Au revoir Sarko

| L’ex presidente della Repubblica francese Nicholas Sarkozy dovrò risponde in tribunale di corruzione e traffico di influenze. Ma altre inchieste si stanno concentrando sul suo nome

+ Miei preferiti
Per i giornali transalpini sta per chiudersi a doppia mandata l’epopea di Nicholas Sarkozy, 23esimo presidente della Repubblica francese: primo occupante dell’Eliseo nato da genitori di origine straniera e primo anche ad essere nato dopo la fine della seconda guerra mondiale. Ma per contro, primo presidente a finire sotto processo nella storia della Quinta Repubblica francese. È la notizia che sta facendo il giro del mondo: Sarko dovrà difendersi in tribunale dalle accuse di corruzione e traffico di influenze che lo inseguono da tempo, e che in tutti i modi ha cercato di evitare presentando una serie di ricorsi, respinti uno dopo l’altro dalla Corte di cassazione francese.

Sulla testa di Sarkozy l’accusa di aver corrotto Gilbert Azibert, alto magistrato della suprema corte, tentando di ottenere attraverso il suo legale Thierry Herzog informazioni coperte da segreto istruttorio su due sue agende, finite sotto sequestro nell’ambito dell’inchiesta sulle tangenti di Liliane Bettencourt, l’erede dell’impero L’Oreal. Sarko è sospettato di aver accettato somme di denaro dalla donna per la campagna presidenziale del 2007, quella che gli avrebbe aperto le porte dell’Eliseo. Nel 2013, l’ex presidente è stato scagionato dall’accusa di aver approfittato dell’ereditiera, fra l’altro una donna in età avanzata, ma attraverso alcune intercettazioni è invece stato confermato il tentativo di corrompere Azibert offrendogli un “prestigioso incarico” a Monte Carlo, dopo averne discusso al telefono con il suo legale di fiducia Thierry Herzog.

Ma questo non è l’unico guaio di Sarko: lo scorso marzo era stato fermato e interrogato a proposito di sospetti finanziamenti ricevuti dall’ex leader libico Gheddafi, ancora una volta per finanziare la campagna elettorale 2007. Un’altra incriminazione riguarda “l’Affaire Bygmalion”, com’è chiamata l’inchiesta che tenta di stabilire se ci fu frode o meno nel tentativo di alzare il tetto di spesa previsto per la campagna elettorale del 2012.

Per finire in bellezza con il caso più recente, quello che ha come protagonista più eclatante Michel Platini, finito agli arresti e poi rilasciato nelle scorse ore, riguardo ai sospetti che aleggiano sull’assegnazione dei Mondiali di calcio 2022 al Qatar. Secondo alcune voci, gli inquirenti sospettano che a muovere le fila sia stato proprio Sarkozy, favorendo i contatti con un pranzo all’Eliseo in cui era presente anche Platini, all’epoca presidente della Uefa.

Il processo per corruzione dovrebbe iniziare entro il mese prossimo a Parigi: oltre a Sarkozy, alla sbarra ci saranno anche Thierry Herzog e Gilbert Azibert, che devono rispondere di violazione del segreto professionale.

Classe 1955, parigino di nascita, prima di ricoprire il ruolo di presidente della Repubblica francese, dal 16 maggio 2007 al 15 maggio 2012, Nicolas Paul Stéphane Sárközy de Nagy-Bócsa è stato più volte ministro (finanze, comunicazioni, economia, e per due volte dell’interno). Nel febbraio 2008 ha sposato in terze nozze all’Eliseo con una cerimonia privata l’ex top-model di origine italiana Carla Bruni, che nel 2011 l’ha reso padre di Giulia, la sua quarta figlia.

Galleria fotografica
Au revoir Sarko - immagine 1
Esteri
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Sarà introdotta prima a Gatwick e poco a Heathrow una tariffa di 5 sterline per 10 minuti di sosta veloce. La tassa prende il posto del “Kiss and Fly” gratuito, e fioccano le polemiche
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
Quasi vent’anni prima della sua fuga, la principessa Shamsa aveva tentato la stessa cosa: fu rapita a Cambridge e riportata a Dubai. Ha vissuto anni in galera ed è ormai ridotta ad “uno zombie”
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile