David Cameron: chiedo scusa per la Brexit

| In un’intervista al Times, l’ex premier che ha indetto il famigerato referendum si dichiara pentito: non poteva immaginare che il suo paese si sarebbe pericolosamente diviso come invece è successo

+ Miei preferiti
L’immenso pasticcio della Brexit ha una data cardine: il 23 gennaio 2013. Quel giorno, il premier David Cameron mostra i muscoli a Bruxelles in preparazione di una rinegoziazione dei trattati, dichiarando “la perdita di fiducia della gente nelle istituzioni europee”. Annuncia anche l’intenzione di indire un referendum per chiedere al popolo britannico se intende restare o meno nella UE. Non lo dice, ma è una sorta di bluff, per alzare la posta.

Come sia andata è storia recente: il 23 giugno di tre anni dopo, il 51,9% dei votanti si dichiara favorevole all’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, contro il 48,1% di coloro che invece volevano restare. Un risultato a sorpresa, che lascia frastornato e senza parole lo stesso Cameron, che poche ore dopo rassegna le proprie dimissioni.

È l’inizio di una via crucis infinita, finora costata la testa a Theresa May e con buone probabilità che succeda lo stesso con quella di Boris Johnson, il suo testardo successore. Di fatto, la data ultima per l’addio del Regno Unito è il 31 ottobre, e i timori che arrivi accompagnata dal temuto e potenzialmente disastroso “no deal” sono tantissimi.

Il 13 settembre del 2016, David Cameron ha rinunciato al mandato parlamentare, ma lasciare la politica non gli ha evitato incubi ricorrenti. Ne ha parlato in un’intervista concessa al “Times” dal titolo inquietante: “I’m sorry. I failed”. Chiedo scusa, ho fallito. L’ex premier, ricomparso per presentare “For the Record”, la sua autobiografia, sente di dovere delle scuse al suo paese per le divisioni che lo dilaniano da quando è comparsa l’idea del referendum: “Alle conseguenze di quel voto penso ogni singolo giorno, e sono seriamente preoccupato per quello che potrà accadere in futuro”.



Di quei giorni ricorda soprattutto il tradimento di Boris Johnson e Michael Gove, quelli che riteneva degli amici e invece pronti a fare a pezzi il loro stesso partito per cavalcare il referendum “lasciando a casa la verità”. Una campagna referendaria basata su enormi bugie legate all’immigrazione e il terrorismo, e sulle paure, come il possibile ingresso della Turchia nella UE. Delusioni cocenti per Cameron, che ebbero pesanti ripercussioni anche sui rapporti d’amicizia personali. Cavallerescamente, l’ex premier augura comunque il successo a Johnson, di cui non ha apprezzato la sospensione del Parlamento e l’espulsione dei 21 dissidenti.

Galleria fotografica
David Cameron: chiedo scusa per la Brexit - immagine 1
Esteri
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
Più che le faccende di cuore del presidente, a finire nel mirino della testata d’opposizione “Proekt” è il misterioso flusso costante di capitali e proprietà
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti
Putin pronto a lasciare
Putin pronto a lasciare
Un tabloid inglese rivela che il presidente russo sarebbe affetto da Parkinson: il Cremlino smentisce, ma tutto lascia pensare ad un passaggio di consegne imminente