Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK

| Le nuove norme dettate dall’impaziente Boris Johnson, ormai certo di ottenere la maggioranza alle prossime elezioni che gli permetterà di concludere l’uscita dalla UE

+ Miei preferiti
BoJo canta già vittoria: spinto da sondaggi che danno saldamente in testa i conservatori, ha iniziato a disseminare di paletti l’indomani della tornata elettorale del 12 dicembre. In una conferenza stampa, ha annunciato nuove norme che riguardano gli odiati europei, che potranno dire addio ai viaggi last-minute verso Londra o i soggiorni in cerca di lavoro per sperare di cambiare vita. Per loro, dal 1 gennaio del 2021 la regola sarà un modulo preventivo da inviare almeno tre giorni prima del viaggio, tipo l’Esta americano, che allo stesso modo autorizza ma non garantisce in automatico l’ingresso nel Regno Unito. Non basterà più ovviamente la carta d’identità, ma servirà il passaporto in corso di validità, e la permanenza sull’isola non potrà in alcun modo superare i tre mesi. Nessuna speranza per gli europei con la fedina penale sporca, rispediti al mittente.

Si parla, è bene ribadirlo, di norme che accadano a patto di vittoria alle prossime elezioni dei Tory, e di attuazione della Brexit con inizio di un periodo di transizione per negoziare con la UE i futuri rapporti. Se invece Johnson non riuscisse a conquistare la maggioranza, la situazione precipiterebbe nuovamente nel caos infinito che l’ha caratterizzata finora.

Articoli correlati
Esteri
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti