Carlos Ghosn: sono fuggito per non morire

| Nella prima, attesissima conferenza stampa, l’ex top manager accusa pesantemente i vertici di Nissan di essere in combutta con la Procura e il sistema giudiziario giapponese, “arcaico e lontano dai diritti dei prigionieri sanciti dall’Onu”

+ Miei preferiti
“È un giorno felice, perché sono finalmente libero di esprimermi e di spiegare”, Carlo Ghosn, l’ex ad di Renault-Nissan, esordisce così all’affollatissima conferenza stampa – a cui è stato vietato l’ingresso ad alcuni giornalisti giapponesi - convocata per spiegare le ragioni della sua fuga rocambolesca dal Giappone verso il Libano, su cui si è tanto favoleggiato nelle scorse settimane. Ma lui toglie ogni speranza a chi si aspettava una ricostruzione della dinamica della fuga: “Non sono qui per raccontarvi come ho lasciato il Giappone, ma perché. E non sono fuggito dalla giustizia ma dall’ingiustizia e dalla persecuzione politica: le accuse mosse contro di me sono false e non avrei mai dovuto essere arrestato. Sono felice di essere con i miei cari dopo essermi battuto per 400 giorni per dimostrare la mia innocenza e dopo essere stato detenuto in condizioni brutali, contro ogni principio fondamentale del rispetto dei diritti umani”. Definisce “una farsa contro la dignità delle persone, in un sistema arcaico e manipolativo in cui la verità è ininfluente” le condizioni di detenzione in Giappone, totalmente al di fuori delle regole delle Nazioni Unite: “Sono stato interrogato per otto ore al giorno senza la presenza di un avvocato”.

Poi, l’ex potente manager attacca a testa bassa alcuni alti dirigenti Nissan, di cui si dice pronto a fare tutti i nomi, per il tentativo di farlo fuori attraverso accuse false, accordi sottobanco con i magistrati giapponesi e “aver orchestrato una campagna e un complotto”.

“Tutto è iniziato nel 2017, quando sono cominciate le perdite di Nissan: nell’aria c’era molto nervosismo, ed è allora che è stato concepito un pino con la procura. Sono stato tradito dal Paese che ho servito per 17 anni: andarmene è stata la decisione più difficile della mia vita, ma non ho avuto altra scelta che proteggere me stesso e la mia famiglia. Se non fossi fuggito, avrei rischiato di vivere 5 anni senza una sentenza: sarei quasi sicuramente morto in Giappone”.

Esteri
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti