The money club

| L’annuale classifica di “Forbes” ha parlato: 2.153 ultramiliardari si aggirano su questo pianeta. Una categoria in calo quasi ovunque ma non in Italia, dove i ricchissimi in 10 anni sono cresciuti da 12 a 43

+ Miei preferiti
È dal 1987, che “Forbes” la rivista americana di economia e finanza, curiosa nelle tasche della gente che conta per svelare chi ha incamerato più denari. L’ha fatto anche quest’anno, proclamando ancora una volta Jeff Bezos, patron assoluto del colosso “Amazon”, come l’uomo più ricco del pianeta. Con un patrimonio stimato in 131 miliardi di dollari, 19 in più dello scorso anno, Bezos può guardare al futuro con un certo ottimismo, e difficilmente lo vedremo in coda per il reddito di cittadinanza. Lo segue a debita distanza Bill Gates con 96,5 miliardi, a sua volta tallonato da Warren Buffett, finanziere, 82,5 miliardi di dollari sul conto corrente. Giù dal podio il primo degli europei, il francese Bernard Arnault, proprietario del colosso del lusso “LVMH” (Moët Hennessy Louis Vuitton SE), un poveraccio con appena 76 miliardi al caldo. Quinto un messicano, Carlo Slim, re delle telecomunicazioni e fra i proprietari del “New York Times”, assestato su 64 miliardi. Poco più in basso, con 62,7 miliardi, si piazza Amancio Ortega, “mister Zara”, quindi Larry Ellison (Oracle), 62,5 e Mark Zuckenberg, il folletto di “Facebook”, che malgrado i problemi della sua creatura ha chiuso l’anno passato con 62,3 miliardi, scivolando dal quinto all’ottavo posto. L’ex sindaco di New York Michael Bloomberg deve accontentarsi del nono posto, con 55,5 miliardi, e a chiudere la classifica dei magnifici dieci è Larry Page, quello di “Google”, con 50,8 miliardi di dollari.



Eppure, anche se si parla della stratosfera del denaro e di personaggi che posso permettersi di spernacchiare ogni crisi possibile, anche a quei livelli qualcosa si sente. Il trend dei paperoni punta inesorabilmente verso il basso: dallo scorso anno si è persa traccia di 55 miliardari, ovvero l’11% di nomi in meno sulla lista di Forbes. Se a questo si aggiunge che il 46% dei 2.153 riccazzi considerati (che complessivamente valgono 8.700 miliardi di dollari), è più povero di quanto non fosse l’anno prima, il sintomo del malessere diventa chiaro. A spingere verso il basso le cifre è la Cina, che perde per strada 49 miliardari, imitata dalla vecchia Europa, mentre il Brasile e soprattutto gli Stati Uniti tengono duro, aumentando la popolazione dei magnati: gli USA ne piazzano 607, di cui 14 fra i primi 20. A proposito: Donald Trump, il presidente, non sale e non scende, confermando 3,1 miliardi di dollari.

Fra le nuove leve del club Colin Huang, fondatore del discount cinese “Pinduoduo”, Daniel Ek e Martin Lorentzon, padroni di “Spotify”, James Monsees e Adam Bowen, padroni del colosso delle sigarette elettroniche “Juul Labs”. La più giovane in classifica è Kyle Jenner, clan Kardashian: a soli 21 anni ha messo insieme un miliardino di dollaroni. A darle una mano, nella speciale categoria degli “under 30” che anche Gustav Magnar Witzoe, modello ed erede della “SalMar ASA”, colosso del salmone norvegese.

Poi c’è l’Italia, che alla faccia dei redditi di cittadinanza sale di numero: dieci anni fa esatti, nel 2009, i paperoni tricolori erano 12, e oggi sono saliti a 43. A guidare la classifica italiana sono i soliti: i Ferrero, la “Nutella family”, con 22,4 miliardi di dollari (39esimo posto nell’assoluta), Leonardo Del Vecchio, quello di “Luxottica”, con 19,8 (cinquantesimo), e Stefano Pessina, patron della “Walgreens Boots Alliance”, con 12 miliardi di dollari (107esimo), inserito in classifica anche se di fatto cittadino monegasco. Terzo posto per Massimiliana Landini Aleotti, erede della “Menarini”, con 7,4 miliardi. Giorgio Armani è al 173esimo posto, Silvio Berlusconi al 257 (6,3 miliardi), i Benetton all’877esimo, Miuccia Prada al 916, Nicola Bulgari e Diego Della Valle occupano la casella numero 1.605. A sorpresa, escono di scena i Barilla: nel 2018 Emanuela, Guido, Luca e Paolo vantavano 1,1 miliardi di dollari a testa.

Galleria fotografica
The money club - immagine 1
The money club - immagine 2
Economia
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Verso l’aumento dell’Iva
Verso l’aumento dell’Iva
L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE
Vizi statali e pubblici debiti
Vizi statali e pubblici debiti
Dal recuperare l’oro delle monete alla tassa sul macinato, fino all’emissione inconsulta di titoli di stato a breve scadenza: le soluzioni di chi governa per ridurre l’indebitamento statale. Le differenze fra Italia e Francia
Paese che vai, corruzione che trovi
Paese che vai, corruzione che trovi
Un’organizzazione internazionale non governativa calcola il “Corruption Perceptions Index” (CPI) per quantificare il modo in cui viene percepita la corruzione in 180 nazioni. Tra gli stati più virtuosi numerosi quelli europei
The China Planet
The China Planet
Sono enormi le potenzialità di Pechino per penetrare nel tessuto economico del mondo occidentale e di conquistarne il controllo. Non soltanto con attività commerciali ma anche esportando armi: è quanto succede in Africa