Carlos Ghosn: sono fuggito per non morire

| Nella prima, attesissima conferenza stampa, l’ex top manager accusa pesantemente i vertici di Nissan di essere in combutta con la Procura e il sistema giudiziario giapponese, “arcaico e lontano dai diritti dei prigionieri sanciti dall’Onu”

+ Miei preferiti
“È un giorno felice, perché sono finalmente libero di esprimermi e di spiegare”, Carlo Ghosn, l’ex ad di Renault-Nissan, esordisce così all’affollatissima conferenza stampa – a cui è stato vietato l’ingresso ad alcuni giornalisti giapponesi - convocata per spiegare le ragioni della sua fuga rocambolesca dal Giappone verso il Libano, su cui si è tanto favoleggiato nelle scorse settimane. Ma lui toglie ogni speranza a chi si aspettava una ricostruzione della dinamica della fuga: “Non sono qui per raccontarvi come ho lasciato il Giappone, ma perché. E non sono fuggito dalla giustizia ma dall’ingiustizia e dalla persecuzione politica: le accuse mosse contro di me sono false e non avrei mai dovuto essere arrestato. Sono felice di essere con i miei cari dopo essermi battuto per 400 giorni per dimostrare la mia innocenza e dopo essere stato detenuto in condizioni brutali, contro ogni principio fondamentale del rispetto dei diritti umani”. Definisce “una farsa contro la dignità delle persone, in un sistema arcaico e manipolativo in cui la verità è ininfluente” le condizioni di detenzione in Giappone, totalmente al di fuori delle regole delle Nazioni Unite: “Sono stato interrogato per otto ore al giorno senza la presenza di un avvocato”.

Poi, l’ex potente manager attacca a testa bassa alcuni alti dirigenti Nissan, di cui si dice pronto a fare tutti i nomi, per il tentativo di farlo fuori attraverso accuse false, accordi sottobanco con i magistrati giapponesi e “aver orchestrato una campagna e un complotto”.

“Tutto è iniziato nel 2017, quando sono cominciate le perdite di Nissan: nell’aria c’era molto nervosismo, ed è allora che è stato concepito un pino con la procura. Sono stato tradito dal Paese che ho servito per 17 anni: andarmene è stata la decisione più difficile della mia vita, ma non ho avuto altra scelta che proteggere me stesso e la mia famiglia. Se non fossi fuggito, avrei rischiato di vivere 5 anni senza una sentenza: sarei quasi sicuramente morto in Giappone”.

Esteri
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Alessandro Donati, milanese, ha ammesso davanti alla corte di Londra di aver svaligiato le residenze di celebrità come la figlia dell’ex patron della F1, di Frank Lampard e di un miliardario thailandese
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri