BoJo in difficoltà: troppe decisioni e scelte sbagliate

| La stella dell’uomo forte della Brexit si sta offuscando: invece di pensare ai problemi del Paese, afflitto dal Covid-19 e da una crisi economica pesantissima, si concentra sul altro

+ Miei preferiti
La Gran Bretagna è nel mezzo di un disastro epocale: con uno dei tassi di mortalità più alti del mondo, almeno 52.000 persone sono morte a causa del Covid-19. Ma sempre più voci critiche nel Paese puntano il dito sulle scelte di Boris Johnson, che invece di affrontare la crisi di petto, sembra più preoccupato del possibile rimpasto della sua squadra di governo. Fra i grattacapi di BoJo anche la notizia diffusa dal “Sunday Times” sul blocco delle misure che avrebbero reso più facile per le persone trans cambiare genere sul loro certificato di nascita. E mentre le proteste ispirate dal movimento “Black Lives Matter” hanno travolto tutto il Regno Unito, il premier si è limitato a condannare la rimozione di una statua che ritraeva uno schiavista, e ha bollato le vernici che hanno deturpato un monumento a Winston Churchill, come “uno sforzo in più cancellabile con photoshop”.

Mentre il governo lotta contro l’incessante marcia mortale della pandemia, Johnson ha trovato anche il tempo di annunciare la fusione di due grandi dipartimenti governativi: il Foreign and Commonwealth Office (FCO), che sovrintende alla politica estera del governo britannico, e il Department for International Development (DFID), che gestisce la politica degli aiuti. Lo scopo: unificare gli aiuti esteri agli interessi nazionali.

La stranezza è che il governo di Johnson siede su una schiacciante maggioranza di 80 voti a Westminster che gli permetterebbe di fare tutto ciò che vuole. Eppure secondo gli esperti sembra alle prese con una campagna elettorale, malgrado manchino ben quattro anni all’appuntamento con le urne. In realtà Johnson avverte scricchiolii sinistri: la conclamata fatica a riprendersi dal coronavirus e l’incertezza dimostrata nell’affrontare la pandemia e la crisi economica, avrebbero convinto i Tories e “far scaldare” Rishi Sunak, l’attuale ambizioso cancelliere dello scacchiere.

Eppure la base elettorale di Johnson è decisamente più ampia di un tempo, e comprende molti elettori di zone che in passato erano roccaforti del partito laburista, come le ex città industriali delle Midlands, del Galles e dell’Inghilterra nordoccidentale. Molti sono stati attratti dalla promessa elettorale di “Mettere la parola fine alla Brexit”. Una promessa mantenuta alla fine di marzo, quando la Gran Bretagna ha ufficialmente lasciato l’Unione Europea, e il dibattito è passato da una battaglia ideologica a questioni pratiche e perfino più delicate sul commercio e la pesca.

Negli anni ‘90, quando lavorava come corrispondente del “Daily Telegraph” a Bruxelles, BoJo si era fatto notare firmando articoli che ritraevano l’UE come un incubo normativo. Dalle storie sui tentativi di bandire le banane ricurve e di introdurre preservativi più piccoli, la fantasia di Johnson, insieme a quella di altri media di destra, ha contribuito a creare un sentimento sempre più euroscettico.

Il suo periodo come sindaco di Londra, tra il 2008 e il 2016, lo ha reso famoso in tutto il mondo per scelte a volte cervellotiche, e nel 2016, quando è arrivato il delicato momento del referendum sulla Brexit, Johnson ha spinto con tutte le forze per il “Leave”, con tratti populisti e a volte xenofobi. Tra i suoi obiettivi c’erano la UE, gli europei che vivono nel Regno Unito e persino il presidente degli Stati Uniti Obama, contro cui Johnson si è scagliato con forza.

La campagna di Johnson, naturalmente, ha funzionato: la Gran Bretagna ha scelto di lasciare la UE. E adesso, rifiuta categoricamente di chiedere un’estensione del periodo di transizione, nonostante i suoi esperti di politica commerciale insistano sul fatto che la Gran Bretagna ha bisogno di più tempo per negoziare un accordo.

Esteri
Olanda, i container per le torture
Olanda, i container per le torture
In coordinamento con la polizia europea, le forze dell’ordine olandesi hanno sgominato una banda che aveva attrezzato sei container per torturare
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Scandalo in Ungheria: niente carcere per il diplomatico pedofilo
Finito al centro di un’indagine internazionale per possesso di materiale pedopornografico pedofilia, all’ex ambasciatore ungherese in Perù vicino al presidente Orban è stato garantito un trattamento giudiziario di favore
Per sempre Putin
Per sempre Putin
Si avvia alla conclusione il referendum costituzionale voluto dal Cremlino per eliminare il limite dei mandati presidenziali: Vladimir può restare al comando fino al 2036
«Il castello non è un gabinetto»
«Il castello non è un gabinetto»
Gli immensi giardini della tenuta di Balmoral, in Scozia, residenza estiva della Regina, sono aperti al pubblico. Ma gli addetti ai giardini si lamentano: troppa gente fa i propri bisogni dove capita
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
ONU: lo scandalo del sesso a bordo
Un breve video diventato virale mostra un rapporto sessuale fra un uomo e una probabile prostituta consumato su un Suv bianco dell’organizzazione umanitaria
Londra: la festa diventata rivolta
Londra: la festa diventata rivolta
A Brixton, nel sud di Londra, una festa di strada si è trasformata in enorme rissa all’arrivo degli agenti
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Cédric Chouviat, il George Floyd francese
Un rider padre di 5 figli muore per le conseguenze della “tecnica di soffocamento” della polizia di Parigi. E mentre le proteste aumentano, si scopre un altro caso analogo dimenticato dalle cronache
Blogger russa muore in un incidente in moto
Blogger russa muore in un incidente in moto
Anastasia Tropitsel, 18 anni, in vacanza a Bali, si è schiantata con la sua moto contro una recinzione. Illeso il fidanzato che viaggiava con lei
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
Russia: l’infermiera in bikini diventa modella
L’immagine di Nadezhda Zhukova in costume fra i malati di Covid-19 aveva fatto il giro del mondo. Un’inchiesta l’ha scagionata e ore sogna di diventare medico, ma nel frattempo ha iniziato anche a posare per un marchio sportivo
GB: notte di sangue a Reading
GB: notte di sangue a Reading
Un uomo armato di coltello si è gettato sulla folla che sciamava dopo una manifestazione antirazzismo: prima di essere bloccato è riuscito a uccidere tre persone e ferirne altrettanto. Per la polizia non si tratta di terrorismo