A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta

| Joshua Wang, Agnes Chow e Andy Chan sono stati fermati dalla polizia, mentre il “Civil Human Rights Front” annulla protesta prevista per sabato 31 agosto. E la leader Carrie Lam annuncia tolleranza zero

+ Miei preferiti
L’irritazione di Pechino per le proteste di Hong Kong è sempre più palpabile. Dopo 12 settimane di manifestazioni e violenze di piazza, culminate con oltre 800 arresti, la leader Carrie Lam ha ribadito la propria volontà di aprirsi al dialogo con i manifestanti, ma per contro ha escluso le proprie dimissioni e promesso tolleranza zero.

Ma ad innalzare le tensioni ci hanno pensato due arresti eccellenti, quelli di Joshua Wang e Agnes Chow, giovanissimi leader della “Rivoluzione degli ombrelli” e fondatori del partito “Demosisto”. La notizia, rivelata dal “South China Morning Post”, parla di un’irruzione della polizia nelle loro abitazioni, dove sono stati prelevati con l’accusa di aver organizzato il 21 giugno scorso “un’assemblea illegale”, quella che ha dato il via alla lunga catena di proteste per chiedere la completa cancellazione della legge sull’estradizione. Una richiesta che è stata accolta qualche settimana dopo, ha ricordato Carrie Lam, ma che non è bastata ai manifestanti, che pretendono le sue dimissioni. Agli arresti è finito anche Andy Chan, 28 anni, leader dell’Hong Kong National party: è stato bloccato all’aeroporto, poco prima di imbarcarsi su un volo diretto in Giappone, e le accuse per lui parlano di rivolta e aggressione a pubblico ufficiale.

“Il nostro segretario generale Joshua Wong è stato arrestato questa mattina intorno alle 7:30 – ha confermato in un tweet il partito Demosisto – è stato spinto con forza su un minivan privato in piena luce del giorno. I nostri avvocati stanno seguendo il caso”. In realtà, ricordano i media, Joshua Wong era già stato arrestato, uscendo di prigione il 17 giugno scorso dopo due mesi trascorsi in cella, e anche se accolto come un simbolo della protesta, le nuove leve dei manifestanti hanno fatto capire di non aver bisogno di un leader, preferendo le azioni spontanee ai discorsi in piazza per arringare le folle. Ma una foto che li mostra mentre escono dal consolato americano di Hong Kong, li ha trasformati in una prova dell’ingerenza americana nella questione e comunque due voci pericolose da ridurre al silenzio.

Intanto, l’imponente manifestazione prevista per il 31 agosto, è stata cancellata dal “Civil Human Rights Front” dopo la decisione delle autorità di non concedere l’autorizzazione: “Non abbiamo altra scelta che annullare la marcia: chiediamo scusa, continueremo a chiedere alle autorità l’autorizzazione per nuove manifestazioni. SI tratta di una violazione dei diritti umani più elementari verso la popolazione di Hong Kong: di questo sistema non è possibile fidarsi”, ha comunicato la coordinatrice Bonny Leung. Ma questo, ripetono in tanti, potrebbe non impedire ai manifestanti di scendere comunque in piazza, anche perché la data del 31 agosto è un simbolo della protesta: è il quinto anniversario della legge che ha assegnato a Pechino la possibilità di scegliere la guida politica dell’ex colonia inglese.

Galleria fotografica
A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta - immagine 1
A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta - immagine 2
A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta - immagine 3
A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta - immagine 4
Esteri
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
Il premier si rifiuta di chiedere le dimissioni del suo fidato consigliere, che durante il lockdown ha impunemente attraversato l’Inghilterra con la famiglia
GB: il ritorno dei «covidiot»
GB: il ritorno dei «covidiot»
Migliaia di persone, attirato da caldo e bel tempo, hanno letteralmente invaso le spiagge di diverse località di villeggiatura. Durante la notte, tende e camper sono spuntate ovunque
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, i quattro paesi che compongono il Regno Unito, hanno un approccio opposto alla crisi del coronavirus. Una divisione che dopo la Brexit mette sempre più in discussione il futuro del Paese
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Intere comunità si sono sentite abbandonate e minacciate da una crisi economica che si annuncia devastante. L’Eliseo teme il ritorno di disordini sociali
Il ritorno di BoJo
Il ritorno di BoJo
Dopo aver combattuto in prima persona contro il coronavirus, il premier torna ai posti di comando mettendo in guardia il Paese: “Non è il momento di allentare le misure di contenimento”
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
È vietato acquistare vernici e pennelli per ridipingere casa, ma non fare scorta di birra e vino, oltre ad una passeggiata rilassante dopo un litigio. Le stranezze della Gran Bretagna
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Un jet privato e tre elicotteri atterrano a Marsiglia: a bordo un gruppo di persone invitate per una vacanza pasquale da un ricco croato. Tutti rispediti al mittente dalle autorità francesi
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
Sommersi da critiche, minacce, insulti e accuse di razzismo piovute da tutto il mondo, due stimati medici francesi sono costretti a fare marcia indietro sulla proposta di testare i vaccini dove la popolazione è più debole
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Un uomo di un villaggio della Russia occidentale infastidito dal chiasso dei vicini, ha iniziato un litigio che è sfociato in tragedia
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
Accusato da un uomo che afferma di essere stato violentato insieme ad un compagno di coro, morto suicida, l’alto prelato scagionato al terzo grado di giustizia. La sentenza non è appellabile