Coppia gay aggredita a Londra

| Melania e Chris stavano tornando a casa su un autobus a due piani quando sono state vittime di un violento pestaggio da parte di un gang composta da quattro uomini

+ Miei preferiti
È una foto che sta facendo il giro del mondo, quella che ritrae Melania e Chris coperte di sangue. A pubblicarla sul suo profilo Facebook è stata Melania Geymonat, 28 anni, hostess della “Ryaniar” originaria dell’Uruguay, che in un post scritto in inglese e spagnolo ha raccontato la brutta avventura vissuta insieme alla sua fidanzata di origine americana su un autobus di Londra.

Il fatto risale alla sera del 30 maggio scorso, ma è stato rivelato soltanto in queste ore dal “Daily Mail”, a cui la giovane ha raccontato nel dettaglio l’episodio di omofobia di cui sono state vittime. Dopo una serata trascorsa nella zona di Camden, a Londra, le due ragazze avevano deciso di tornare a casa: salgono su un “double deck”, i tipici bus a due piani e per desiderio di Chris cercano posto al piano superiore, per gustare dall’alto la vista sugli animati corsi londinesi. “Quella sera Chris non stava bene: le ho dato un piccolo bacio per tranquillizzarla”, ma il gesto non è sfuggito a quattro uomini di età compresa fra i 20 ed i 30 anni. “Siamo state avvicinate da quattro uomini che hanno cominciato a fare commenti omofobici indecenti. Pretendevano che ci baciassimo davanti a loro, spingendosi anche a suggerirci posizioni sessuali. Ho tentato di rispondere con ironia per spezzare la tensione, ma non mollavano: ci tiravano monetine chiamandoci lesbiche”. Dalle parole, il gruppo è passato ai fatti: “Di colpo ho visto Chris in mezzo a loro: la stavano picchiando selvaggiamente. Sono intervenuta per difenderla ma mi hanno riservato lo stesso trattamento: sentivo il sangue scendermi lungo il corpo, poi ho perso i sensi”. Temendo il peggio, il gruppo è sceso dall’autobus e ha fatto perdere le proprie tracce mentre Chris chiedeva aiuto all’autista: l’autobus si è bloccato in attesa dell’arrivo della polizia. “Non so ancora se il mio naso è rotto, e non mi è stato più possibile a tornare al lavoro, ma quello che mi sconvolge di più è che la violenza stia diventando qualcosa di così normale che è necessario mostrare il sangue e le ferite per sentire una reazione di sdegno”.

Secondo quanto si legge nella dichiarazione fornita dalle due donne alla polizia, “Durante l’aggressione sono state anche derubate dei cellulari e delle borse”. Entrambe sono state portate in ospedale per curare le ferite al volto e diverse contusioni su tutto il corpo.

Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha condannato l’aggressione con un post su Twitter, bollando l’episodio come “attacco disgustoso e misogino. I crimini d’odio contro la comunità LGBT+ non saranno tollerati a Londra”.

La polizia ha lanciato un appello a eventuali testimoni: chi ha visto e sa, dimostri la propria solidarietà a due ragazze.

Galleria fotografica
Coppia gay aggredita a Londra - immagine 1
Esteri
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Le spese della Royal Family sotto la lente dei sudditi
Andrea ha immolato una montagna di denaro partecipare ad un torneo di golf. E il viaggio in Africa di Harry e Meghan ha stabilito il record assoluto di spesa, mentre all’orizzonte spunta una strana voglia di politica della Markle
GB, torna la corsa alla carta igienica
GB, torna la corsa alla carta igienica
Il timore di un nuovo lockdown ha riproposto le stesse scene dello scorso marzo: code infinite davanti ai supermercati e scaffali vuoti. L’invito delle autorità alla calma non frena l’accaparramento
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi