41 morti nel rogo dell’aereo di Mosca

| Il bilancio definitivo dell’atterraggio di emergenza è pesante: più della metà dei passeggeri non ce l’hanno fatta e cinque feriti gravi lottano in ospedale. Putin ordina un’inchiesta per stabilire le cause

+ Miei preferiti
Il bilancio finale del tragico rogo dell’aereo passeggeri “Sukhoi” della “Aeroflot” che ieri sera ha preso fuoco toccando la pista dell’aeroporto Sheremetyevo di Mosca, è più grave del previsto: 41 morti su 78 persone a bordo fra passeggeri ed equipaggio, evacuati attraverso gli scivoli di emergenza.

Il volo Aeroflot SU 1492 era al secondo tentativo di atterraggio di emergenza dopo aver accusato un guasto al momento del decollo, pochi minuti prima: quando ha toccato terra con il carrello, le fiamme si sono immediatamente sviluppate nella parte posteriore, avvolgendo il velivolo in un fumo nero e denso.

Secondo i primi rapporti, il “Superjet 100” era in volo da Mosca a Murmansk, una città russa nel circolo polare artico, quando un’emergenza a bordo lo ha costretto a tornare indietro. L’agenzia di stampa russa “Interfax” parla di “perdita di comunicazione causata da un fulmine” che avrebbe convinto i piloti a rientrare all’aeroporto Sheremetyevo. Ma si tratta di supposizioni: al momento nnn è stata ancora fornita alcuna causa ufficiale.

Il video dell’incidente, diventato virale immediatamente, mostra la fase finale dell’atterraggio poco prima di toccare terra, con un drammatico “rimbalzo” seguito dalle fiamme.

Trentasette i sopravvissuti, cinque dei quali sono attualmente ricoverati in ospedale, ha confermato Elena Markovskaya, portavoce del pool investigativo russo. Fra le vittime ci sarebbe un cittadino americano.

Aeroflot, compagnia di bandiera russa, ha diffuso un elenco “incompleto” di 33 sopravvissuti, compresi i nomi dei cinque passeggeri ricoverati in ospedale. In una serie di brevi lanci sul proprio sito web, ha riferito che l’aereo è stato evacuato in appena 55 secondi, rispetto a tempi considerati fisiologici pari a 90 secondi. L’equipaggio “ha fatto tutto quanto in suo potere per salvare vite umane e fornire assistenza di emergenza a coloro che sono coinvolti. Purtroppo, non sono stati in grado di salvare tutti coloro che erano a bordo”. Il capitano è stato l’ultimo a lasciare l'aereo in fiamme, ha aggiunto la Aeroflot, che ha formulato le condoglianze alle famiglie delle vittime, annunciando anche che i parenti potranno raggiungere Mosca a spese della compagnia.

Il Sukhoi Superjet 100 è un aereo relativamente nuovo, essendo entrato in servizio solo a metà del 2011: oltre 100 modelli sono operativi in tutto il mondo. Il velivolo ha 100 posti ed è “una fusione delle celebri capacità di progettazione e produzione dell’aviazione russa, dotato dei più recenti sistemi aerospaziali di tutto il mondo”, recita la brochure dell’aereo. Nel 2012, il modello ha ottenuto il certificato di omologazione dell’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) e possiede anche certificati di sicurezza di numerose altre autorità aeronautiche.

Il presidente russo Vladimir Putin è stato informato dell’atterraggio di emergenza e ha ordinato un’indagine approfondita per scoprire le cause dell’incidente, ha riferito il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov all’agenzia di stampa TASS. Il presidente “estende le sue profonde condoglianze a coloro che hanno perso i loro cari nell’incidente”. La Aeroflot ha anche attivato un’unità di crisi guidata dal CEO Vitaly Saveliev.

Video
Esteri
Germania, tutti con il «Rambo» della Foresta Nera
Germania, tutti con il «Rambo» della Foresta Nera
Da giorni gli danno la caccia centinaia di agenti di polizia, ma conosce talmente bene la zona da sfuggire alla cattura. Sconosciuti i motivi della fuga
GB: stupri e violenze alla St. Andrew University
GB: stupri e violenze alla St. Andrew University
Il prestigioso ateneo scozzese al centro di diverse denunce per violenza sessuale avvenute all’interno di una confraternita in stile campus americano
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei