Au revoir Sarko

| L’ex presidente della Repubblica francese Nicholas Sarkozy dovrò risponde in tribunale di corruzione e traffico di influenze. Ma altre inchieste si stanno concentrando sul suo nome

+ Miei preferiti
Per i giornali transalpini sta per chiudersi a doppia mandata l’epopea di Nicholas Sarkozy, 23esimo presidente della Repubblica francese: primo occupante dell’Eliseo nato da genitori di origine straniera e primo anche ad essere nato dopo la fine della seconda guerra mondiale. Ma per contro, primo presidente a finire sotto processo nella storia della Quinta Repubblica francese. È la notizia che sta facendo il giro del mondo: Sarko dovrà difendersi in tribunale dalle accuse di corruzione e traffico di influenze che lo inseguono da tempo, e che in tutti i modi ha cercato di evitare presentando una serie di ricorsi, respinti uno dopo l’altro dalla Corte di cassazione francese.

Sulla testa di Sarkozy l’accusa di aver corrotto Gilbert Azibert, alto magistrato della suprema corte, tentando di ottenere attraverso il suo legale Thierry Herzog informazioni coperte da segreto istruttorio su due sue agende, finite sotto sequestro nell’ambito dell’inchiesta sulle tangenti di Liliane Bettencourt, l’erede dell’impero L’Oreal. Sarko è sospettato di aver accettato somme di denaro dalla donna per la campagna presidenziale del 2007, quella che gli avrebbe aperto le porte dell’Eliseo. Nel 2013, l’ex presidente è stato scagionato dall’accusa di aver approfittato dell’ereditiera, fra l’altro una donna in età avanzata, ma attraverso alcune intercettazioni è invece stato confermato il tentativo di corrompere Azibert offrendogli un “prestigioso incarico” a Monte Carlo, dopo averne discusso al telefono con il suo legale di fiducia Thierry Herzog.

Ma questo non è l’unico guaio di Sarko: lo scorso marzo era stato fermato e interrogato a proposito di sospetti finanziamenti ricevuti dall’ex leader libico Gheddafi, ancora una volta per finanziare la campagna elettorale 2007. Un’altra incriminazione riguarda “l’Affaire Bygmalion”, com’è chiamata l’inchiesta che tenta di stabilire se ci fu frode o meno nel tentativo di alzare il tetto di spesa previsto per la campagna elettorale del 2012.

Per finire in bellezza con il caso più recente, quello che ha come protagonista più eclatante Michel Platini, finito agli arresti e poi rilasciato nelle scorse ore, riguardo ai sospetti che aleggiano sull’assegnazione dei Mondiali di calcio 2022 al Qatar. Secondo alcune voci, gli inquirenti sospettano che a muovere le fila sia stato proprio Sarkozy, favorendo i contatti con un pranzo all’Eliseo in cui era presente anche Platini, all’epoca presidente della Uefa.

Il processo per corruzione dovrebbe iniziare entro il mese prossimo a Parigi: oltre a Sarkozy, alla sbarra ci saranno anche Thierry Herzog e Gilbert Azibert, che devono rispondere di violazione del segreto professionale.

Classe 1955, parigino di nascita, prima di ricoprire il ruolo di presidente della Repubblica francese, dal 16 maggio 2007 al 15 maggio 2012, Nicolas Paul Stéphane Sárközy de Nagy-Bócsa è stato più volte ministro (finanze, comunicazioni, economia, e per due volte dell’interno). Nel febbraio 2008 ha sposato in terze nozze all’Eliseo con una cerimonia privata l’ex top-model di origine italiana Carla Bruni, che nel 2011 l’ha reso padre di Giulia, la sua quarta figlia.

Galleria fotografica
Au revoir Sarko - immagine 1
Esteri
Svolta nell’omicidio di Daphne Caruana Galizia
Svolta nell’omicidio di Daphne Caruana Galizia
Un uomo sospettato di essere l’intermediario fra i mandanti e gli esecutori materiali dell’omicidio della giornalista, è finito in manette. Ma per rivelare tutto ha preteso la grazia dal presidente Muscat
Le notti sfrenate di Andrew
Le notti sfrenate di Andrew
Uno scoop giornalistico rivela alcune immagini del Duca di York ospite di un party in Costa Azzurra nel 2008, sempre in compagnia di giovani donne. Secondo un testimone, sono stati gli anni più folli del principe
Il Black Friday di Trump
Il Black Friday di Trump
Un venerdì nero fatto di tweet che fanno infuriare il Congresso, di dichiarazioni pubbliche dei testimoni e di incriminazioni e condanne di suoi stretti collaboratori. L’aria intorno alla Casa Bianca si fa pesante
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi
Lizzie, la paladina dei paramedici inglesi
Aggredita su un’ambulanza da un uomo ferito in una rissa, ha scelto di denunciare pubblicamente l’accaduto per ricordare le quasi 15mila aggressioni subite in cinque anni. Quasi tutte impunite
UK, a processo la donna che dava droga al figlio
UK, a processo la donna che dava droga al figlio
Lo scorso gennaio, il 15enne Tyler Peck e un suo amico ricevono droghe e antidolorifici dalla madre del primo: Tyler muore, e nel suo corpo l’autopsia rileva una grande quantità di oppioidi
Hong Kong, il punto del non ritorno
Hong Kong, il punto del non ritorno
Le violenze hanno ormai raggiunto un’intensità preoccupante: un manifestante colpito da un proiettile della polizia lotta fra la vita e morte, e un cittadino pro-Pechino è stato dato alle fiamme
UK, una campagna elettorale al veleno
UK, una campagna elettorale al veleno
Ad una sola settimana dall’inizio della campagna per le elezioni del 12 dicembre prossimo, conservatori e laburisti hanno iniziato una guerra di nervi piene di colpi bassi
Si dà fuoco per protesta contro i governi francesi
Si dà fuoco per protesta contro i governi francesi
Un giovane di 22 anni è in fin di vita a Lione: si è dato fuoco incolpando gli ex presidenti di averlo ridotto sul lastrico
UK: vietato toccare lo smartphone mentre si guida
UK: vietato toccare lo smartphone mentre si guida
Dal prossimo anno entreranno in funzione sofisticate telecamere che riprenderanno i trasgressori, a cui sarà recapitata una multa e tolti 6 punti dalla patente. Ma almeno inizialmente, servirà la flagranza dell’infrazione
Ritrovato il violino di Stephen Morris
Ritrovato il violino di Stephen Morris
L’autore del furto ha accettato di restituire il prezioso strumento, dimenticato dal musicista su un treno