Condannata la paladina francese di #MeToo

| Secondo i giudici parigini, l’imprenditore Eric Brion non avrebbe molestato sessualmente la giornalista Sandra Muller, ma soltanto tentato un approccio sbagliato e un po’ sguaiato

+ Miei preferiti
Un brutto colpo, quello incassato da Sandra Muller, giornalista francese considerata una delle più accese paladine del movimento #MeToo d’oltralpe. Il tribunale di Parigi, secondo quanto riporta il “Daily Telegraph”, ha rigettato le accuse della Muller, che aveva presentato querela nei confronti di Eric Brion, un imprenditore televisivo che – secondo la sua tesi - durante il festival del cinema di Cannes del 2012 l’aveva umiliata con commenti sessuali espliciti riferiti al seno abbondante.

Ne era nata una lunga battaglia legale, iniziata con una campagna denigratoria pubblica accompagnata dall’hashtag #BalanceTonPorc (denuncia il tuo porco) in cui Eric Brion era stato più volte definito “Il Weinstein francese”. Ma secondo il tribunale parigino, la Muller avrebbe mal interpretato le parole dell’imprenditore, che aveva semplicemente esercitato l’innocuo “diritto al flirt”, finendo per minarne la reputazione “con gravi danni all’immagine”, come affermato dagli avvocati dell’imprenditore. Brion, nel corso del processo, aveva ammesso qualche frase pesante: “Mi piaceva, forse gliel’ho detto in modo un po’ pesante, ma è successo una sola volta”.

In pratica, Sandra Muller si è vista ribaltare completamente il ruolo, passando da accusatrice ad accusata di diffamazione, con relativa condanna a 15mila euro di risarcimento per danni morali e altri 5mila per spese legali. A questo si aggiunge l’obbligo di eliminare dai profili social ogni commento, accusa e giudizio espressi nei confronti di Brion, pubblicando per intero il dispositivo della sentenza.

La Muller ha definito “incomprensibile” la sentenza, che “tenta di imbavagliare le donne e rischia di demotivare chi ha denuncia le violenze subite, ma creando anche enormi difficoltà a chi vorrebbe raccontare quel che ha vissuto”.

Esteri
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Alessandro Donati, milanese, ha ammesso davanti alla corte di Londra di aver svaligiato le residenze di celebrità come la figlia dell’ex patron della F1, di Frank Lampard e di un miliardario thailandese
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri