Berlino, i taxi della droga

| Un sms con l’ordine, e la dose di cocaina arriva direttamente sotto caso nel giro di pochi minuti. Un fenomeno così esteso che sta mettendo in crisi la polizia della capitale tedesca

+ Miei preferiti
Nulla di più facile: un sms con l’ordine da inviare ad un numero di cellulare, indicando la quantità richiesta e l’indirizzo di recapito. Un call-center che raccoglie gli ordini e li smista alle varie auto “in servizio”: nel giro di 15 minuti, la cocaina arriva direttamente a casa, pronta all’uso.

È un fenomeno che sta dilagando a Berlino, diventato così vasto da essere finito al centro di ben 35 inchieste della polizia. Li chiamano “i taxi della droga”, o ancora “l’Uber dello sballo”, e viene pubblicizzato attraverso biglietti di visita che spiegano la comodità del servizio nelle zone dello spaccio, ma si registrano anche diversi casi all’interno di locali. E che sia diventato un “successo” lo dimostrano i dati: da uno studio sulle acque reflue di Berlino, la presenza di residui di cocaina è quasi raddoppiata nel giro di quattro anni. Prova lampante che il consumo di droga in città sta registrando picchi mai visti, con il numero di morti per overdose che aumenta di conseguenza: nel 2018 c’erano state 35 vittime, nel luglio di quest’anno si era già raggiunta quota 25.

Olaf Schremm, capo del “Drug Crime”, ha ammesso che i casi sono così tanti da aver mandato in crisi il dipartimento di polizia: “In questo momento siamo letteralmente sepolti da una mole impressionante di denunce e segnalazioni da impegnare l’intero dipartimento, e negli anni scorsi non era così. Si tratta di un fenomeno così diffuso che sappiamo di diversi numeri di call-center clandestini in grado di gestire centinaia di chiamate ogni giorno”. Lo scorso maggio, la polizia ha arrestato due uomini a bordo di un’auto dopo averli seguiti mentre effettuavano una consegna: a bordo avevano un kg di cocaina, per un valore sul mercato di 40mila euro circa.

L’emittente “RBB” è riuscita a intervistare uno dei clienti abituali dei taxi della cocaina: ha detto di chiamarsi Michael, anche se non è il suo vero nome, e inizialmente sniffava cocaina solo nei fine settimana. “È andata bene per un anno, poi ho completamente perso il controllo: consumavo coca ogni giorno, era diventata necessaria per affrontare la vita quotidiana”. Michael ordinava la polvere bianca a domicilio usando a tre diversi numeri: “Era come fare l'ordine di una pizza. E mentalmente toglieva il senso di colpa di dover girare per le strade alla ricerca di un pusher: così diventava una questione privata che non aveva più nulla di sbagliato”. Poi, di colpo, la vita di Michael è precipitata in crisi di astinenza sempre più violente: la sua fidanzata l'ha costritto a rivolgersi ad un centro di terapia ambulatoriale a Charlottenburg, dove è in terapia da diversi mesi, e sta lentamente riportando la sua vita verso la normalità.

Esteri
Trump, confusione al vertice Nato
Trump, confusione al vertice Nato
Buckingham Palace alle prese con lo scottante “affaire Andrew”, la Casa Bianca con l’approvazione del rapporto dell’intelligence che preclude la stesura della messa in stato d’accusa. Tensioni anche con Macron
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Dopo aver pesantemente insultato Boris Johnson, il celebre attore da giorni è impegnato in un door to door per invitare i suoi concittadini al voto per scongiurare l’uscita dalla UE
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Le nuove norme dettate dall’impaziente Boris Johnson, ormai certo di ottenere la maggioranza alle prossime elezioni che gli permetterà di concludere l’uscita dalla UE
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Avrebbe voluto resistere altri 6-8 mesi, ma le pieghe dell’inchiesta sull’omicidio della giornalista hanno convinto il premier a fare un passo indietro
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Da giorni aveva preso di mira gli studenti universitari: li avvicinava e dopo aver sorriso li investiva con gli escrementi che trasportava in un secchio
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Allo scoccare del 95esimo compleanno, la regina Elisabetta sarebbe pronta a nominare Charles “Principe Reggente”: un’abdicazione a metà, visto che lei resterebbe comunque la sovrana
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
È successo in Russia, a bordo di un volo dell’Aeroflot partito da Mosca: il rientro a terra pochi minuti dopo il decollo per consentire le cure, ma per il pilota non e’era più nulla da fare
Clamoroso furto al Castello di Dresda
Clamoroso furto al Castello di Dresda
I ladri hanno manomesso il sistema di allarma agendo indisturbati: rubati pietre e preziosi per un valore che secondo i media potrebbe superare il miliardo di euro
L’assedio di Malta
L’assedio di Malta
Il premier Muscat sotto pressione per le accuse piovute sul suo governo e per alcune decisioni che sono apparse come un esempio di preoccupante pressapochismo. Se non peggio
Nuova Zelanda, condannato l’uomo che ha ucciso Grace
Nuova Zelanda, condannato l’uomo che ha ucciso Grace
La giuria ha ritenuto colpevole di omicidio e vilipendio di cadavere un uomo neozelandese che un anno fa uccise una 22enne inglese nascondendo il cadavere in una valigia