Au revoir Sarko

| L’ex presidente della Repubblica francese Nicholas Sarkozy dovrò risponde in tribunale di corruzione e traffico di influenze. Ma altre inchieste si stanno concentrando sul suo nome

+ Miei preferiti
Per i giornali transalpini sta per chiudersi a doppia mandata l’epopea di Nicholas Sarkozy, 23esimo presidente della Repubblica francese: primo occupante dell’Eliseo nato da genitori di origine straniera e primo anche ad essere nato dopo la fine della seconda guerra mondiale. Ma per contro, primo presidente a finire sotto processo nella storia della Quinta Repubblica francese. È la notizia che sta facendo il giro del mondo: Sarko dovrà difendersi in tribunale dalle accuse di corruzione e traffico di influenze che lo inseguono da tempo, e che in tutti i modi ha cercato di evitare presentando una serie di ricorsi, respinti uno dopo l’altro dalla Corte di cassazione francese.

Sulla testa di Sarkozy l’accusa di aver corrotto Gilbert Azibert, alto magistrato della suprema corte, tentando di ottenere attraverso il suo legale Thierry Herzog informazioni coperte da segreto istruttorio su due sue agende, finite sotto sequestro nell’ambito dell’inchiesta sulle tangenti di Liliane Bettencourt, l’erede dell’impero L’Oreal. Sarko è sospettato di aver accettato somme di denaro dalla donna per la campagna presidenziale del 2007, quella che gli avrebbe aperto le porte dell’Eliseo. Nel 2013, l’ex presidente è stato scagionato dall’accusa di aver approfittato dell’ereditiera, fra l’altro una donna in età avanzata, ma attraverso alcune intercettazioni è invece stato confermato il tentativo di corrompere Azibert offrendogli un “prestigioso incarico” a Monte Carlo, dopo averne discusso al telefono con il suo legale di fiducia Thierry Herzog.

Ma questo non è l’unico guaio di Sarko: lo scorso marzo era stato fermato e interrogato a proposito di sospetti finanziamenti ricevuti dall’ex leader libico Gheddafi, ancora una volta per finanziare la campagna elettorale 2007. Un’altra incriminazione riguarda “l’Affaire Bygmalion”, com’è chiamata l’inchiesta che tenta di stabilire se ci fu frode o meno nel tentativo di alzare il tetto di spesa previsto per la campagna elettorale del 2012.

Per finire in bellezza con il caso più recente, quello che ha come protagonista più eclatante Michel Platini, finito agli arresti e poi rilasciato nelle scorse ore, riguardo ai sospetti che aleggiano sull’assegnazione dei Mondiali di calcio 2022 al Qatar. Secondo alcune voci, gli inquirenti sospettano che a muovere le fila sia stato proprio Sarkozy, favorendo i contatti con un pranzo all’Eliseo in cui era presente anche Platini, all’epoca presidente della Uefa.

Il processo per corruzione dovrebbe iniziare entro il mese prossimo a Parigi: oltre a Sarkozy, alla sbarra ci saranno anche Thierry Herzog e Gilbert Azibert, che devono rispondere di violazione del segreto professionale.

Classe 1955, parigino di nascita, prima di ricoprire il ruolo di presidente della Repubblica francese, dal 16 maggio 2007 al 15 maggio 2012, Nicolas Paul Stéphane Sárközy de Nagy-Bócsa è stato più volte ministro (finanze, comunicazioni, economia, e per due volte dell’interno). Nel febbraio 2008 ha sposato in terze nozze all’Eliseo con una cerimonia privata l’ex top-model di origine italiana Carla Bruni, che nel 2011 l’ha reso padre di Giulia, la sua quarta figlia.

Galleria fotografica
Au revoir Sarko - immagine 1
Esteri
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
Più che le faccende di cuore del presidente, a finire nel mirino della testata d’opposizione “Proekt” è il misterioso flusso costante di capitali e proprietà
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti
Putin pronto a lasciare
Putin pronto a lasciare
Un tabloid inglese rivela che il presidente russo sarebbe affetto da Parkinson: il Cremlino smentisce, ma tutto lascia pensare ad un passaggio di consegne imminente