Assange condannato a un anno di carcere

| Prima condanna per il fondatore di WikiLeaks per la violazione della libertà provvisoria del 2012. L’attesa è per la pronuncia della corte di Westminster sulla domanda di estradizione presentata dagli Stati Uniti

+ Miei preferiti
Il futuro di Julian Assange si fa quanto mai incerto: la “Southwark Crown Court” si è pronunciata contro il fondatore di “WikiLeaks”, condannandolo a 50 settimane di reclusione per violazione della libertà provvisoria. Un reato commesso nel 2012, esattamente quando scelse di rifugiarsi nell’ambasciata ecuadoriana di Londra, esilio concluso clamorosamente l’11 aprile scorso, quando fu portato via di peso dalla polizia inglese. Gli avvocati di Assange hanno tentato di giustificare il gesto per il timore del loro assistito all’estradizione negli Usa, fornendo anche una lettera in cui il giornalista australiano si dice pentito. Il giudice Deborah Taylor ha replicato ricordando che a Scotland Yard la sorveglianza dell’ambasciata in questi anni è costata 16 miliardi di sterline.

Poco meno di un anno di carcere, che per Assange assume un altro significato: nelle prossime ore è prevista la prima udienza del tribunale di Westminster riguardo alla domanda di estradizione presentata dagli Stati Uniti, che vorrebbero processarlo per tradimento dopo la pubblicazione del 2010 del celebre e voluminoso dossier contenente documenti segreti e classificati che riguardavano anche il Pentagono, carpiti con l’aiuto dell’ex militare Chelsea Manning. Ma secondo alcune indiscrezioni, l’estradizione è una questione assai spinosa che potrebbe trascinarsi per diversi mesi fra sentenze, appelli e ricorsi.

Perfino la Svezia, che aveva deciso di archiviare il caso di presunti abusi sessuali compiuti da Assange su due ragazze, si dice che sia tentata dall’idea di riaprire il caso, presentando la propria richiesta di estradizione.

Esteri
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Quella di Emma, una 18enne anglosassone, è diventata una battaglia di principio per cambiare le norme che regolano i lutti familiari: devono essere inclusi anche gli animali
Berlino, arrivano i sexbox
Berlino, arrivano i sexbox
In una parte del Tempelhof, l’immensa area dove sorgeva l’ex aeroporto cittadino, la capitale tedesca sta discutendo se attrezzare delle cabine per le prostitute e i loro clienti
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I servizi segreti francesi avrebbero raggiunto un accordo segreto con gli iracheni: 2 milioni di dollari per ogni jihadista transalpino eliminato
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Il padre ha deciso di non sottoporre le due gemelline siamesi che dividono parecchi organi ad un rischioso intervento di separazione. Quando sarà ora, se ne andranno così come sono nate
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
In Libano, una campagna per mettere a tacere un gruppo indie rock ha galvanizzato l’estrema destra cristiana del Paese. Un loro concerto è stato cancellato per le minacce “di una strage” giunte agli organizzatori
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
È un’ipotesi lanciata da tanti, convinti che la promessa di una Brexit dura possa avere conseguenze impensabili sugli abitanti del Regno Unito, sempre meno uniti
UK, condannato un sacerdote pedofilo
UK, condannato un sacerdote pedofilo
Si è chiuso con una condanna a 18 anni il terzo processo contro Michael Higginbottom, ex sacerdote di un prestigioso seminario inglese dove avrebbe abusato di due ragazzi
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Un trasportatore pregiudicato si è tranquillamente avvicinato a George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate, scambiando qualche parola con il più grande. Una bufera che sta rimettendo in discussione tutto l’apparato di sicurezza
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
L’incredibile vicenda giudiziaria di un ex infermiere che ha accusato decine di personaggi di spicco del Regno Unito di far parte di una rete di pedofili. Per poi scoprire che l’unico pedofilo era lui