Attacco al tacco

| Un’intellettuale giapponese ha creato #KuToo, un movimento che chiede di lasciare la possibilità alle donne di non dover indossare ogni giorno scarpe con i tacchi al lavoro

+ Miei preferiti
Yumi Ishikawa, una scrittrice e attrice giapponese, era stanca di dover sempre indossare scarpe con i tacchi alti. Ovunque andasse per questioni di lavoro – al pari delle sue connazionali - non poteva esimersi dal costringere i suoi piedi all’interno di scarpe con il tacco da 15. Così, prendendo a prestito la campagna “Cool biz”, che durante i mesi estivi libera i maschi dall’obbligo della cravatta, ha deciso di lanciare un movimento che ha come obiettivo concedere la libera scelta del tacco alle donne. La campagna è lanciata dall’hashtag #KuToo, che prende ispirazione dal celebre movimento #MeToo ma è anche l’incontro fra due termini giapponesi per pura combinazione molto simili tra loro: Kutsu, scarpa, e Kutsuu, ovvero il dolore. Manco a dirlo, #KuToo è diventato immediatamente virale, attirando in un amen 20mila donne pronte a sottoscrivere la richiesta di abolire l’obbligo del tacco.



La questione, nata quasi per caso, è finita per trasformarsi in una petizione inviata al ministero del lavoro giapponese, corredata da testimonianze di donne costrette a convivere con vesciche e infiammazioni continue. Ma la prime reazioni non lasciano molte speranze: il ministro Takumi Nemoto ha preso personalmente l’onere di rispondere in parlamento, ricordando che “È prassi consolidata che nei posti di lavoro le donne indossino i tacchi”.

Galleria fotografica
Attacco al tacco - immagine 1
Esteri
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Amy Connor, 23 anni, è stata trovata senza vita nel letto di un resort dove stava trascorrendo alcuni giorni di vacanza in compagnia della sorella e della cugina. Nelle scorse ore il commovente funerale
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Amazon, via libera alle consegne con i droni
Il colosso di Seattle punta all’obiettivo dei 30 minuti di consegna al dal momento dell’ordine. L’ente dell’aviazione americano ha dato il benestare
Muore uno degli eredi dell’impero Bonduelle
Muore uno degli eredi dell’impero Bonduelle
Jerone, figlio più piccolo di Bruno Bonduelle, investito da un’auto a Lille mentre tornava a casa in sella alla sua biciletta