Condannati per omicidio a 14 anni

| Boy A e Boy B, nel maggio dello scorso anno rapirono, violentarono e uccisero Ana, una loro coetanea. Un delitto di violenza inaudita che ha scosso l’opinione pubblica irlandese

+ Miei preferiti
Colpevoli di omicidio: il tribunale penale di Dublino ha chiuso settimane di udienze, seguitissime dai media e dall’opinione pubblica irlandese. La condanna è stata inflitta a due 14enni, che entro il 15 luglio sapranno quanti anni dovranno restare in carcere. Indicati dalla corte come “Boy A” e “Boy B” per via della giovane età, i due sono stati giudicati colpevoli dell’omicidio di Ana Kriégel, una loro amica e coetanea: una morte che i periti hanno descritto come terribile: nel maggio dello scorso anno, Ana fu rapita, picchiata, torturata e violentata prima di essere uccisa. Il corpo seminudo fu ritrovato tre giorni dopo alla Glenwood House, un casolare abbandonato di Lucan, alla periferia di Dublino: aveva una corda intorno al collo.

Le indagini hanno permesso agli inquirenti di ricostruire la dinamica dell’omicidio, con scene degne di un film dell’orrore: Ana fu prima vittima di Boy A che dopo averla picchiata procurandole ferite alla testa e al collo, finì per violentarla con estrema violenza. Boy B è accusato di aver attirato Ana sul luogo dell’agguato, consapevole di ciò che le sarebbe accaduto, e successivamente di aver tentato di coprire il compagno. Erano stati i genitori a lanciare l’allarme non vedendo rientrare Ana: hanno raccontato di essere preoccupati anche prima, quando la loro figlia aveva insistito per uscire con ragazzi che non conoscevano e che non facevano parte della sua piccola cerchia di amicizie. Circa 45 minuti dopo, i genitori erano già sulle tracce di Ana, ma troppo tardi: era già morta.

Un medico patologo forense ha identificato oltre 50 lesioni sul corpo della studentessa, individuando in un violento colpo fra testa e collo la causa della morte.

Schiaccianti le prove trovate dalla polizia: in casa di Boy A uno zaino contenente quello che è stato definito il “kit dell’omicidio”, con una maschera da zombie, guanti, parastinchi e ginocchiere. A smentire le parole dei due il sangue di Ana trovato sugli stivali e macchie di sperma sugli abiti della ragazzina che contenevano il DNA di Boy A.

Tornato a casa, il giovane aveva giustificato le ferite e il sangue dichiarando ai genitori di essere stato aggredito da due sconosciuti in un giardino pubblico.

Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente