Spicciati: progetti da pochi centesimi

| L’idea di un’associazione, sposata in pieno dal ministro Centinaio, è di dotare le tabaccherie di contenitori in cui liberarsi degli ingombranti centesimi. Le somme serviranno per finanziare lavoro e progetti

+ Miei preferiti
Dall’avvento dell’Euro, la moneta unica europea che dal 1° gennaio 2002 circola nelle tasche dei cittadini di 19 stati membri, i centesimi sono stati un problema. Valgono poco ma pesano tanto, servino solo a mascherare i prezzi e finiscono regolarmente in recipienti sparsi per la casa, in attesa di chissà che.

Ad uno scopo, e anche nobile, ci ha pensato “Start Italy”, un’associazione senza scopo di lucro che ha presentato al ministero delle politiche agricole, forestali e del turismo, alla presenza del ministro Centinaio, un progetto dal nome singolare: “Spicciati”. Dal 1° maggio prossimo, nelle 56mila tabaccherie italiane sarà possibile liberarsi degli “scarti” dell’euro, ovvero i “ramini”, le monetine da 1, 2 e 5 centesimi, statisticamente poco utilizzate, da inserire in appositi contenitori.



In realtà, assicurano gli ideatori del progetto, “Secondo dati della Banca d’Italia del 2017 rappresentano un valore pari a 198 milioni di euro e un costo non indifferente per lo Stato. Invece, dal prossimo maggio, sarà possibile recuperarle per creare occupazione”. In pratica, le somme in centesimi raccolte, pubblicate in piena trasparenza ogni mese, saranno destinate a finanziare progetti dedicati a turismo, ambiente, cultura, bioeconomy, social innovation ed energia, valutati da apposite commissioni tecnico scientifiche. “Chiediamo agli italiani il minimo sindacale: minimo un centesimo massimo 5”.

Galleria fotografica
Spicciati: progetti da pochi centesimi - immagine 1
Economia
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne