Condannati per omicidio a 14 anni

| Boy A e Boy B, nel maggio dello scorso anno rapirono, violentarono e uccisero Ana, una loro coetanea. Un delitto di violenza inaudita che ha scosso l’opinione pubblica irlandese

+ Miei preferiti
Colpevoli di omicidio: il tribunale penale di Dublino ha chiuso settimane di udienze, seguitissime dai media e dall’opinione pubblica irlandese. La condanna è stata inflitta a due 14enni, che entro il 15 luglio sapranno quanti anni dovranno restare in carcere. Indicati dalla corte come “Boy A” e “Boy B” per via della giovane età, i due sono stati giudicati colpevoli dell’omicidio di Ana Kriégel, una loro amica e coetanea: una morte che i periti hanno descritto come terribile: nel maggio dello scorso anno, Ana fu rapita, picchiata, torturata e violentata prima di essere uccisa. Il corpo seminudo fu ritrovato tre giorni dopo alla Glenwood House, un casolare abbandonato di Lucan, alla periferia di Dublino: aveva una corda intorno al collo.

Le indagini hanno permesso agli inquirenti di ricostruire la dinamica dell’omicidio, con scene degne di un film dell’orrore: Ana fu prima vittima di Boy A che dopo averla picchiata procurandole ferite alla testa e al collo, finì per violentarla con estrema violenza. Boy B è accusato di aver attirato Ana sul luogo dell’agguato, consapevole di ciò che le sarebbe accaduto, e successivamente di aver tentato di coprire il compagno. Erano stati i genitori a lanciare l’allarme non vedendo rientrare Ana: hanno raccontato di essere preoccupati anche prima, quando la loro figlia aveva insistito per uscire con ragazzi che non conoscevano e che non facevano parte della sua piccola cerchia di amicizie. Circa 45 minuti dopo, i genitori erano già sulle tracce di Ana, ma troppo tardi: era già morta.

Un medico patologo forense ha identificato oltre 50 lesioni sul corpo della studentessa, individuando in un violento colpo fra testa e collo la causa della morte.

Schiaccianti le prove trovate dalla polizia: in casa di Boy A uno zaino contenente quello che è stato definito il “kit dell’omicidio”, con una maschera da zombie, guanti, parastinchi e ginocchiere. A smentire le parole dei due il sangue di Ana trovato sugli stivali e macchie di sperma sugli abiti della ragazzina che contenevano il DNA di Boy A.

Tornato a casa, il giovane aveva giustificato le ferite e il sangue dichiarando ai genitori di essere stato aggredito da due sconosciuti in un giardino pubblico.

Esteri
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
«Non restituite gli ex terroristi all’Italia»
Un appello degli intellettuali francesi, pubblicato su Le Monde, ribadisce la visione democratica e soprattutto umana la Dottrina Mitterand. Nei giorni scorsi, la ministra Cartabia aveva avuto colloqui con l'omologo francese
A Liverpool un esperimento di musica live
A Liverpool un esperimento di musica live
A godersi il concerto dei “Blossoms” sul palco dello Sefton Park saranno 5.000 persone senza mascherina e distanziamento. Si tratta di un progetto voluto dal ministero della salute per verificare eventuali casi di trasmissione
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
È il colpo di scena di una vicenda più intricata di quel che sembra. I tre rapitori, arrestati dalla polizia, hanno confessato che il mandante del sequestro era la madre, una donna con gravi problemi comportamentali
L’ultimo addio a Filippo
L’ultimo addio a Filippo
Il principe di Edimburgo aveva previsto tuttoo: dall’auto che accompagna il feretro alle musiche che risuoneranno nella Cappella di San Giorgio, a Windsor. Presente di persona solo famiglia reale, ma con diretta televisiva in tutto il mondo
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Alessandro Donati, milanese, ha ammesso davanti alla corte di Londra di aver svaligiato le residenze di celebrità come la figlia dell’ex patron della F1, di Frank Lampard e di un miliardario thailandese
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro