41 morti nel rogo dell’aereo di Mosca

| Il bilancio definitivo dell’atterraggio di emergenza è pesante: più della metà dei passeggeri non ce l’hanno fatta e cinque feriti gravi lottano in ospedale. Putin ordina un’inchiesta per stabilire le cause

+ Miei preferiti
Il bilancio finale del tragico rogo dell’aereo passeggeri “Sukhoi” della “Aeroflot” che ieri sera ha preso fuoco toccando la pista dell’aeroporto Sheremetyevo di Mosca, è più grave del previsto: 41 morti su 78 persone a bordo fra passeggeri ed equipaggio, evacuati attraverso gli scivoli di emergenza.

Il volo Aeroflot SU 1492 era al secondo tentativo di atterraggio di emergenza dopo aver accusato un guasto al momento del decollo, pochi minuti prima: quando ha toccato terra con il carrello, le fiamme si sono immediatamente sviluppate nella parte posteriore, avvolgendo il velivolo in un fumo nero e denso.

Secondo i primi rapporti, il “Superjet 100” era in volo da Mosca a Murmansk, una città russa nel circolo polare artico, quando un’emergenza a bordo lo ha costretto a tornare indietro. L’agenzia di stampa russa “Interfax” parla di “perdita di comunicazione causata da un fulmine” che avrebbe convinto i piloti a rientrare all’aeroporto Sheremetyevo. Ma si tratta di supposizioni: al momento nnn è stata ancora fornita alcuna causa ufficiale.

Il video dell’incidente, diventato virale immediatamente, mostra la fase finale dell’atterraggio poco prima di toccare terra, con un drammatico “rimbalzo” seguito dalle fiamme.

Trentasette i sopravvissuti, cinque dei quali sono attualmente ricoverati in ospedale, ha confermato Elena Markovskaya, portavoce del pool investigativo russo. Fra le vittime ci sarebbe un cittadino americano.

Aeroflot, compagnia di bandiera russa, ha diffuso un elenco “incompleto” di 33 sopravvissuti, compresi i nomi dei cinque passeggeri ricoverati in ospedale. In una serie di brevi lanci sul proprio sito web, ha riferito che l’aereo è stato evacuato in appena 55 secondi, rispetto a tempi considerati fisiologici pari a 90 secondi. L’equipaggio “ha fatto tutto quanto in suo potere per salvare vite umane e fornire assistenza di emergenza a coloro che sono coinvolti. Purtroppo, non sono stati in grado di salvare tutti coloro che erano a bordo”. Il capitano è stato l’ultimo a lasciare l'aereo in fiamme, ha aggiunto la Aeroflot, che ha formulato le condoglianze alle famiglie delle vittime, annunciando anche che i parenti potranno raggiungere Mosca a spese della compagnia.

Il Sukhoi Superjet 100 è un aereo relativamente nuovo, essendo entrato in servizio solo a metà del 2011: oltre 100 modelli sono operativi in tutto il mondo. Il velivolo ha 100 posti ed è “una fusione delle celebri capacità di progettazione e produzione dell’aviazione russa, dotato dei più recenti sistemi aerospaziali di tutto il mondo”, recita la brochure dell’aereo. Nel 2012, il modello ha ottenuto il certificato di omologazione dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) e possiede anche certificati di sicurezza di numerose altre autorità aeronautiche.

Il presidente russo Vladimir Putin è stato informato dell’atterraggio di emergenza e ha ordinato un’indagine approfondita per scoprire le cause dell’incidente, ha riferito il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov all’agenzia di stampa TASS. Il presidente “estende le sue profonde condoglianze a coloro che hanno perso i loro cari nell’incidente”. La Aeroflot ha anche attivato un’unità di crisi guidata dal CEO Vitaly Saveliev.

Video
Esteri
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Quella di Emma, una 18enne anglosassone, è diventata una battaglia di principio per cambiare le norme che regolano i lutti familiari: devono essere inclusi anche gli animali
Berlino, arrivano i sexbox
Berlino, arrivano i sexbox
In una parte del Tempelhof, l’immensa area dove sorgeva l’ex aeroporto cittadino, la capitale tedesca sta discutendo se attrezzare delle cabine per le prostitute e i loro clienti
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I servizi segreti francesi avrebbero raggiunto un accordo segreto con gli iracheni: 2 milioni di dollari per ogni jihadista transalpino eliminato
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Il padre ha deciso di non sottoporre le due gemelline siamesi che dividono parecchi organi ad un rischioso intervento di separazione. Quando sarà ora, se ne andranno così come sono nate
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
In Libano, una campagna per mettere a tacere un gruppo indie rock ha galvanizzato l’estrema destra cristiana del Paese. Un loro concerto è stato cancellato per le minacce “di una strage” giunte agli organizzatori
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
È un’ipotesi lanciata da tanti, convinti che la promessa di una Brexit dura possa avere conseguenze impensabili sugli abitanti del Regno Unito, sempre meno uniti
UK, condannato un sacerdote pedofilo
UK, condannato un sacerdote pedofilo
Si è chiuso con una condanna a 18 anni il terzo processo contro Michael Higginbottom, ex sacerdote di un prestigioso seminario inglese dove avrebbe abusato di due ragazzi
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Un trasportatore pregiudicato si è tranquillamente avvicinato a George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate, scambiando qualche parola con il più grande. Una bufera che sta rimettendo in discussione tutto l’apparato di sicurezza
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
L’incredibile vicenda giudiziaria di un ex infermiere che ha accusato decine di personaggi di spicco del Regno Unito di far parte di una rete di pedofili. Per poi scoprire che l’unico pedofilo era lui