Schiavi Amazon: 'Fai pipì nella bottiglia, non c'è tempo'

| Grande protesta internazionale in UK contro Amazon e Jeff Bezos: "Non siamo robot", urlano i dipendenti schiavizzati. I sindacati: "Donne incinte discriminate, turni massacranti". L'azienda: "Proteste immotivate"

+ Miei preferiti

I lavoratori di Amazon devono urinare in bottiglie di plastica piuttosto che andare in bagno durante i turni. Troppo distanti le toilette dalla piattaforma e non ci si può fermare per andare in bagno.Lo denuncia una folla di manifestanti contro il gigante di Internet in tutto il Regno Unito per chiedere il miglioramento delle condizioni dei lavoratori. Le dimostrazioni si sono tenute a Milton Keynes, Rugeley, Swansea, Peterborough, Warrington, Coventry e Doncaster. Coordinati dal sindacato generale della GMB hanno anche chiesto che Amazon paghi un contributo fiscale "reale e sostanziale". Portano striscioni e cartelli che dicono al proprietario - e all'uomo più ricco del mondo - Jeff Bezos: "We Are Not Robots".

I funzionari dell'Unione affermano che stanno intervenendo dopo che negli ultimi quattro anni sono state presentate oltre 600 denunce contro Amazon all'Health and Safety Executive .

Un portavoce ha detto: "Compresa quella che racconta come i lavoratori siano costretti ad usare bottiglie di plastica per urinare invece di andare in bagno, e le donne incinte costrette a stare in piedi per ore e prese di mira per il licenziamento”. Ai manifestanti si sono uniti alla protesta Jack Dromey, deputato laburista di Birmingham Erdington, e sei membri dell'Unione spagnola del CCOOO, che hanno colpito per le stesse pessime condizioni di lavoro.

Altri picchetti hanno già avuto luogo in Germania, Polonia e Stati Uniti questa settimana, in coincidenza con quello che l'azienda chiama Amazon Prime Day, quando ai clienti vengono offerti grandi sconti. Steve Garelick, organizzatore regionale della GMB, ha dichiarato che il sindacato è "desideroso di vedere un cambiamento radicale, lavorare con un sindacato porta benefici”. Ha aggiunto: "Fino a quando non vedremo un miglioramento della situazione dei lavoratori, continueremo a protestare".

Ma un portavoce di Amazon replica: "Questi gruppi stanno facendo credere che la disinformazione sia a loro favore, mentre in realtà offriamo già le cose che pretendono di essere la loro causa - stipendi leader del settore, benefit e un luogo di lavoro sicuro per i nostri dipendenti. Possiamo solo concludere che le persone che partecipano agli eventi non sono semplicemente informate.  Incoraggiamo tutti a prenotare un tour di uno dei nostri centri di realizzazione e a confrontare la nostra retribuzione complessiva, i benefici e l'ambiente di lavoro con altri rivenditori e i principali datori di lavoro in tutto il paese".

 
Economia
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne