Arrestata la top manager di Huawei

| La figlia del fondatore del colosso cinese fermata in Canada: gli Stati Uniti chiedono l’estradizione, la Cina il rilascio immediato per violazione dei diritti umani. Crisi diplomatica a un passo

+ Miei preferiti
C’era da aspettarselo: la tregua fra Trump e Xi Jinping al G20 in Argentina è durata poco. Su richiesta degli Stati Uniti, in Canada è finita in manette Meng Wanzhou, chief financial officier del colosso “Huawei” ma soprattutto primogenita del fondatore Ren Zhengfei. La donna sarebbe stata fermata lo scorso 1 dicembre all’aeroporto di Vancouver e gli Stati Uniti avrebbero già richiesto l’estradizione, in anticipo sull’udienza di convalida del fermo prevista per domani.

L’accusa riguarderebbe la violazione delle sanzioni americane contro l’Iran, ma il rischio è di una crisi diplomatica senza precedenti. L’ambasciata cinese a Washington ha immediatamente chiesto il rilascio della donna, accusando apertamente gli Stati Uniti di violazione dei diritti umani, così come il governo cinese, che attraverso le parole del portavoce del ministero degli esteri, Geng Shuang, nel corso di una conferenza stampa ha detto di aver inviato “Una richiesta per chiarire immediatamente le ragioni dell’arresto”, mentre la Huawei ha diffuso una nota in cui afferma di non essere a conoscenza “di alcun illecito commesso dalla nostra direttrice finanziaria”.

L’arresto arriva a meno di due settimane dall’avviso lanciato agli alleati di limitare al massimo l’uso di sistemi e apparecchiature del colosso cinese perché a rischio spionaggio. E addirittura ad una manciata di ore dalla presa di posizione di “British Telecom”, che per gli stessi motivi avrebbe estromesso Huawei dall’elenco dei propri partner tecnologici. Mentre Giappone, India, Nuova Zelanda e Australia sembrano in procinto di fare lo stesso, escludendo Huawei dalle gare di appalto per le infrastrutture 5G. In Italia, dove è stato accertato che tutto il traffico internet transita attraverso i router Huawei, il “Copasir” ha avviato un accertamento.

I due leader si erano dati tre mesi di tregua per trovare un accordo sui dazi, ma secondo l’analisi del “New York Times”, l’arresto rischia di far precipitare i rapporti fra i due colossi.

Alla notizia dell’arresto, gli indici asiatici hanno fatto registrare un ribasso pari a due punti percentuali.

Articoli correlati
Esteri
I figli del silenzio
I figli del silenzio
Migliaia di bambini nati da rapporti fra sacerdoti, suore e donne laiche, educati nel silenzio, mai riconosciuti, costretti a vivere a metà. Ora qualcosa si muove: il 13 giugno in 50 incontreranno i vescovi francesi per parlarne
Vincent per ora è salvo
Vincent per ora è salvo
La Corte d’Appello di Parigi ha ordinato di proseguire nei trattamenti che tengono in vita l’uomo, accogliendo il ricordo d’urgenza presentato dai genitori
Sei pompieri di Parigi stuprano una studentessa
Sei pompieri di Parigi stuprano una studentessa
Da eroi di Notre-Dame ad accusati di violenza carnale da una giovane norvegese che ha raccontato di essere stata violentata in caserma da sei o sette uomini
La storia di un cinico egoista
La storia di un cinico egoista
Dimitry Khlebushkin era fra i passeggeri dell’aereo che ha preso fuoco a Mosca, costato la vita a 41 persone: prima di scendere ha preteso di prendere il proprio zaino, condannando altri alla morte
41 morti nel rogo dell’aereo di Mosca
41 morti nel rogo dell’aereo di Mosca
Il bilancio definitivo dell’atterraggio di emergenza è pesante: più della metà dei passeggeri non ce l’hanno fatta e cinque feriti gravi lottano in ospedale. Putin ordina un’inchiesta per stabilire le cause
Londra: altri due adolescenti accoltellati
Londra: altri due adolescenti accoltellati
Uno è morto mentre veniva portato in ospedale, un altro si salverà. Dall’inizio dell’anno Scotland Yard ha aperto oltre 40 fascicoli per omicidi per guerre fra baby gang
Assange condannato a un anno di carcere
Assange condannato a un anno di carcere
Prima condanna per il fondatore di WikiLeaks per la violazione della libertà provvisoria del 2012. L’attesa è per la pronuncia della corte di Westminster sulla domanda di estradizione presentata dagli Stati Uniti
Kim Jong-Un in Russia
Kim Jong-Un in Russia
Il leader nordcoreano è arrivato a Vladivostok con un giorno di anticipo rispetto al primo storico incontro con Putin. Le preoccupazioni degli analisti internazionali
Gilet Jaunes, un altro sabato d’inferno
Gilet Jaunes, un altro sabato d’inferno
Dagli Champs-Élysée, blindati dalle forze dell’ordine, i casseur hanno spostato la protesta in altre zone del centro. Urla e insulti contro i milioni destinati a Notre-Dame
Scarcerato per sbaglio
Scarcerato per sbaglio
Un uomo inglese si è visto spalancare le porte della prigione per un errore delle autorità carcerari. Ora lo cercano in tutto il Regno Unito