Charles Spencer, un affare chiamato Diana

| Oltre alle 20 sterline necessarie per entrare nella tenuta che ospita ciò che resta di Lady Diana, il fratello ha fatto stampare l’elogio funebre pronunciato a Westminster, che vende per 30, ma autografato

+ Miei preferiti
“Champagne Charlie”, così i tabloid inglesi avevano ribattezzato Charles Spencer, visconte di Althorp e fratello di Lady Diana. C’erano di mezzo scappatelle e serate allegre, sue e della ex moglie, la vistosa ex modella Victoria Lockwood: roba che piaceva tanto alle cronache gossip. Charles aveva preferito cambiare aria andando in Sudafrica, ma nell’agosto del 1997, alla scomparsa improvvisa di sua sorella Diana, era stato costretto a tornare in patria. Prima era uscito dai cancelli della sua residenza per leggere un comunicato durissimo in cui accusava i paparazzi che perseguitavano Diana di essere corresponsabili della morte: “Ogni direttore che ha pagato per quelle foto ha le mani sporche di sangue”, aveva detto. Poi, il giorno del funerale di Lady Diana, nell’abbazia di Westminster dove il dolore del mondo intero aveva preso posto fra i banchi, il conte di Spencer aveva letto un’orazione funebre rinnovando le accuse alla stampa e all’intenzione di salvaguardare la memoria della sorella, “unica, complessa, straordinaria e insostituibile”. Qualche frecciata l’aveva lanciata anche all’indirizzo della famiglia reale, assicurando alla sorella che “Non lasceremo che i tuoi figli, William e Harry, subiscano la stessa sorte tua. Noi, la tua famiglia di sangue, faremo sì che le loro anime crescano nel dovere e nella tradizione, ma anche libere di cantare”.

Da lì in poi, almeno per Charles, la morte della sorellina è sembrata diventata più che altro un’attività. Diana fu sepolta ad Althorp, all’interno di un laghetto nella tenuta della famiglia Spencer, nel Northamptonshire, che dopo un anno di lavori di sistemazione è stata aperta al pubblico: oggi entrare costa 20 sterline, 18,50 se il biglietto è acquistato online.

Ma a 22 anni dalla morte di Diana, Charles il conte di Spencer è tornato agli onori delle cronache per un’iniziativa che ha fatto storcere il naso a molti. Il fratellino ha pensato di mettere nero su bianco l’elogio funebre pronunciato il 6 settembre 1997 sotto le volte di Westminster e metterlo in vendita per 30 sterline. Il volumetto, rilegato in modo elegante e con copertina in tessuto blu e nastro di chiusura, si intitola “Earl Spencer’s Tribute to Diana, Princess of Wales”, è venduto esclusivamente nello shop di Althorp, dove in giorni precisi il conte allestisce uno stand per il “firmacopie”. Per i visitatori che capitano in quei giorni una tentazione irresistibile, per lo più se firmata da Charles in persona, che pare si aggiri spesso fra la folla stringendo mani e prestandosi per gli immancabili selfie.

Classe 1964, Charles Edward Maurice Spencer, IX conte di Spencer e ultimo di cinque figli, ha studiato storia moderna a Oxford e lavorato come giornalista per “NBC News” e quotidiani come “Guardian”, “Indipendent”, “Daily Telegraph” e “Vanity Fair America”, scrivendo quattro libri, in parte dedicati alla storia della tenuta di Althorp e a quella della sua famiglia. Dopo il primo matrimonio con Victoria Lockwood, da cui ha divorziato nel 1997 dopo aver avuto quattro figli, nel 2001 Charles sposa caroline Freud, addetta alle pubbliche relazioni londinesi da cui ha altre due figlie, prima di divorziare nel 2007. Nel 2011 nuove nozze con la filantropa americana Karen Gordon, da cui ha avuto il settimo figlio.

Galleria fotografica
Charles Spencer, un affare chiamato Diana - immagine 1
Charles Spencer, un affare chiamato Diana - immagine 2
Charles Spencer, un affare chiamato Diana - immagine 3
Charles Spencer, un affare chiamato Diana - immagine 4
Esteri
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare