Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente

| Sarah Boyle è stata sottoposta a mastectomia bilaterale dopo che i medici le hanno diagnosticato una forma aggressiva di tumore. Un anno dopo l’ospedale si rende conto dell’errore

+ Miei preferiti
Per tre lunghissimi anni, Sarah Boyle, 28enne di Stoke-on-Trent, nel Gegno Unito, ha affrontato ogni giorno della sua vita pensando che poteva essere uno degli ultimi. Era appena nato Teddy, il suo primo bimbo, quando i medici del “Royal Stoke University Hospital” le danno la notizia più terribile: un cancro al seno decisamente aggressivo.

Inizia un calvario fatto di cure e chemioterapie, necessarie per rendere ancora più efficace la mastectomia bilaterale a cui è stata sottoposta, con l’asportazione completa di entrambi i seni. Era il biglietto di ingresso in un tunnel buio e insidioso fatto di anni pieni di speranza e amarezza, con il fisico sempre più indebolito dalle terapie.

Nel luglio del 2017, qualche mese dopo, per motivi ancora non chiari, l’ospedale si rende conto di aver commesso un terribile errore. È il medico curante, il dottor Narayananan, a comunicare a Sarah che la sua biopsia era stata effettuata in modo errato, errore increscioso che tuttavia può succedere. Un sacco di parole e spiegazioni per arrivare alla verità: Sarah non ha il cancro, non l’ha mai avuto.

Sarah Boyle non è affetta da alcun tumore, la diagnosi era sbagliata. Ma non è finita, perché nel tentativo di riprendere le redini della propria esistenza, altri medici comunicano a Sarah che la chirurgia ricostruttiva potrebbe metterla potenzialmente a rischio di sviluppare in futuro una forma di cancro. Per fortuna, almeno uno dei rischi illustrati dai medici, ovvero che a causa delle cure Sarah non potesse più avere figli, si è rivelato infondato: sette mesi fa è nato Louis, il secondo figlio suo e di Steven, suo marito. 

“Gli ultimi anni sono stati incredibilmente difficili per me e la mia famiglia. Sentire che avevo il cancro è stato terribile, come passare attraverso le cure e gli interventi chirurgici. Ero felice quando ho dato alla luce Louis, ed è stato straziante non poterlo allattare al seno. Come se non bastasse, ora sono preoccupata per la possibilità di sviluppare effettivamente il cancro in futuro a causa del tipo di impianti che ho, e sono anche in pensiero per le che potrei dover affrontare a causa della chemioterapia. Anche se nulla cambierà di ciò che ho passato, vorrei essere certa che nessuno più soffra come ho sofferto io”.

Sarah ha passato il proprio caso nelle mani di alcuni avvocati specializzati in negligenza mediche-ospedaliere, che sono riusciti ad assicurarsi un’ammissione di responsabilità dagli ospedali universitari del North Midlands NHS Trust. Per Irwin Mitchell, uno dei legali che rappresenta Sarah, “Si tratta di un caso davvero scioccante in cui una giovane madre ha dovuto affrontare notizie strazianti e un periodo di cure devastanti per poi sentirsi dire che era tutto un errore. L’esperienza ha avuto un impatto enorme su Sarah, sotto molti aspetti, e anche se siamo lieti che il NHS Trust abbia ammesso le proprie colpe, dobbiamo ancora sapere se sono stati apportate migliorie per evitare che qualcosa di simile accada di nuovo. Siamo anche profondamente preoccupati sul tipo di impianti mammari di Sarah, sospettati di potenziali legami con una rara forma di cancro”.

Galleria fotografica
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente - immagine 1
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente - immagine 2
Diagnosi sbagliata, le tolgono i seni per niente - immagine 3
Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente