Condannata la paladina francese di #MeToo

| Secondo i giudici parigini, l’imprenditore Eric Brion non avrebbe molestato sessualmente la giornalista Sandra Muller, ma soltanto tentato un approccio sbagliato e un po’ sguaiato

+ Miei preferiti
Un brutto colpo, quello incassato da Sandra Muller, giornalista francese considerata una delle più accese paladine del movimento #MeToo d’oltralpe. Il tribunale di Parigi, secondo quanto riporta il “Daily Telegraph”, ha rigettato le accuse della Muller, che aveva presentato querela nei confronti di Eric Brion, un imprenditore televisivo che – secondo la sua tesi - durante il festival del cinema di Cannes del 2012 l’aveva umiliata con commenti sessuali espliciti riferiti al seno abbondante.

Ne era nata una lunga battaglia legale, iniziata con una campagna denigratoria pubblica accompagnata dall’hashtag #BalanceTonPorc (denuncia il tuo porco) in cui Eric Brion era stato più volte definito “Il Weinstein francese”. Ma secondo il tribunale parigino, la Muller avrebbe mal interpretato le parole dell’imprenditore, che aveva semplicemente esercitato l’innocuo “diritto al flirt”, finendo per minarne la reputazione “con gravi danni all’immagine”, come affermato dagli avvocati dell’imprenditore. Brion, nel corso del processo, aveva ammesso qualche frase pesante: “Mi piaceva, forse gliel’ho detto in modo un po’ pesante, ma è successo una sola volta”.

In pratica, Sandra Muller si è vista ribaltare completamente il ruolo, passando da accusatrice ad accusata di diffamazione, con relativa condanna a 15mila euro di risarcimento per danni morali e altri 5mila per spese legali. A questo si aggiunge l’obbligo di eliminare dai profili social ogni commento, accusa e giudizio espressi nei confronti di Brion, pubblicando per intero il dispositivo della sentenza.

La Muller ha definito “incomprensibile” la sentenza, che “tenta di imbavagliare le donne e rischia di demotivare chi ha denuncia le violenze subite, ma creando anche enormi difficoltà a chi vorrebbe raccontare quel che ha vissuto”.

Esteri
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare