È morto Jacques Chirac

| L’ex presidente francese si era ritirato dalla vita politica da parecchi anni. Fu protagonista di due mandati discussi e di una condanna subita quand’era ormai lontano dall’Eliseo

+ Miei preferiti
È stato il genero a comunicare ai francesi la morte di Jacques Chirac, 22esimo presidente della Repubblica Francese, in carica da 1995 al 2007. Da diversi anni, Chirac si era ritirato dalla vita privata, dedicandosi alla famiglia e ai problemi di salute che l’avevano colpito nel 2005, quando ancora in carica all’Eliseo era stato colpito da un ictus che l’aveva costretto a numerosi ricoveri in ospedale. Nel 2016 l’aggravarsi di un’infezione polmonare aveva fatto temere il peggio.

Parigino, classe 1932, nato in una famiglia borghese nel V arrondissement, Chirac aderisce in giovane età al “gollismo”, entrando per la prima volta nell’Assemblée Nationale nel 1967. È stato fra i fondatori del Rassemblement pour la République e l’Unione pour un Mouvement Populaire, due partiti che rappresentano il centro destra francese.

Primo ministro per Jacques Chirac, nel 1977 era diventato sindaco di Parigi, dove resta in carica fino al 1995, anno in cui si candida per le presidenziali. L’impronta data alla capitale francese resta ancora oggi indelebile: è Chirac a mettere mano al piano regolatore ordinando la risistemazione delle Halles e dell’Avenue des Champs-Élysées, il salotto buono di Parigi.

Il secondo mandato presidenziale sarà tutt’altro che semplice, ma ancora peggio diventano gli anni dopo l’uscita dall’Eliseo. Nel 2007 finisce nel mezzo di un’inchiesta che vuole fare luce su strane assunzioni risalenti agli anni in cui era sindaco di Parigi. Nel dicembre del 2011, il tribunale lo condanna a due anni di reclusione con il beneficio della condizionale per sviamento di fondi pubblici, abuso di potere, interesse privato in atti d’ufficio e ingerenza.

Esteri
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
Quasi vent’anni prima della sua fuga, la principessa Shamsa aveva tentato la stessa cosa: fu rapita a Cambridge e riportata a Dubai. Ha vissuto anni in galera ed è ormai ridotta ad “uno zombie”
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale