Tav, partono gli avvisi l'opera va avanti

| Stamane via alla procedura per gli appalti el versante francese. La singolare esultanza dei grillini e dei media che li appoggiano

+ Miei preferiti

Partono gli appalti Tav, anzi no. Ora si chiamano avvisi di gara per il versante francese. Scrive il Sole24ore: "L'importante è non perdere i finanziamenti europei per non perdere i fondi Ue - a procedere con gli avvisi di preselezione di mercato per cogliere le manifestazioni di interesse sui 2,3 miliardi di lavori del tunnel della Tav, la società italo-francese Telt, lunedì prossimo approverà l'avvio della procedura, sia pure con una 'clausola di dissolvenza' che consentirà di fermare la procedura prima della firma dei contratti di appalto. A motivare la “clausola di dissolvenza” l'annuncio fatto dal premier alla Telt di voler aprire una fase di revisione del Trattato italo-francese sulla Torino-Lione. Nei giorni prossimi partirà la richiesta a Parigi e anche a Bruxelles di ridiscutere gli accordi, che dovrebbe riguarda sia il progetto sia le quote di finanziamento. Gli esponenti M5S – tra cui la viceministro all'Economia Laura Castelli – cantano vittoria, precisando che i bandi partiranno fra sei mesi. Palazzo Chigi, nella lettera a Telt, invita comunque a “soprassedere dalla comunicazione dei capitolati di gara”, cioè la fase delle offerte. Sarà. Ma la realtà è diversa. Il passo di oggi è strategico per salvanguarda l'infrastruttura più importante del Nord Italia. "Lasciamo che esultino - commentano i manager delle aziende interessate - ma questo è un passaggio determinante". I media legati alla Casaleggio Associati sono contenti pure loro e lodano il premier Conte, l'avvocato nominato dai grillini che, guarda caso, si dichiara contrario alla Tav "dopo avere studiato". 

“La Tav andrà avanti, i bandi partono, ma non c’ è soltanto la Tav, di cui comunque discuteremo, sulle modifiche e sulla revisione dei finanziamenti con la Francia e con la Ue, ma ci sono altri 300 cantieri da sbloccare”. Lo sottolinea il vice presidente del Consiglio e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in un colloquio col “Messaggero”. “Conte, Di Maio e il sottoscritto siamo assolutamente d’ accordo che l’Italia abbia bisogno di uno choc sulle infrastrutture. La discussione sulla Torino-Lione è stata molto utile – sottolinea Salvini – perché tutti i colleghi di governo hanno capito che la Tav va inserita in un discorso più generale, che diventerà operativo già nei prossimi giorni. Approveremo in consiglio dei ministri un decreto urgente, per riavviare, da Nord a Sud, quei 300 cantieri fermi che rappresentano un Paese che non è quello dei cittadini ma era quello del PD e di chi ha governato prima di noi. Un’ Italia immobile. Noi le diamo una scossa”.

Economia
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne