David Cameron: chiedo scusa per la Brexit

| In un’intervista al Times, l’ex premier che ha indetto il famigerato referendum si dichiara pentito: non poteva immaginare che il suo paese si sarebbe pericolosamente diviso come invece è successo

+ Miei preferiti
L’immenso pasticcio della Brexit ha una data cardine: il 23 gennaio 2013. Quel giorno, il premier David Cameron mostra i muscoli a Bruxelles in preparazione di una rinegoziazione dei trattati, dichiarando “la perdita di fiducia della gente nelle istituzioni europee”. Annuncia anche l’intenzione di indire un referendum per chiedere al popolo britannico se intende restare o meno nella UE. Non lo dice, ma è una sorta di bluff, per alzare la posta.

Come sia andata è storia recente: il 23 giugno di tre anni dopo, il 51,9% dei votanti si dichiara favorevole all’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, contro il 48,1% di coloro che invece volevano restare. Un risultato a sorpresa, che lascia frastornato e senza parole lo stesso Cameron, che poche ore dopo rassegna le proprie dimissioni.

È l’inizio di una via crucis infinita, finora costata la testa a Theresa May e con buone probabilità che succeda lo stesso con quella di Boris Johnson, il suo testardo successore. Di fatto, la data ultima per l’addio del Regno Unito è il 31 ottobre, e i timori che arrivi accompagnata dal temuto e potenzialmente disastroso “no deal” sono tantissimi.

Il 13 settembre del 2016, David Cameron ha rinunciato al mandato parlamentare, ma lasciare la politica non gli ha evitato incubi ricorrenti. Ne ha parlato in un’intervista concessa al “Times” dal titolo inquietante: “I’m sorry. I failed”. Chiedo scusa, ho fallito. L’ex premier, ricomparso per presentare “For the Record”, la sua autobiografia, sente di dovere delle scuse al suo paese per le divisioni che lo dilaniano da quando è comparsa l’idea del referendum: “Alle conseguenze di quel voto penso ogni singolo giorno, e sono seriamente preoccupato per quello che potrà accadere in futuro”.



Di quei giorni ricorda soprattutto il tradimento di Boris Johnson e Michael Gove, quelli che riteneva degli amici e invece pronti a fare a pezzi il loro stesso partito per cavalcare il referendum “lasciando a casa la verità”. Una campagna referendaria basata su enormi bugie legate all’immigrazione e il terrorismo, e sulle paure, come il possibile ingresso della Turchia nella UE. Delusioni cocenti per Cameron, che ebbero pesanti ripercussioni anche sui rapporti d’amicizia personali. Cavallerescamente, l’ex premier augura comunque il successo a Johnson, di cui non ha apprezzato la sospensione del Parlamento e l’espulsione dei 21 dissidenti.

Galleria fotografica
David Cameron: chiedo scusa per la Brexit - immagine 1
Esteri
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Londra, polemiche per la tassa sugli abbracci
Sarà introdotta prima a Gatwick e poco a Heathrow una tariffa di 5 sterline per 10 minuti di sosta veloce. La tassa prende il posto del “Kiss and Fly” gratuito, e fioccano le polemiche
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
GB: la principessa Latifa chiede di riaprire il caso della sorella
Quasi vent’anni prima della sua fuga, la principessa Shamsa aveva tentato la stessa cosa: fu rapita a Cambridge e riportata a Dubai. Ha vissuto anni in galera ed è ormai ridotta ad “uno zombie”
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile