The money club

| L’annuale classifica di “Forbes” ha parlato: 2.153 ultramiliardari si aggirano su questo pianeta. Una categoria in calo quasi ovunque ma non in Italia, dove i ricchissimi in 10 anni sono cresciuti da 12 a 43

+ Miei preferiti
È dal 1987, che “Forbes” la rivista americana di economia e finanza, curiosa nelle tasche della gente che conta per svelare chi ha incamerato più denari. L’ha fatto anche quest’anno, proclamando ancora una volta Jeff Bezos, patron assoluto del colosso “Amazon”, come l’uomo più ricco del pianeta. Con un patrimonio stimato in 131 miliardi di dollari, 19 in più dello scorso anno, Bezos può guardare al futuro con un certo ottimismo, e difficilmente lo vedremo in coda per il reddito di cittadinanza. Lo segue a debita distanza Bill Gates con 96,5 miliardi, a sua volta tallonato da Warren Buffett, finanziere, 82,5 miliardi di dollari sul conto corrente. Giù dal podio il primo degli europei, il francese Bernard Arnault, proprietario del colosso del lusso “LVMH” (Moët Hennessy Louis Vuitton SE), un poveraccio con appena 76 miliardi al caldo. Quinto un messicano, Carlo Slim, re delle telecomunicazioni e fra i proprietari del “New York Times”, assestato su 64 miliardi. Poco più in basso, con 62,7 miliardi, si piazza Amancio Ortega, “mister Zara”, quindi Larry Ellison (Oracle), 62,5 e Mark Zuckenberg, il folletto di “Facebook”, che malgrado i problemi della sua creatura ha chiuso l’anno passato con 62,3 miliardi, scivolando dal quinto all’ottavo posto. L’ex sindaco di New York Michael Bloomberg deve accontentarsi del nono posto, con 55,5 miliardi, e a chiudere la classifica dei magnifici dieci è Larry Page, quello di “Google”, con 50,8 miliardi di dollari.



Eppure, anche se si parla della stratosfera del denaro e di personaggi che posso permettersi di spernacchiare ogni crisi possibile, anche a quei livelli qualcosa si sente. Il trend dei paperoni punta inesorabilmente verso il basso: dallo scorso anno si è persa traccia di 55 miliardari, ovvero l’11% di nomi in meno sulla lista di Forbes. Se a questo si aggiunge che il 46% dei 2.153 riccazzi considerati (che complessivamente valgono 8.700 miliardi di dollari), è più povero di quanto non fosse l’anno prima, il sintomo del malessere diventa chiaro. A spingere verso il basso le cifre è la Cina, che perde per strada 49 miliardari, imitata dalla vecchia Europa, mentre il Brasile e soprattutto gli Stati Uniti tengono duro, aumentando la popolazione dei magnati: gli USA ne piazzano 607, di cui 14 fra i primi 20. A proposito: Donald Trump, il presidente, non sale e non scende, confermando 3,1 miliardi di dollari.

Fra le nuove leve del club Colin Huang, fondatore del discount cinese “Pinduoduo”, Daniel Ek e Martin Lorentzon, padroni di “Spotify”, James Monsees e Adam Bowen, padroni del colosso delle sigarette elettroniche “Juul Labs”. La più giovane in classifica è Kyle Jenner, clan Kardashian: a soli 21 anni ha messo insieme un miliardino di dollaroni. A darle una mano, nella speciale categoria degli “under 30” che anche Gustav Magnar Witzoe, modello ed erede della “SalMar ASA”, colosso del salmone norvegese.

Poi c’è l’Italia, che alla faccia dei redditi di cittadinanza sale di numero: dieci anni fa esatti, nel 2009, i paperoni tricolori erano 12, e oggi sono saliti a 43. A guidare la classifica italiana sono i soliti: i Ferrero, la “Nutella family”, con 22,4 miliardi di dollari (39esimo posto nell’assoluta), Leonardo Del Vecchio, quello di “Luxottica”, con 19,8 (cinquantesimo), e Stefano Pessina, patron della “Walgreens Boots Alliance”, con 12 miliardi di dollari (107esimo), inserito in classifica anche se di fatto cittadino monegasco. Terzo posto per Massimiliana Landini Aleotti, erede della “Menarini”, con 7,4 miliardi. Giorgio Armani è al 173esimo posto, Silvio Berlusconi al 257 (6,3 miliardi), i Benetton all’877esimo, Miuccia Prada al 916, Nicola Bulgari e Diego Della Valle occupano la casella numero 1.605. A sorpresa, escono di scena i Barilla: nel 2018 Emanuela, Guido, Luca e Paolo vantavano 1,1 miliardi di dollari a testa.

Galleria fotografica
The money club - immagine 1
The money club - immagine 2
Economia
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne
Morte e disperazione dietro la moda dei 'cristalli benefici'
Morte e disperazione dietro la moda dei
In Usa e in Europa dilaga la moda dei cristalli con presunti effetti magici. Ma vengono estratti nei paesi più poveri da adulti e bambini pagati pochissimo."Morti banche" per malattie e frane. Il caso Paltrow
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
I furbi che non vorrebbero pagare dazio
Da un lato l’aggressivo Trump, dall’altro Xi Jinping che non si fa scrupoli nel replicare. Mai Cina e USA sono stati così ai ferri corti, con molti politologi convinti che nel mondo stia per iniziare un nuovo lungo periodo di guerra fredda
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
La Francia ci prova, tutti con il bio-etanolo
Bonus sino a 300 euro per convertire le auto a benzina all'uso del bio-etanolo, combustibile verde. Un piena di una Megane costa solo 20 euro. Il kit. di conversione da. 600 a 1200
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
Artigianato, in sei mesi sparite 6564 aziende
L'impietosa analisi di Confartigianato sulla situazione di un settore in forte difficoltà. Ma anche qualche segnale positivo. In 10 anni perse 165mila unità produttive
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Vincono i peronisti, Argentina in ginocchio
Crollo del peso, borsa in caduta libera. In pericolo che gli accordo con FMI, torna l'incubo dei titoli di Stato. Il Paese verso la bancarotta