Condannata la paladina francese di #MeToo

| Secondo i giudici parigini, l’imprenditore Eric Brion non avrebbe molestato sessualmente la giornalista Sandra Muller, ma soltanto tentato un approccio sbagliato e un po’ sguaiato

+ Miei preferiti
Un brutto colpo, quello incassato da Sandra Muller, giornalista francese considerata una delle più accese paladine del movimento #MeToo d’oltralpe. Il tribunale di Parigi, secondo quanto riporta il “Daily Telegraph”, ha rigettato le accuse della Muller, che aveva presentato querela nei confronti di Eric Brion, un imprenditore televisivo che – secondo la sua tesi - durante il festival del cinema di Cannes del 2012 l’aveva umiliata con commenti sessuali espliciti riferiti al seno abbondante.

Ne era nata una lunga battaglia legale, iniziata con una campagna denigratoria pubblica accompagnata dall’hashtag #BalanceTonPorc (denuncia il tuo porco) in cui Eric Brion era stato più volte definito “Il Weinstein francese”. Ma secondo il tribunale parigino, la Muller avrebbe mal interpretato le parole dell’imprenditore, che aveva semplicemente esercitato l’innocuo “diritto al flirt”, finendo per minarne la reputazione “con gravi danni all’immagine”, come affermato dagli avvocati dell’imprenditore. Brion, nel corso del processo, aveva ammesso qualche frase pesante: “Mi piaceva, forse gliel’ho detto in modo un po’ pesante, ma è successo una sola volta”.

In pratica, Sandra Muller si è vista ribaltare completamente il ruolo, passando da accusatrice ad accusata di diffamazione, con relativa condanna a 15mila euro di risarcimento per danni morali e altri 5mila per spese legali. A questo si aggiunge l’obbligo di eliminare dai profili social ogni commento, accusa e giudizio espressi nei confronti di Brion, pubblicando per intero il dispositivo della sentenza.

La Muller ha definito “incomprensibile” la sentenza, che “tenta di imbavagliare le donne e rischia di demotivare chi ha denuncia le violenze subite, ma creando anche enormi difficoltà a chi vorrebbe raccontare quel che ha vissuto”.

Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente