Tav, condannata a una dolce morte

| Opposizione all'attacco: "la Lega ringrazia Di Maio per averlo salvato dal processo Diciotti con il sacrificio della Tav". Ambigua posizione dei leghisti nella votazione della mozione di Forza Italia. Così si perdono i finanziamenti

+ Miei preferiti

Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, vuole la Tav Torino-Lione ma la sua maggioranza è pronta a mandare in fumo cantieri e finanziamenti UE e a pagare le penali per il macanto rispetto degli impegni internazionali. "Tutti i cantieri pubblici già cominciati, quelli che sono stati già oggetto di contratti, di trattati, di accordi internazionali, devono realizzarsi", ha detto ad un giornalista della tv francese riguardo proprio la Torino-Lione, mentre il grillino Di Stefano ribadisce: "E' un'opera che costerebbe a tutti gli italiani sette miliardi a perdere. Per noi è un'opera che va fermata del tutto". Lo ha detto il sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano interpellato dai cronisti sulla Tav mentre lasciava palazzo Chigi prima che iniziasse il consiglio dei ministri.

    Ma Salvini e la Lega, dopo l’insperato salvataggio dal processo Diciotti grazie a Di Maio e alla Casaleggio Associati, forse per puro caso, voteranno lunedì la mozione che in pratica condanna l’insfrastruttura alla morte per eutanasia.  E poche ore fa Salvini ha detto: "C'è nel contratto e negli accordi che il progetto andava rivisto e poteva essere ridimensionato fino a un taglio di 1 miliardo di opere che potevano essere evitate, per esempio investendo sulla metropolitana di Torino, e così stiamo facendo. Io lavoro per un Paese che va avanti, ci sono anche altre sensibilità al Governo. E se si può tagliare su alcune spese, su costi spropositati, è giusto ragionarci, pur conservando l'opera", ha affermato il vicepremier. Ma la realtà sembra un'altra.

.Ancora blocchi, ancora ritardi, così i cantieri si spegneranno lentamente. E addio promesse al Nord e a tutto il resto, una vera truffa confeziona anche male, con l’ombra del voto di scambio tra gli ex lumbard  e i grillini. "Ridiscutere integralmente il progetto della Torino-Lione, nell'applicazione dell'accordo tra Italia e Francia": rimanda al contratto di governo la mozione sulla Tav, a firma del capogruppo della Lega alla Camera Riccardo Molinari,in votazione oggi, quando l'Aula di Montecitorio esaminerà anche la mozione sì Tav di Forza Italia. Per il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, approvare il documento significa "mettere una pietra tombale”. Molinari non ci prova nemmeno a rassicurare nessuno, la posizione della Lega, dice, "resta la stessa", ovvero "valutare come realizzare quest'opera nel rispetto degli accordi internazionali". In sostanza, dopo il caso Diciotti, i due partiti di governo hanno deciso per una tregua armata in vista della conclusione della tornata delle elezioni amministrative e delle prossime europee, scrive l’Ansa. 

Ma le opposizioni attaccano: ”Salvini ha ceduto, si palesa lo scambio tra il No alla Tav e la non autorizzazione a procedere sul caso Diciotti", sostiene il parlamentare dem Davide Gariglio, membro della Commissione Traporti alla Camera. Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia, parla di una mozione "incomprensibile e inaccettabile", la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni di "condanna dell'Italia a far parte del terzo mondo". Critico anche il sistema delle imprese, che chiede di ritirare la mozione. "Ridiscutere con la Francia non vuole assolutamente dire bloccare la Tav, ma a Salvini e Molinari chiedo che diano un termine di un mesi", è l'appello di Mino Giachino, ex sottosegretario ai Trasporti e sostenitore della prima ora della Torino-Lione. Domani a Montecitorio prima manifestazione SI Tav, dopo le due di Torino. E presto ne saranno convocate altre.

Economia
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE
Vizi statali e pubblici debiti
Vizi statali e pubblici debiti
Dal recuperare l’oro delle monete alla tassa sul macinato, fino all’emissione inconsulta di titoli di stato a breve scadenza: le soluzioni di chi governa per ridurre l’indebitamento statale. Le differenze fra Italia e Francia
Paese che vai, corruzione che trovi
Paese che vai, corruzione che trovi
Un’organizzazione internazionale non governativa calcola il “Corruption Perceptions Index” (CPI) per quantificare il modo in cui viene percepita la corruzione in 180 nazioni. Tra gli stati più virtuosi numerosi quelli europei
The China Planet
The China Planet
Sono enormi le potenzialità di Pechino per penetrare nel tessuto economico del mondo occidentale e di conquistarne il controllo. Non soltanto con attività commerciali ma anche esportando armi: è quanto succede in Africa