Berlino, arrivano i sexbox

| In una parte del Tempelhof, l’immensa area dove sorgeva l’ex aeroporto cittadino, la capitale tedesca sta discutendo se attrezzare delle cabine per le prostitute e i loro clienti

+ Miei preferiti
I 366 ettari del “Tempelhof”, l’area dove sorgeva l’antico aeroporto di Berlino, di storia ne hanno vista parecchia. Nel 1820 viene usato come campo di addestramento per le parate, e nel 1909 Orville Wright stupisce tutti con una dimostrazione di volo. Nel 1923 l’area viene designata come aeroporto di Berlino, e tre anni vede nascere la “Lufthansa”. Nel 2008 i berlinesi sono chiamati alle urne per un referendum che chiede se chiudere o mantenere l’aeroporto: la maggioranza non va a votare, e i pochi che lo fanno scelgono la chiusura. Due anni dopo, Tempelhof viene riconvertito in parco pubblico, aprendosi ai berlinesi con spettacoli che vanno in scena sulle vecchie piste dell’aeroporto.

Ora, nella storia del Tempelhof potrebbe scriversi un nuovo capitolo: il sindaco del “Mitte”, il quartiere centrale di Berlino, ha proposto l’installazione delle “Verichtungsboxen”, delle cabine per il sesso dove le prostitute possano incontrare i clienti in tutta tranquillità. Una proposta che sembra convincere perfino Stephan von Dassel, rappresentante dei Verdi, che da tempo tenta di estirpare la prostituzione da Kurfürstenstrasse, una delle strade dello shopping del Mitte. “I residenti e i negozianti chiedono da tempo il divieto della prostituzione di strada, ma il Senato di Berlino finora si è rifiutato di applicare divieti perché teme un deterioramento della situazione generale. Le sexbox in aree controllate potrebbero migliorare la vita dei residenti e delle professioniste del sesso”.

Dassel, che ha passato due anni a studiare la situazione in Kurfürstenstrasse, avverte che la prostituzione non regolamentata portando i clienti “alla ricerca di prestazioni a prezzi così bassi che le prostitute sono costrette al superlavoro per guadagnare il minimi necessario alla sussistenza”. Di queste, fra l’altro, solo una minoranza riceve supporto sanitario.

Le cabine del sesso sono apparse per la prima volta ad Utrecht, nei Paesi Bassi, alla metà degli anni ‘80, e il concetto si è successivamente diffuso in diverse città europee. Colonia l’ha adottato nel 2001, creando un impianto dotato di cancello d'ingresso, telecamere di sicurezza e pulsanti di allarme in ogni cabina. Il modello è stato poi introdotto anche a Essen, Bonn e Zurigo.

Esteri
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo