Condannati per omicidio a 14 anni

| Boy A e Boy B, nel maggio dello scorso anno rapirono, violentarono e uccisero Ana, una loro coetanea. Un delitto di violenza inaudita che ha scosso l’opinione pubblica irlandese

+ Miei preferiti
Colpevoli di omicidio: il tribunale penale di Dublino ha chiuso settimane di udienze, seguitissime dai media e dall’opinione pubblica irlandese. La condanna è stata inflitta a due 14enni, che entro il 15 luglio sapranno quanti anni dovranno restare in carcere. Indicati dalla corte come “Boy A” e “Boy B” per via della giovane età, i due sono stati giudicati colpevoli dell’omicidio di Ana Kriégel, una loro amica e coetanea: una morte che i periti hanno descritto come terribile: nel maggio dello scorso anno, Ana fu rapita, picchiata, torturata e violentata prima di essere uccisa. Il corpo seminudo fu ritrovato tre giorni dopo alla Glenwood House, un casolare abbandonato di Lucan, alla periferia di Dublino: aveva una corda intorno al collo.

Le indagini hanno permesso agli inquirenti di ricostruire la dinamica dell’omicidio, con scene degne di un film dell’orrore: Ana fu prima vittima di Boy A che dopo averla picchiata procurandole ferite alla testa e al collo, finì per violentarla con estrema violenza. Boy B è accusato di aver attirato Ana sul luogo dell’agguato, consapevole di ciò che le sarebbe accaduto, e successivamente di aver tentato di coprire il compagno. Erano stati i genitori a lanciare l’allarme non vedendo rientrare Ana: hanno raccontato di essere preoccupati anche prima, quando la loro figlia aveva insistito per uscire con ragazzi che non conoscevano e che non facevano parte della sua piccola cerchia di amicizie. Circa 45 minuti dopo, i genitori erano già sulle tracce di Ana, ma troppo tardi: era già morta.

Un medico patologo forense ha identificato oltre 50 lesioni sul corpo della studentessa, individuando in un violento colpo fra testa e collo la causa della morte.

Schiaccianti le prove trovate dalla polizia: in casa di Boy A uno zaino contenente quello che è stato definito il “kit dell’omicidio”, con una maschera da zombie, guanti, parastinchi e ginocchiere. A smentire le parole dei due il sangue di Ana trovato sugli stivali e macchie di sperma sugli abiti della ragazzina che contenevano il DNA di Boy A.

Tornato a casa, il giovane aveva giustificato le ferite e il sangue dichiarando ai genitori di essere stato aggredito da due sconosciuti in un giardino pubblico.

Esteri
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Prende un giorno di ferie per la morte del cane, la licenziano
Quella di Emma, una 18enne anglosassone, è diventata una battaglia di principio per cambiare le norme che regolano i lutti familiari: devono essere inclusi anche gli animali
Berlino, arrivano i sexbox
Berlino, arrivano i sexbox
In una parte del Tempelhof, l’immensa area dove sorgeva l’ex aeroporto cittadino, la capitale tedesca sta discutendo se attrezzare delle cabine per le prostitute e i loro clienti
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I servizi segreti francesi avrebbero raggiunto un accordo segreto con gli iracheni: 2 milioni di dollari per ogni jihadista transalpino eliminato
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Il padre ha deciso di non sottoporre le due gemelline siamesi che dividono parecchi organi ad un rischioso intervento di separazione. Quando sarà ora, se ne andranno così come sono nate
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
In Libano, una campagna per mettere a tacere un gruppo indie rock ha galvanizzato l’estrema destra cristiana del Paese. Un loro concerto è stato cancellato per le minacce “di una strage” giunte agli organizzatori
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
È un’ipotesi lanciata da tanti, convinti che la promessa di una Brexit dura possa avere conseguenze impensabili sugli abitanti del Regno Unito, sempre meno uniti
UK, condannato un sacerdote pedofilo
UK, condannato un sacerdote pedofilo
Si è chiuso con una condanna a 18 anni il terzo processo contro Michael Higginbottom, ex sacerdote di un prestigioso seminario inglese dove avrebbe abusato di due ragazzi
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Un trasportatore pregiudicato si è tranquillamente avvicinato a George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate, scambiando qualche parola con il più grande. Una bufera che sta rimettendo in discussione tutto l’apparato di sicurezza
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
L’incredibile vicenda giudiziaria di un ex infermiere che ha accusato decine di personaggi di spicco del Regno Unito di far parte di una rete di pedofili. Per poi scoprire che l’unico pedofilo era lui