Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente

| Sarah Boyle è stata sottoposta a mastectomia bilaterale dopo che i medici le hanno diagnosticato una forma aggressiva di tumore. Un anno dopo l’ospedale si rende conto dell’errore

+ Miei preferiti
Per tre lunghissimi anni, Sarah Boyle, 28enne di Stoke-on-Trent, nel Gegno Unito, ha affrontato ogni giorno della sua vita pensando che poteva essere uno degli ultimi. Era appena nato Teddy, il suo primo bimbo, quando i medici del “Royal Stoke University Hospital” le danno la notizia più terribile: un cancro al seno decisamente aggressivo.

Inizia un calvario fatto di cure e chemioterapie, necessarie per rendere ancora più efficace la mastectomia bilaterale a cui è stata sottoposta, con l’asportazione completa di entrambi i seni. Era il biglietto di ingresso in un tunnel buio e insidioso fatto di anni pieni di speranza e amarezza, con il fisico sempre più indebolito dalle terapie.

Nel luglio del 2017, qualche mese dopo, per motivi ancora non chiari, l’ospedale si rende conto di aver commesso un terribile errore. È il medico curante, il dottor Narayananan, a comunicare a Sarah che la sua biopsia era stata effettuata in modo errato, errore increscioso che tuttavia può succedere. Un sacco di parole e spiegazioni per arrivare alla verità: Sarah non ha il cancro, non l’ha mai avuto.

Sarah Boyle non è affetta da alcun tumore, la diagnosi era sbagliata. Ma non è finita, perché nel tentativo di riprendere le redini della propria esistenza, altri medici comunicano a Sarah che la chirurgia ricostruttiva potrebbe metterla potenzialmente a rischio di sviluppare in futuro una forma di cancro. Per fortuna, almeno uno dei rischi illustrati dai medici, ovvero che a causa delle cure Sarah non potesse più avere figli, si è rivelato infondato: sette mesi fa è nato Louis, il secondo figlio suo e di Steven, suo marito. 

“Gli ultimi anni sono stati incredibilmente difficili per me e la mia famiglia. Sentire che avevo il cancro è stato terribile, come passare attraverso le cure e gli interventi chirurgici. Ero felice quando ho dato alla luce Louis, ed è stato straziante non poterlo allattare al seno. Come se non bastasse, ora sono preoccupata per la possibilità di sviluppare effettivamente il cancro in futuro a causa del tipo di impianti che ho, e sono anche in pensiero per le che potrei dover affrontare a causa della chemioterapia. Anche se nulla cambierà di ciò che ho passato, vorrei essere certa che nessuno più soffra come ho sofferto io”.

Sarah ha passato il proprio caso nelle mani di alcuni avvocati specializzati in negligenza mediche-ospedaliere, che sono riusciti ad assicurarsi un’ammissione di responsabilità dagli ospedali universitari del North Midlands NHS Trust. Per Irwin Mitchell, uno dei legali che rappresenta Sarah, “Si tratta di un caso davvero scioccante in cui una giovane madre ha dovuto affrontare notizie strazianti e un periodo di cure devastanti per poi sentirsi dire che era tutto un errore. L’esperienza ha avuto un impatto enorme su Sarah, sotto molti aspetti, e anche se siamo lieti che il NHS Trust abbia ammesso le proprie colpe, dobbiamo ancora sapere se sono stati apportate migliorie per evitare che qualcosa di simile accada di nuovo. Siamo anche profondamente preoccupati sul tipo di impianti mammari di Sarah, sospettati di potenziali legami con una rara forma di cancro”.

Galleria fotografica
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente - immagine 1
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente - immagine 2
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente - immagine 3
Esteri
Un minuto di troppo per il volo SK4700
Un minuto di troppo per il volo SK4700
Partito da Nizza, è atterrato a Oslo poco prima che scattasse l’obbligo della quarantena per chi proviene dall’estero. Ma per le autorità i passeggeri devono farla comunque
GB, le bollette dei Vip
GB, le bollette dei Vip
Un sito ha scandagliato le bollette di luce e gas di celebrità inglesi o con residenza nel Regno Unito. Al primo posto svetta la Regina, seguita a ruota da Elton John
Accusate di omicidio le sorelle che uccisero il padre per autodifesa
Accusate di omicidio le sorelle che uccisero il padre per autodifesa
Con una clamorosa inversione di tendenza, poco prima dell’inizio del processo per la morte violenta di Mikhail Khachaturyan, i giudici hanno scelto di non considerare la legittima difesa, tra le proteste dell’opinione pubblica russa
Il governo inglese finanzia un sito porno
Il governo inglese finanzia un sito porno
La società Killing Kittens, specializzata nei sex-party soprattutto lesbo, è entrata fra le 800 aziende che hanno ricevuto una sovvenzione per la crisi dovuta alla pandemia
GB: ex concorrente di X Factor condannato per stupro
GB: ex concorrente di X Factor condannato per stupro
Da più di vent’anni, Philip Blackwell di giorno era un tranquillo appassionato di musica, mentre di notte si trasformava in uno stupratore seriale
Condannato un ex militare delle SS
Condannato un ex militare delle SS
A 93 anni, è stato ritenuto colpevole di oltre 5.000 capi d’imputazione. Viveva ad Amburgo con la famiglia e il suo nome è saltato fuori per caso. Rappresenta uno degli ultimi processi della storia contro i criminali nazisti
Ferito il testimone chiave dell’omicidio di Caruana Galizia
Ferito il testimone chiave dell’omicidio di Caruana Galizia
Secondo i rilievi della polizia, l’ex autista considerato l’intermediario fra il mandante e i killer della reporter maltese, avrebbe tentato il suicidio poche ore prima di ricomparire in tribunale
Amsterdam, la rivoluzione del quartiere a luci rosse
Amsterdam, la rivoluzione del quartiere a luci rosse
Dopo i silenzi del lockdown, i residenti chiedono un giro di vite al caos perenne che pesa sull’antico De Wallen. Ma le prostitute si oppongono alla creazione di un “hotel del sesso”
Spagna, bloccato il derby "Sani contro Infetti"
Spagna, bloccato il derby "Sani contro Infetti"
L’incredibile vicenda è accaduta a Pamplona, in Spagna, su idea di un giovane di 23 anni, denunciato e multato dalle autorità
Suicida una campionessa di pattinaggio
Suicida una campionessa di pattinaggio
Ekaterina Alexandrovskaya, 20 anni, si è lanciata dalla finestra. Su un foglietto ha lasciato scritta una sola parola