David Cameron: chiedo scusa per la Brexit

| In un’intervista al Times, l’ex premier che ha indetto il famigerato referendum si dichiara pentito: non poteva immaginare che il suo paese si sarebbe pericolosamente diviso come invece è successo

+ Miei preferiti
L’immenso pasticcio della Brexit ha una data cardine: il 23 gennaio 2013. Quel giorno, il premier David Cameron mostra i muscoli a Bruxelles in preparazione di una rinegoziazione dei trattati, dichiarando “la perdita di fiducia della gente nelle istituzioni europee”. Annuncia anche l’intenzione di indire un referendum per chiedere al popolo britannico se intende restare o meno nella UE. Non lo dice, ma è una sorta di bluff, per alzare la posta.

Come sia andata è storia recente: il 23 giugno di tre anni dopo, il 51,9% dei votanti si dichiara favorevole all’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, contro il 48,1% di coloro che invece volevano restare. Un risultato a sorpresa, che lascia frastornato e senza parole lo stesso Cameron, che poche ore dopo rassegna le proprie dimissioni.

È l’inizio di una via crucis infinita, finora costata la testa a Theresa May e con buone probabilità che succeda lo stesso con quella di Boris Johnson, il suo testardo successore. Di fatto, la data ultima per l’addio del Regno Unito è il 31 ottobre, e i timori che arrivi accompagnata dal temuto e potenzialmente disastroso “no deal” sono tantissimi.

Il 13 settembre del 2016, David Cameron ha rinunciato al mandato parlamentare, ma lasciare la politica non gli ha evitato incubi ricorrenti. Ne ha parlato in un’intervista concessa al “Times” dal titolo inquietante: “I’m sorry. I failed”. Chiedo scusa, ho fallito. L’ex premier, ricomparso per presentare “For the Record”, la sua autobiografia, sente di dovere delle scuse al suo paese per le divisioni che lo dilaniano da quando è comparsa l’idea del referendum: “Alle conseguenze di quel voto penso ogni singolo giorno, e sono seriamente preoccupato per quello che potrà accadere in futuro”.



Di quei giorni ricorda soprattutto il tradimento di Boris Johnson e Michael Gove, quelli che riteneva degli amici e invece pronti a fare a pezzi il loro stesso partito per cavalcare il referendum “lasciando a casa la verità”. Una campagna referendaria basata su enormi bugie legate all’immigrazione e il terrorismo, e sulle paure, come il possibile ingresso della Turchia nella UE. Delusioni cocenti per Cameron, che ebbero pesanti ripercussioni anche sui rapporti d’amicizia personali. Cavallerescamente, l’ex premier augura comunque il successo a Johnson, di cui non ha apprezzato la sospensione del Parlamento e l’espulsione dei 21 dissidenti.

Galleria fotografica
David Cameron: chiedo scusa per la Brexit - immagine 1
Esteri
GB, torna la corsa alla carta igienica
GB, torna la corsa alla carta igienica
Il timore di un nuovo lockdown ha riproposto le stesse scene dello scorso marzo: code infinite davanti ai supermercati e scaffali vuoti. L’invito delle autorità alla calma non frena l’accaparramento
Gli enormi mal di testa di BoJo
Gli enormi mal di testa di BoJo
L’incubo del numero di infezioni in crescita, la poca voglia degli inglesi di ubbidire ancora, la Brexit da chiudere, la minaccia di un probabile lockdown, l’economia a pezzi: per il premier inglese si prepara un autunno infernale
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
GB, i curiosi casi dei boydguard sbadati
Una guardia del corpo del ministro degli esteri Dominic Raab ha dimenticato la pistola sul sedile di un aereo. Pochi mesi fa, lo stesso aveva fatto un altro agente di scorta all’ex premier David Cameron. L’imbarazzo della polizia
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Il ritorno dei Gilet Jaunes
Hanno sfilato lungo le strade di Parigi controllati da un mare di agenti: qualche tafferuglio bloccato dai lacrimogeni, e stessi slogan di mesi fa. Ma per le stampa francese è un ritorno sottotono
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Il killer del sottomarino confessa l’omicidio
Peter Madsen, inventore di sottomarini tascabili, ha ammesso di aver ucciso e fatto a pezzi la giornalista Kim Wall. Si chiude con una confessione il “giallo del sottomarino” che da tre anni tiene banco in Danimarca
Il triste destino dei ponti di Londra
Il triste destino dei ponti di Londra
L’Hammersmith Bridge si sta sgretolando: è stato chiuso al traffico causando enormi problemi al traffico, ma non ci sono i fondi per ripararlo e neanche per un rattoppo. Ma non è l’unico ponte ad essere messo male
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Parigi e Birmingham, sangue e dubbi
Mentre si fa sempre più strada l’ipotesi di scontri fra gang che hanno insanguinato il sabato sera della città inglese, a Parigi un uomo è stato accoltellato sui binari della Gare du Nord di Parigi
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Germania, l’inspiegabile strage di una famiglia
Una donna di 27 anni ha ucciso 5 dei suoi 6 figli tentando poi di togliersi la vita. Gli abitanti di Solingen raccontano di aver visto agenti in lacrime uscire dall’appartamento
GB, con la seconda ondata 85mila morti
GB, con la seconda ondata 85mila morti
È la peggiore delle previsioni fatte da uno studio governativo inglese realizzato da scienziati ed esperti. L’influenza stagionale potrebbe complicare l’individuazione di possibili contagi
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Giovane mamma irlandese muore a Ibiza
Amy Connor, 23 anni, è stata trovata senza vita nel letto di un resort dove stava trascorrendo alcuni giorni di vacanza in compagnia della sorella e della cugina. Nelle scorse ore il commovente funerale