Un'ombra sinistra sull'economia italiana

| Il PIL ancora inferiore di oltre il 4% rispetto ai livelli ante-crisi del 2007. Si tratta delle più lunga congiuntura negativa nella storia del nostro Paese. Difficili le previsioni su quando e se si uscirà dalla stagnazione

+ Miei preferiti
di Marco Belletti

Il Centro Promotor ha rielaborato alcuni dati Istat e della Banca d’Italia mettendo in evidenza come la crisi economica iniziata nel 2008 è per l’Italia la più lunga tra tutte quelle che si sono verificate nel nostro Paese dall’Unità a oggi. Il Centro Studi Promotor è una struttura di ricerca (specializzata sul mercato dell’automobile) che collabora con istituzioni pubbliche di ricerca macroeconomica e conduce ogni mese inchieste congiunturali sul mercato, principalmente quello dell’auto.

Dall’analisi effettuata da Promotor emerge che nessuna crisi è durata più a lungo di quella che stiamo vivendo, considerando il periodo tra il primo anno di calo del Prodotto Interno Lordo (PIL) e l’anno del ritorno al livello ante-crisi.

La crisi successiva alla Terza Guerra di Indipendenza (che risale al 1866) ebbe una durata di otto anni, dieci anni quella coincisa con la Prima Guerra Mondiale, sei anni quella del 1929 e infine la crisi collegata alla Seconda Guerra Mondiale durò dieci anni. Oggi il nostro Paese è invece già in recessione da undici anni e il PIL del 2018 è stato al di sotto del livello ante-crisi (quindi 2007) di oltre il 4 per cento.

Secondo Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, “la lunghezza della crisi attuale e la nuova entrata in recessione del sistema economico italiano con i due cali consecutivi del PIL che si sono avuti nel terzo e nel quarto trimestre del 2018, getta un’ombra sinistra sul futuro dell’economia italiana”.

Le conclusioni di Quagliano sono decisamente negative: “Pare oggi infatti molto difficile prevedere quando si tornerà ai livelli ante-crisi e non si può escludere l’ipotesi che l’economia italiana sia entrata in una fase di stagnazione di lungo periodo né si può escludere l’ipotesi ancora peggiore che la tendenza secolare alla crescita che ha caratterizzato l’economia italiana dal 1861 al 2007 si sia invertita”.

Economia
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
La Gran Bretagna potenza globale, l’incubo di BoJo
Il sogno del premier di liberarsi della UE per stringere accordi commerciali con il resto del mondo si sta infrangendo: la Brexit è vicina al "no deal", con gli Stati Uniti nulla di fatto e le tensioni con la Cina aumentano
Il club dei milionari che chiede più tasse
Il club dei milionari che chiede più tasse
Sono 83 fra le persone più ricche del pianeta, e hanno firmato una petizione in cui chiedono ai governi maggiori tassazioni sulle loro fortune. Nell’elenco nessun italiano
Streets of London
Streets of London
Il Regno Unito riapre i battenti, ma la sua capitale – una delle metropoli più frizzanti del mondo - potrebbe non essere più la stessa. Tanti i settori in crisi, e tante le speranze, ma con due incognite: il ritorno del virus e la Brexit
I colossi dei cieli alle corde
I colossi dei cieli alle corde
British Airways pronta a mettere all’asta parte della propria collezione di opere d’arte, Lufthansa annuncia l’accordo con i sindacati per una forma di “disoccupazione parziale”
Le città a rischio post-pandemia
Le città a rischio post-pandemia
Uno studio realizzato per l’Anci ha valutato i settori produttivi delle 14 città metropolitane italiane, dando due parametri di perdita: una soft, l’altra hard
La Hertz verso la bancarotta
La Hertz verso la bancarotta
Il colosso mondiale dell’autonoleggio ha presentato istanza di fallimento: è l’ennesima vittima eccellente della pandemia, e anche un pessimo segnale per l’industria automobilistica mondiale
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
Lufthansa, perdite per un milione di euro all’ora
La principale compagnia aerea europea sta trattando un piano di salvataggio con il governo tedesco, ma gli analisti non sono convinti
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
UE: la pandemia potrebbe costare 60milioni di posti di lavoro
Una società di consulenza americana ha pubblicato un report che fa il quadro dell’occupazione in UE e negli USA. Nel vecchio continente, se il virus non sarà messo sotto controllo, si rischia una perdita epocale di posti di lavoro
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Coronavirus, la disfatta delle compagnie aeree
Aerei semivuoti, terminal abbandonati: l’impatto dell’epidemia sulle compagnie aeree è peggiore di quello dell’11 settembre 2001 e potrebbe costare 30 miliardi di dollari di mancato guadagno solo quest’anno
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Coronavirus: la Coca-Cola in crisi
Il colosso di Atlanta è in difficoltà per le forniture di dolcificanti artificiali importati dalla Cina. Nel lungo periodo la produzione e la distribuzione potrebbero risentirne