, auspicano in molti.

Economia
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE
Vizi statali e pubblici debiti
Vizi statali e pubblici debiti
Dal recuperare l’oro delle monete alla tassa sul macinato, fino all’emissione inconsulta di titoli di stato a breve scadenza: le soluzioni di chi governa per ridurre l’indebitamento statale. Le differenze fra Italia e Francia
Paese che vai, corruzione che trovi
Paese che vai, corruzione che trovi
Un’organizzazione internazionale non governativa calcola il “Corruption Perceptions Index” (CPI) per quantificare il modo in cui viene percepita la corruzione in 180 nazioni. Tra gli stati più virtuosi numerosi quelli europei
The China Planet
The China Planet
Sono enormi le potenzialità di Pechino per penetrare nel tessuto economico del mondo occidentale e di conquistarne il controllo. Non soltanto con attività commerciali ma anche esportando armi: è quanto succede in Africa
Spicciati: progetti da pochi centesimi
Spicciati: progetti da pochi centesimi
L’idea di un’associazione, sposata in pieno dal ministro Centinaio, è di dotare le tabaccherie di contenitori in cui liberarsi degli ingombranti centesimi. Le somme serviranno per finanziare lavoro e progetti