Attacco al tacco

| Un’intellettuale giapponese ha creato #KuToo, un movimento che chiede di lasciare la possibilità alle donne di non dover indossare ogni giorno scarpe con i tacchi al lavoro

+ Miei preferiti
Yumi Ishikawa, una scrittrice e attrice giapponese, era stanca di dover sempre indossare scarpe con i tacchi alti. Ovunque andasse per questioni di lavoro – al pari delle sue connazionali - non poteva esimersi dal costringere i suoi piedi all’interno di scarpe con il tacco da 15. Così, prendendo a prestito la campagna “Cool biz”, che durante i mesi estivi libera i maschi dall’obbligo della cravatta, ha deciso di lanciare un movimento che ha come obiettivo concedere la libera scelta del tacco alle donne. La campagna è lanciata dall’hashtag #KuToo, che prende ispirazione dal celebre movimento #MeToo ma è anche l’incontro fra due termini giapponesi per pura combinazione molto simili tra loro: Kutsu, scarpa, e Kutsuu, ovvero il dolore. Manco a dirlo, #KuToo è diventato immediatamente virale, attirando in un amen 20mila donne pronte a sottoscrivere la richiesta di abolire l’obbligo del tacco.



La questione, nata quasi per caso, è finita per trasformarsi in una petizione inviata al ministero del lavoro giapponese, corredata da testimonianze di donne costrette a convivere con vesciche e infiammazioni continue. Ma la prime reazioni non lasciano molte speranze: il ministro Takumi Nemoto ha preso personalmente l’onere di rispondere in parlamento, ricordando che “È prassi consolidata che nei posti di lavoro le donne indossino i tacchi”.

Galleria fotografica
Attacco al tacco - immagine 1
Esteri
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo