Due condanne per il peggior caso di pedofilia della Germania

| Per almeno 10 anni, due uomini hanno approfittato di centinaia di bambini all’interno di un camper in cui uno dei condannati viveva insieme ad una bimba di sei anni avuta in affidamento. La Germania è sconcertata

+ Miei preferiti
È considerato uno dei peggiori casi di abusi sessuali nella storia della Germania, quello che si concluso con la condanna di due uomini emessa dal tribunale distrettuale di Detmold. I due, noti come Andreas V., 56 anni, e Mario S., di 34, per via delle leggi sula privacy tedesche che impediscono di svelare i veri nomi, sono stati condannati rispettivamente a 13 e 12 anni di carcere per abusi sessuali su decine di ragazze e ragazzi tra i tre e i 14 anni e per aver prodotto pornografia infantile in oltre 450 casi.

Entrambi gli uomini saranno tenuti in custodia dopo aver scontato la pena detentiva e, in base al verdetto, potrebbero finire in carcere per il resto della loro vita.

Sono 34 fra bambini e adolescenti finite nella rete dei due uomini in un campeggio nella foresta di Luegde, nella Germania centrale, tra il 1998 e il 2018. Un terzo uomo collegato al caso - noto come Heiko V. - è stato giudicato in un altro processo lo scorso luglio per complicità in abuso e violenza verso minori.

Andreas V. viveva stabilmente nel campeggio e tra le sue vittime ci sarebbe anche la figlia adottiva di sei anni, che i pubblici ministeri dicono che abbia usato come “esca” per attirare altri bambini. La polizia è convinta che Andreas V. fosse il capo di una banda di pedofili che aveva nel suo camper la base operativa e il luogo in cui abusare di decine di bambini che venivano anche ripresi, per poi vendere i video sul deep web.

Secondo le autorità, a inchiodare i tre uomini ci sarebbe il contenuto di dieci computer, nove telefoni cellulari, più di 40 hard disk e più di 400 unità flash. Il giudice Anke Grudda, il che si è occupato del caso, ha ammesso che “è molto difficile spiegare a parole quello che è successo: parole come aberrante, mostruoso e ripugnante non sono sufficienti a descrivere tutte le atrocità subite per anni dai quei poveri bambini”.

Il caso, che da giorni tiene banco sui media, ha scandalizzato la Germania, soprattutto dopo la sconcertante ammissione della polizia di aver perso alcuni dei dati utilizzati come prove. Axel Lehmann, responsabile del consiglio distrettuale di polizia, ha dovuto ammettere pubblicamente che “molti errori” sono stati commessi da singoli individui, aggiungendo che è in corso un’indagine e al momento non gli è possibile commentare nello specifico le mancanze delle autorità.

Ma quella sull’operato della polizia non è l’unica polemica che infiamma la Germania: malgrado le numerose accuse di abusi sessuali e pedofilia a pendere sul suo capo, nel 2016 ad Andreas V. è stato concesso l’affidamento in adozione di una bimba di sei anni. Una leggerezza che è al centro di un’indagine della sede locale del centro per l’assistenza all’infanzia.

Domande e dubbi che si è fatto anche Roman von Alvensleben, un avvocato il cui studio ha rappresentato tre vittime del caso: “Trovo assurdo affidare un bambino a qualcuno che vive in una roulotte o in una baracca. Le autorità erano consapevoli di ciò che stava accadendo. La bimba adottata è diventata un’esca per attirare altri bambini, che appena facevano amicizia venivano invitati a giocare insieme o a gite in parchi di divertimento. Questo è quello che ha fatto la madre di un piccolo di cui mi sono occupato, ma non era consapevole di ciò che stava accadendo a suo figlio”.

L’avvocato ha anche aspramente criticato i funzionari dei servizi sociali per non essere riusciti a proteggere i bambini, aggiungendo: “La definisco una gravissima violazione dei doveri da parte delle autorità”.

Esteri
Boris e l'incubo del Natale in lockdown
Boris e l
Gli esperti sanitari avvertono: chiudiamo tutto o sarà un inferno. Ma il premier deve vedersela con una parte del suo partito che non vuol sentir parlare di fermare il Paese
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica