Verso l’aumento dell’Iva

| L’esecutivo diviso a metà fra chi la considera una soluzione possibile e chi invece assicura che non ci sarà. Ma l’ipotesi è già racchiusa nelle clausole di salvaguardia

+ Miei preferiti
Dal governo assicurano che l’Iva non aumenterà, ma anche se “l’anno bellissimo” promesso dal premier Conte è stato archiviato come battuta, la strada che porta un aumento dell’imposta sul valore aggiunto sembra sempre più stretta. E inevitabile.

Nessuna manovra correttiva, nessuna patrimoniale e nessun aumento dell’Iva secondo Di Maio e Salvini, mentre il titolare del dicastero dell’economica, Giovanni Tria, ammette che per lui sarebbe la soluzione migliore. L’ha detto da New York, a margine del vertice del Fondo Monetario Internazionale, dove aveva tentato di difendere “il caso Italia” davanti al resto del mondo.

Ammissione o meno, l’ipotesi dell’aumento dell’Iva è racchiusa nelle clausole di salvaguardia, quindi tecnicamente possibile e perfino automatica. La Ragioneria dello Stato ha certificato un aumento delle spese nel triennio pari a 133 miliardi di euro, di cui 95 alla voce “lavoro e pensioni”.

L’effetto del passaggio dell’Iva ridotta dal 10 al 13% e di quella ordinaria dal 22 al 26,5%, assicurano gli esperti, avrebbe un impatto deleterio sull’economia italiana, malata grave da tempo immemore e con complicazioni subentrate di recente a complicare lo stato di salute, come Quota 100 e il Reddito di Cittadinanza, le due bandiere degli azionisti di governo, volute ad ogni costo, a scapito dei conti che non tornavano e continuano a non tornare.

Il Codacons ha iniziato a fare i conti, valutando l’ipotesi in un aggravio annuale pari a circa 1.200 euro a famiglia, e solo considerando gli aumenti diretti, senza quindi considerare quelli che applicherebbero industrie, energia, trasporti e imprese.

Andando sul pratico, il caffè passerebbe da 90 a 93 centesimi, una margherita da 6,85 a 7,04, uno smartphone da 799 a 828 euro. Stessa sorte toccherà ad una vera valanga di beni di largo consumo: dal bar alla tintoria, dalle bollette al cinema, dalla pizzeria alle automobili.

Economia
Juve triste anche in borsa
Juve triste anche in borsa
Il titolo perde in modo pesante a Piazza Affari, dopo l’exploit della vigilia del ritorno dei quarti di finale di Champions
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Pecorino VS chewing-gum, la guerra dei dazi USA-UE
Trump minaccia di colpire diversi prodotti europei, comprese molte eccellenze italiane, e la UE risponde con una black-list di valore addirittura superiore. C’è di mezzo la vecchia battaglia fra Airbus e Boeing
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Dombrovksis, l’Italia paga scelte sbagliate
Il commissario europeo per la finanza accusa il governo in carica di non aver voluto ascoltare consigli e suggerimenti. Se deficit e debito pubblico non calano, si rischiano le procedure d’infrazione della UE
Vizi statali e pubblici debiti
Vizi statali e pubblici debiti
Dal recuperare l’oro delle monete alla tassa sul macinato, fino all’emissione inconsulta di titoli di stato a breve scadenza: le soluzioni di chi governa per ridurre l’indebitamento statale. Le differenze fra Italia e Francia
Paese che vai, corruzione che trovi
Paese che vai, corruzione che trovi
Un’organizzazione internazionale non governativa calcola il “Corruption Perceptions Index” (CPI) per quantificare il modo in cui viene percepita la corruzione in 180 nazioni. Tra gli stati più virtuosi numerosi quelli europei
The China Planet
The China Planet
Sono enormi le potenzialità di Pechino per penetrare nel tessuto economico del mondo occidentale e di conquistarne il controllo. Non soltanto con attività commerciali ma anche esportando armi: è quanto succede in Africa
Spicciati: progetti da pochi centesimi
Spicciati: progetti da pochi centesimi
L’idea di un’associazione, sposata in pieno dal ministro Centinaio, è di dotare le tabaccherie di contenitori in cui liberarsi degli ingombranti centesimi. Le somme serviranno per finanziare lavoro e progetti
Le isole dei tesori
Le isole dei tesori
Sono più d’una, e in realtà si chiamano paradisi fiscali. L’Ecofin ha appena aggiornato l’elenco, ma con dimenticanze macroscopiche
Tav, partono gli avvisi l'opera va avanti
Tav, partono gli avvisi l
Stamane via alla procedura per gli appalti el versante francese. La singolare esultanza dei grillini e dei media che li appoggiano
"Crisi? Tanto Reddito e Quota 100 restano"
"Crisi? Tanto Reddito e Quota 100 restano"
Durigon, Lega, toglie ogni speranza a chi osteggia i provvedimenti-pilastro del governo gialloverde. I bandi per i Navigator sono pronti, il decreto è blindato