Due condanne per il peggior caso di pedofilia della Germania

| Per almeno 10 anni, due uomini hanno approfittato di centinaia di bambini all’interno di un camper in cui uno dei condannati viveva insieme ad una bimba di sei anni avuta in affidamento. La Germania è sconcertata

+ Miei preferiti
È considerato uno dei peggiori casi di abusi sessuali nella storia della Germania, quello che si concluso con la condanna di due uomini emessa dal tribunale distrettuale di Detmold. I due, noti come Andreas V., 56 anni, e Mario S., di 34, per via delle leggi sula privacy tedesche che impediscono di svelare i veri nomi, sono stati condannati rispettivamente a 13 e 12 anni di carcere per abusi sessuali su decine di ragazze e ragazzi tra i tre e i 14 anni e per aver prodotto pornografia infantile in oltre 450 casi.

Entrambi gli uomini saranno tenuti in custodia dopo aver scontato la pena detentiva e, in base al verdetto, potrebbero finire in carcere per il resto della loro vita.

Sono 34 fra bambini e adolescenti finite nella rete dei due uomini in un campeggio nella foresta di Luegde, nella Germania centrale, tra il 1998 e il 2018. Un terzo uomo collegato al caso - noto come Heiko V. - è stato giudicato in un altro processo lo scorso luglio per complicità in abuso e violenza verso minori.

Andreas V. viveva stabilmente nel campeggio e tra le sue vittime ci sarebbe anche la figlia adottiva di sei anni, che i pubblici ministeri dicono che abbia usato come “esca” per attirare altri bambini. La polizia è convinta che Andreas V. fosse il capo di una banda di pedofili che aveva nel suo camper la base operativa e il luogo in cui abusare di decine di bambini che venivano anche ripresi, per poi vendere i video sul deep web.

Secondo le autorità, a inchiodare i tre uomini ci sarebbe il contenuto di dieci computer, nove telefoni cellulari, più di 40 hard disk e più di 400 unità flash. Il giudice Anke Grudda, il che si è occupato del caso, ha ammesso che “è molto difficile spiegare a parole quello che è successo: parole come aberrante, mostruoso e ripugnante non sono sufficienti a descrivere tutte le atrocità subite per anni dai quei poveri bambini”.

Il caso, che da giorni tiene banco sui media, ha scandalizzato la Germania, soprattutto dopo la sconcertante ammissione della polizia di aver perso alcuni dei dati utilizzati come prove. Axel Lehmann, responsabile del consiglio distrettuale di polizia, ha dovuto ammettere pubblicamente che “molti errori” sono stati commessi da singoli individui, aggiungendo che è in corso un’indagine e al momento non gli è possibile commentare nello specifico le mancanze delle autorità.

Ma quella sull’operato della polizia non è l’unica polemica che infiamma la Germania: malgrado le numerose accuse di abusi sessuali e pedofilia a pendere sul suo capo, nel 2016 ad Andreas V. è stato concesso l’affidamento in adozione di una bimba di sei anni. Una leggerezza che è al centro di un’indagine della sede locale del centro per l’assistenza all’infanzia.

Domande e dubbi che si è fatto anche Roman von Alvensleben, un avvocato il cui studio ha rappresentato tre vittime del caso: “Trovo assurdo affidare un bambino a qualcuno che vive in una roulotte o in una baracca. Le autorità erano consapevoli di ciò che stava accadendo. La bimba adottata è diventata un’esca per attirare altri bambini, che appena facevano amicizia venivano invitati a giocare insieme o a gite in parchi di divertimento. Questo è quello che ha fatto la madre di un piccolo di cui mi sono occupato, ma non era consapevole di ciò che stava accadendo a suo figlio”.

L’avvocato ha anche aspramente criticato i funzionari dei servizi sociali per non essere riusciti a proteggere i bambini, aggiungendo: “La definisco una gravissima violazione dei doveri da parte delle autorità”.

Esteri
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare
L’anno difficile di Elisabetta
L’anno difficile di Elisabetta
Una donna sola al comando: più volte nel corso del 2020, la regina ha affrontato questioni pubbliche e scossoni privati. Mai in affanno o sopra le righe, continua a guidare il Paese durante la Brexit e la pandemia come solo lei sa fare
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
Da tre giorni fermi con i loro tir, hanno tentato di forzare un blocco della polizia inglese. La Francia ha annunciato la riapertura delle frontiere, ma l’obbligo di test e tamponi allunga i tempi