Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK

| Le nuove norme dettate dall’impaziente Boris Johnson, ormai certo di ottenere la maggioranza alle prossime elezioni che gli permetterà di concludere l’uscita dalla UE

+ Miei preferiti
BoJo canta già vittoria: spinto da sondaggi che danno saldamente in testa i conservatori, ha iniziato a disseminare di paletti l’indomani della tornata elettorale del 12 dicembre. In una conferenza stampa, ha annunciato nuove norme che riguardano gli odiati europei, che potranno dire addio ai viaggi last-minute verso Londra o i soggiorni in cerca di lavoro per sperare di cambiare vita. Per loro, dal 1 gennaio del 2021 la regola sarà un modulo preventivo da inviare almeno tre giorni prima del viaggio, tipo l’Esta americano, che allo stesso modo autorizza ma non garantisce in automatico l’ingresso nel Regno Unito. Non basterà più ovviamente la carta d’identità, ma servirà il passaporto in corso di validità, e la permanenza sull’isola non potrà in alcun modo superare i tre mesi. Nessuna speranza per gli europei con la fedina penale sporca, rispediti al mittente.

Si parla, è bene ribadirlo, di norme che accadano a patto di vittoria alle prossime elezioni dei Tory, e di attuazione della Brexit con inizio di un periodo di transizione per negoziare con la UE i futuri rapporti. Se invece Johnson non riuscisse a conquistare la maggioranza, la situazione precipiterebbe nuovamente nel caos infinito che l’ha caratterizzata finora.

Articoli correlati
Esteri
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
Il premier si rifiuta di chiedere le dimissioni del suo fidato consigliere, che durante il lockdown ha impunemente attraversato l’Inghilterra con la famiglia
GB: il ritorno dei «covidiot»
GB: il ritorno dei «covidiot»
Migliaia di persone, attirato da caldo e bel tempo, hanno letteralmente invaso le spiagge di diverse località di villeggiatura. Durante la notte, tende e camper sono spuntate ovunque
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, i quattro paesi che compongono il Regno Unito, hanno un approccio opposto alla crisi del coronavirus. Una divisione che dopo la Brexit mette sempre più in discussione il futuro del Paese
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Intere comunità si sono sentite abbandonate e minacciate da una crisi economica che si annuncia devastante. L’Eliseo teme il ritorno di disordini sociali
Il ritorno di BoJo
Il ritorno di BoJo
Dopo aver combattuto in prima persona contro il coronavirus, il premier torna ai posti di comando mettendo in guardia il Paese: “Non è il momento di allentare le misure di contenimento”
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
È vietato acquistare vernici e pennelli per ridipingere casa, ma non fare scorta di birra e vino, oltre ad una passeggiata rilassante dopo un litigio. Le stranezze della Gran Bretagna
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Un jet privato e tre elicotteri atterrano a Marsiglia: a bordo un gruppo di persone invitate per una vacanza pasquale da un ricco croato. Tutti rispediti al mittente dalle autorità francesi
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
Sommersi da critiche, minacce, insulti e accuse di razzismo piovute da tutto il mondo, due stimati medici francesi sono costretti a fare marcia indietro sulla proposta di testare i vaccini dove la popolazione è più debole
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Un uomo di un villaggio della Russia occidentale infastidito dal chiasso dei vicini, ha iniziato un litigio che è sfociato in tragedia
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
Accusato da un uomo che afferma di essere stato violentato insieme ad un compagno di coro, morto suicida, l’alto prelato scagionato al terzo grado di giustizia. La sentenza non è appellabile