Verso l’aumento dell’Iva

| L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia

+ Miei preferiti
Dal governo assicurano che l’Iva non aumenterà, ma anche se “l’anno bellissimo” promesso dal premier Conte è stato archiviato come battuta, la strada che porta un aumento dell’imposta sul valore aggiunto sembra sempre più stretta. E inevitabile.

Nessuna manovra correttiva, nessuna patrimoniale e nessun aumento dell’Iva secondo Di Maio e Salvini, mentre il titolare del dicastero dell’economica, Giovanni Tria, ammette che per lui sarebbe la soluzione migliore. L’ha detto da New York, a margine del vertice del Fondo Monetario Internazionale, dove aveva tentato di difendere “il caso Italia” davanti al resto del mondo.

Ammissione o meno, l’ipotesi dell’aumento dell’Iva è racchiusa nelle clausole di salvaguardia, quindi tecnicamente possibile e perfino automatica. La Ragioneria dello Stato ha certificato un aumento delle spese nel triennio pari a 133 miliardi di euro, di cui 95 alla voce “lavoro e pensioni”.

L’effetto del passaggio dell’Iva ridotta dal 10 al 13% e di quella ordinaria dal 22 al 26,5%, assicurano gli esperti, avrebbe un impatto deleterio sull’economia italiana, malata grave da tempo immemore e con complicazioni subentrate di recente a complicare lo stato di salute, come Quota 100 e il Reddito di Cittadinanza, le due bandiere degli azionisti di governo, volute ad ogni costo, a scapito dei conti che non tornavano e continuano a non tornare.

Il Codacons ha iniziato a fare i conti, valutando l’ipotesi in un aggravio annuale pari a circa 1.200 euro a famiglia, e solo considerando gli aumenti diretti, senza quindi considerare quelli che applicherebbero industrie, energia, trasporti e imprese.

Andando sul pratico, il caffè passerebbe da 90 a 93 centesimi, una margherita da 6,85 a 7,04, uno smartphone da 799 a 828 euro. Stessa sorte toccherà ad una vera valanga di beni di largo consumo: dal bar alla tintoria, dalle bollette al cinema, dalla pizzeria alle automobili.

Economia
La tassa nascosta dello spread
La tassa nascosta dello spread
Gli analisti concordano nell’affermare che uno spread elevato ha effetti negativi su economia e stabilità finanziaria delle nazioni. Tuttavia, l’opinione pubblica italiana anestetizzata da demagogie e populismi sembra non accorgersene
Il Paese dei MiniBot people
Il Paese dei MiniBot people
Mentre la Svizzera fa i conti con una valuta considerata un bene-rifugio, in Italia i nuovi titoli pensati dal Governo sollevano perplessità: in molti credono che la loro introduzione serva a eludere le regole di bilancio dell’euro-zona
Chi presta i soldi al mondo
Chi presta i soldi al mondo
L’importo del debito pubblico del nostro pianeta è una cifra così elevata che il nostro cervello non può neanche prenderla in considerazione. Non sarà mai ripagata e la sua presenza resta il peggior deterrente per la libertà dell’umanità
Buio pesto sul settore auto
Buio pesto sul settore auto
Lo rivela l’Istat, che parla di una brusca frenata della produzione industriale, con il settore auto che annaspa con un calo del 17,1% rispetto al 2018
Macron blocca FCA, addio fusione
Macron blocca FCA, addio fusione
Il gruppo italo-americano ritira la proposta di fusione con Renault dopo il no del governo francese. Nissan in linea con Parigi. Titoli Fca -3,71 in apertura
We love Euro
We love Euro
Che cosa funziona nella moneta unica europea e che cosa è ancora da mettere a punto. Nonostante i proclami, secondo “Eurobarometro” il favore degli italiani per l’euro non è mai stato così elevato, raggiungendo il massimo storico del 75%
In calo l’indice della produzione italiana
In calo l’indice della produzione italiana
Dopo gli ottimi risultati di inizio anno, la produzione italiana registra a marzo una perdita dello 0,9%, mentre resta positivo il saldo del trimestre: +1%. La crescita del PIL nel primo trimestre scongiura la recessione. Per ora
Meno PIL per tutti
Meno PIL per tutti
L’Italia esce dalla recessione tecnica ed entra in stagnazione, con il pericolo di inversione della tendenza alla crescita che risale all’unità del 1861, interrotta dalla crisi del 2007. Solo la Grecia peggio di noi in UE
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing