Charles Spencer, un affare chiamato Diana

| Oltre alle 20 sterline necessarie per entrare nella tenuta che ospita ciò che resta di Lady Diana, il fratello ha fatto stampare l’elogio funebre pronunciato a Westminster, che vende per 30, ma autografato

+ Miei preferiti
“Champagne Charlie”, così i tabloid inglesi avevano ribattezzato Charles Spencer, visconte di Althorp e fratello di Lady Diana. C’erano di mezzo scappatelle e serate allegre, sue e della ex moglie, la vistosa ex modella Victoria Lockwood: roba che piaceva tanto alle cronache gossip. Charles aveva preferito cambiare aria andando in Sudafrica, ma nell’agosto del 1997, alla scomparsa improvvisa di sua sorella Diana, era stato costretto a tornare in patria. Prima era uscito dai cancelli della sua residenza per leggere un comunicato durissimo in cui accusava i paparazzi che perseguitavano Diana di essere corresponsabili della morte: “Ogni direttore che ha pagato per quelle foto ha le mani sporche di sangue”, aveva detto. Poi, il giorno del funerale di Lady Diana, nell’abbazia di Westminster dove il dolore del mondo intero aveva preso posto fra i banchi, il conte di Spencer aveva letto un’orazione funebre rinnovando le accuse alla stampa e all’intenzione di salvaguardare la memoria della sorella, “unica, complessa, straordinaria e insostituibile”. Qualche frecciata l’aveva lanciata anche all’indirizzo della famiglia reale, assicurando alla sorella che “Non lasceremo che i tuoi figli, William e Harry, subiscano la stessa sorte tua. Noi, la tua famiglia di sangue, faremo sì che le loro anime crescano nel dovere e nella tradizione, ma anche libere di cantare”.

Da lì in poi, almeno per Charles, la morte della sorellina è sembrata diventata più che altro un’attività. Diana fu sepolta ad Althorp, all’interno di un laghetto nella tenuta della famiglia Spencer, nel Northamptonshire, che dopo un anno di lavori di sistemazione è stata aperta al pubblico: oggi entrare costa 20 sterline, 18,50 se il biglietto è acquistato online.

Ma a 22 anni dalla morte di Diana, Charles il conte di Spencer è tornato agli onori delle cronache per un’iniziativa che ha fatto storcere il naso a molti. Il fratellino ha pensato di mettere nero su bianco l’elogio funebre pronunciato il 6 settembre 1997 sotto le volte di Westminster e metterlo in vendita per 30 sterline. Il volumetto, rilegato in modo elegante e con copertina in tessuto blu e nastro di chiusura, si intitola “Earl Spencer’s Tribute to Diana, Princess of Wales”, è venduto esclusivamente nello shop di Althorp, dove in giorni precisi il conte allestisce uno stand per il “firmacopie”. Per i visitatori che capitano in quei giorni una tentazione irresistibile, per lo più se firmata da Charles in persona, che pare si aggiri spesso fra la folla stringendo mani e prestandosi per gli immancabili selfie.

Classe 1964, Charles Edward Maurice Spencer, IX conte di Spencer e ultimo di cinque figli, ha studiato storia moderna a Oxford e lavorato come giornalista per “NBC News” e quotidiani come “Guardian”, “Indipendent”, “Daily Telegraph” e “Vanity Fair America”, scrivendo quattro libri, in parte dedicati alla storia della tenuta di Althorp e a quella della sua famiglia. Dopo il primo matrimonio con Victoria Lockwood, da cui ha divorziato nel 1997 dopo aver avuto quattro figli, nel 2001 Charles sposa caroline Freud, addetta alle pubbliche relazioni londinesi da cui ha altre due figlie, prima di divorziare nel 2007. Nel 2011 nuove nozze con la filantropa americana Karen Gordon, da cui ha avuto il settimo figlio.

Galleria fotografica
Charles Spencer, un affare chiamato Diana - immagine 1
Charles Spencer, un affare chiamato Diana - immagine 2
Charles Spencer, un affare chiamato Diana - immagine 3
Charles Spencer, un affare chiamato Diana - immagine 4
Esteri
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
I 500grammi di esplosivo che hanno fatto saltare in aria l'auto di Daphne Caruana Galizia sarebbero stati preparati in Sicilia. È la rivelazione di un pentito, che conferma gli stretti legami fra la mafia maltese e quella siciliana