Condannato il ladro di Buckingham Palace

| Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay

+ Miei preferiti
Malgrado il nome, Adamo Canto non è italiano, se non forse di lontane origini: 37 anni, nato e cresciuto a Scarborough, nello Yorkshire, ha lavorato come maggiordomo a Buckingham Palace fra il 2015 ed il 2019. Cinque anni che gli sono bastati per rubacchiare qua e là quello che a corte gli capitava a tiro, fino a raggiungere un bottino dalla rispettabile cifra di 100mila sterline, 110mila euro al cambio attuale. Oggetti che Adamo prelevava dalle stanze della Royal family e che poi, ingenuamente, metteva in vendita su eBay, ricavandone pare poco meno di 8000 sterline.

Nel tempo, e all’inizio inspiegabilmente, erano spariti un cellulare del principe Andrea personalizzato dalla “Samsung”, un album fotografico che documentava la visita del presidente Trump a Buckingham Palace, alcune foto autografate di Kate e William e medaglie commemorative, orologi, penne, pigiami e oggetti di valore più o meno consistente. Parte della refurtiva globale, formata da almeno 77 pezzi, secondo la ricostruzione, è stata rinvenuta dagli agenti di Scotland Yard nel corso di una perquisizione dell’appartamento e nella stanza a sua disposizione nei “ Royal News”, Canto era stato denunciato ed è finito in veste di imputato in un processo che si è concluso nelle scorso ore in cui ha rimediato otto mesi di galera. Era stato assunto nel 2015 fra il personale di Buckingham Palace, passando prima dalle cucine ai servizi di catering poi. Nel novembre del 2019, dopo la misteriosa e continua sparizione di oggettistica reale, e le indagini della polizia che avevano individuato il suo “mercatino reale” in rete, era arrivato il licenziamento.

Adamo Canto, che si è dichiarato colpevole, ha tentato di giustificarsi parlando di problemi economici e debiti che lo affliggevano da tempo. Per il suo avvocato è “un ingenuo”, per il giudice un “piccolo e maldestro ladruncolo”.

Esteri
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare
L’anno difficile di Elisabetta
L’anno difficile di Elisabetta
Una donna sola al comando: più volte nel corso del 2020, la regina ha affrontato questioni pubbliche e scossoni privati. Mai in affanno o sopra le righe, continua a guidare il Paese durante la Brexit e la pandemia come solo lei sa fare
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
Da tre giorni fermi con i loro tir, hanno tentato di forzare un blocco della polizia inglese. La Francia ha annunciato la riapertura delle frontiere, ma l’obbligo di test e tamponi allunga i tempi