Au revoir Sarko

| L’ex presidente della Repubblica francese Nicholas Sarkozy dovrò risponde in tribunale di corruzione e traffico di influenze. Ma altre inchieste si stanno concentrando sul suo nome

+ Miei preferiti
Per i giornali transalpini sta per chiudersi a doppia mandata l’epopea di Nicholas Sarkozy, 23esimo presidente della Repubblica francese: primo occupante dell’Eliseo nato da genitori di origine straniera e primo anche ad essere nato dopo la fine della seconda guerra mondiale. Ma per contro, primo presidente a finire sotto processo nella storia della Quinta Repubblica francese. È la notizia che sta facendo il giro del mondo: Sarko dovrà difendersi in tribunale dalle accuse di corruzione e traffico di influenze che lo inseguono da tempo, e che in tutti i modi ha cercato di evitare presentando una serie di ricorsi, respinti uno dopo l’altro dalla Corte di cassazione francese.

Sulla testa di Sarkozy l’accusa di aver corrotto Gilbert Azibert, alto magistrato della suprema corte, tentando di ottenere attraverso il suo legale Thierry Herzog informazioni coperte da segreto istruttorio su due sue agende, finite sotto sequestro nell’ambito dell’inchiesta sulle tangenti di Liliane Bettencourt, l’erede dell’impero L’Oreal. Sarko è sospettato di aver accettato somme di denaro dalla donna per la campagna presidenziale del 2007, quella che gli avrebbe aperto le porte dell’Eliseo. Nel 2013, l’ex presidente è stato scagionato dall’accusa di aver approfittato dell’ereditiera, fra l’altro una donna in età avanzata, ma attraverso alcune intercettazioni è invece stato confermato il tentativo di corrompere Azibert offrendogli un “prestigioso incarico” a Monte Carlo, dopo averne discusso al telefono con il suo legale di fiducia Thierry Herzog.

Ma questo non è l’unico guaio di Sarko: lo scorso marzo era stato fermato e interrogato a proposito di sospetti finanziamenti ricevuti dall’ex leader libico Gheddafi, ancora una volta per finanziare la campagna elettorale 2007. Un’altra incriminazione riguarda “l’Affaire Bygmalion”, com’è chiamata l’inchiesta che tenta di stabilire se ci fu frode o meno nel tentativo di alzare il tetto di spesa previsto per la campagna elettorale del 2012.

Per finire in bellezza con il caso più recente, quello che ha come protagonista più eclatante Michel Platini, finito agli arresti e poi rilasciato nelle scorse ore, riguardo ai sospetti che aleggiano sull’assegnazione dei Mondiali di calcio 2022 al Qatar. Secondo alcune voci, gli inquirenti sospettano che a muovere le fila sia stato proprio Sarkozy, favorendo i contatti con un pranzo all’Eliseo in cui era presente anche Platini, all’epoca presidente della Uefa.

Il processo per corruzione dovrebbe iniziare entro il mese prossimo a Parigi: oltre a Sarkozy, alla sbarra ci saranno anche Thierry Herzog e Gilbert Azibert, che devono rispondere di violazione del segreto professionale.

Classe 1955, parigino di nascita, prima di ricoprire il ruolo di presidente della Repubblica francese, dal 16 maggio 2007 al 15 maggio 2012, Nicolas Paul Stéphane Sárközy de Nagy-Bócsa è stato più volte ministro (finanze, comunicazioni, economia, e per due volte dell’interno). Nel febbraio 2008 ha sposato in terze nozze all’Eliseo con una cerimonia privata l’ex top-model di origine italiana Carla Bruni, che nel 2011 l’ha reso padre di Giulia, la sua quarta figlia.

Galleria fotografica
Au revoir Sarko - immagine 1
Esteri
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente
Sarah Boyle è stata sottoposta a mastectomia bilaterale dopo che i medici le hanno diagnosticato una forma aggressiva di tumore. Un anno dopo l’ospedale si rende conto dell’errore
Si dimette il ministro dello scandalo dell’aragosta
Si dimette il ministro dello scandalo dell’aragosta
È stato ribattezzato così dai giornali francesi: ha come epicentro il ministro dell’ambiente François de Rugy, accusato di aver offerto cene a base di aragoste e champagne
Francia multata per Salah Abdeslam
Francia multata per Salah Abdeslam
L’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 13 novembre 2015, ha vinto una causa legata alle modalità della sua detenzione: lo Stato condannato a risarcirlo con 500 euro
Vincent sta morendo
Vincent sta morendo
I genitori ammettono che non ci sono più speranze per l’ex infermiere francese di 42 anni, da 10 in stato vegetativo: idratazione e nutrizione sono stati interrotti il 2 luglio. Denunciato per “assassinio” il primario del reparto
Jamie Oliver cambia casa
Jamie Oliver cambia casa
A meno di due mesi dal clamoroso crack finanziario che ha decretato la fine dell’impero gastronomico, lo chef inglese si trasferisce in una tenuta principesca costata 6 milioni di sterline. Una scelta che non è piaciuta
I passatempi delle guardie dei tesori inglesi
I passatempi delle guardie dei tesori inglesi
Una foto, diventata virale, mostra una delle guardie che sorvegliano i gioielli della corona alla Tower of London, mentre guarda un video porno invece dei monitor
Tre feriti alla corsa dei tori di Pamplona
Tre feriti alla corsa dei tori di Pamplona
Nel primo giorno della celebre festa amata da Hemigway, tre persone sono state ricoverate in gravi condizioni in ospedale. Lo scorso anno il bilancio è stato di 42 feriti
Lo scandalo dei “Washington Files”
Lo scandalo dei “Washington Files”
Imbarazzo a Downing Street dopo la pubblicazione di messaggi e informative segrete, inviate dal diplomatico al governo. Definizioni impietose su tutto, dalla politica allo stesso Trump
Notre-Dame, non è stato un incendio doloso
Notre-Dame, non è stato un incendio doloso
A questo è giunta l’indagine preliminare della Procura parigina, che tuttavia non è riuscita a stabilire con certezza cosa abbia scatenato le fiamme
Erdogan perde Istanbul: vince Imamoglu
Erdogan perde Istanbul: vince Imamoglu
Cocente sconfitta per il presidente, che dopo 25 anni si vede strappare la città motore della Turchia dal candidato dell’opposizione