A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta

| Joshua Wang, Agnes Chow e Andy Chan sono stati fermati dalla polizia, mentre il “Civil Human Rights Front” annulla protesta prevista per sabato 31 agosto. E la leader Carrie Lam annuncia tolleranza zero

+ Miei preferiti
L’irritazione di Pechino per le proteste di Hong Kong è sempre più palpabile. Dopo 12 settimane di manifestazioni e violenze di piazza, culminate con oltre 800 arresti, la leader Carrie Lam ha ribadito la propria volontà di aprirsi al dialogo con i manifestanti, ma per contro ha escluso le proprie dimissioni e promesso tolleranza zero.

Ma ad innalzare le tensioni ci hanno pensato due arresti eccellenti, quelli di Joshua Wang e Agnes Chow, giovanissimi leader della “Rivoluzione degli ombrelli” e fondatori del partito “Demosisto”. La notizia, rivelata dal “South China Morning Post”, parla di un’irruzione della polizia nelle loro abitazioni, dove sono stati prelevati con l’accusa di aver organizzato il 21 giugno scorso “un’assemblea illegale”, quella che ha dato il via alla lunga catena di proteste per chiedere la completa cancellazione della legge sull’estradizione. Una richiesta che è stata accolta qualche settimana dopo, ha ricordato Carrie Lam, ma che non è bastata ai manifestanti, che pretendono le sue dimissioni. Agli arresti è finito anche Andy Chan, 28 anni, leader dell’Hong Kong National party: è stato bloccato all’aeroporto, poco prima di imbarcarsi su un volo diretto in Giappone, e le accuse per lui parlano di rivolta e aggressione a pubblico ufficiale.

“Il nostro segretario generale Joshua Wong è stato arrestato questa mattina intorno alle 7:30 – ha confermato in un tweet il partito Demosisto – è stato spinto con forza su un minivan privato in piena luce del giorno. I nostri avvocati stanno seguendo il caso”. In realtà, ricordano i media, Joshua Wong era già stato arrestato, uscendo di prigione il 17 giugno scorso dopo due mesi trascorsi in cella, e anche se accolto come un simbolo della protesta, le nuove leve dei manifestanti hanno fatto capire di non aver bisogno di un leader, preferendo le azioni spontanee ai discorsi in piazza per arringare le folle. Ma una foto che li mostra mentre escono dal consolato americano di Hong Kong, li ha trasformati in una prova dell’ingerenza americana nella questione e comunque due voci pericolose da ridurre al silenzio.

Intanto, l’imponente manifestazione prevista per il 31 agosto, è stata cancellata dal “Civil Human Rights Front” dopo la decisione delle autorità di non concedere l’autorizzazione: “Non abbiamo altra scelta che annullare la marcia: chiediamo scusa, continueremo a chiedere alle autorità l’autorizzazione per nuove manifestazioni. SI tratta di una violazione dei diritti umani più elementari verso la popolazione di Hong Kong: di questo sistema non è possibile fidarsi”, ha comunicato la coordinatrice Bonny Leung. Ma questo, ripetono in tanti, potrebbe non impedire ai manifestanti di scendere comunque in piazza, anche perché la data del 31 agosto è un simbolo della protesta: è il quinto anniversario della legge che ha assegnato a Pechino la possibilità di scegliere la guida politica dell’ex colonia inglese.

Galleria fotografica
A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta - immagine 1
A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta - immagine 2
A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta - immagine 3
A Hong Kong si alza la tensione, arrestati i leader della protesta - immagine 4
Esteri
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Alessandro Donati, milanese, ha ammesso davanti alla corte di Londra di aver svaligiato le residenze di celebrità come la figlia dell’ex patron della F1, di Frank Lampard e di un miliardario thailandese
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri