Erdogan perde Istanbul: vince Imamoglu

| Cocente sconfitta per il presidente, che dopo 25 anni si vede strappare la città motore della Turchia dal candidato dell’opposizione

+ Miei preferiti
Questa volta, il “Sultano” è costretto ad ammettere la sconfitta: Ekrem Imamoglu, candidato dell’opposizione, è il nuovo sindaco di Istanbul. Non è servito a nulla pretendere che fossero annullate le elezioni dello scorso 31 marzo per presunte irregolarità, con Imamoglu vincitore sul candidato presidenziale Binali Yildrim con uno scarto di appena 14mila voti su 10 milioni. Anche alla seconda tornata, i risultati parlano da soli, con un 55% delle preferenze andate a quello che in tanti vedono come l’astro nascente della politica turca. Storicamente, la poltrona di primo cittadino di Istanbul è considerata il trampolino che precede la candidatura alle presidenziali: era stato così anche per lo stesso Recep Erdogan, sindaco della città sul Bosforo dal 1994 al 1998 e subito dopo premier per tre mandati consecutivi.

Il primo commento del vincitore, che dopo 25 anni riporta il Partito Popolare Repubblicano alla guida della città più popolosa della Turchia, non sembra voler dichiarare guerra: “Signor presidente, sono pronto a lavorare in armonia con lei per servire Istanbul”, dichiarazione seguita dai complimenti dello stesso Erdogan: “Mi congratulo con Ekrem Imamoglu: la volontà della nazione si è manifestata ancora una volta”. Nel suo discorso, il neo sindaco non ha evitato comunque di mandare qualche stoccata al presidente, ringraziando sua moglie per Dilek il supporto.

Galleria fotografica
Erdogan perde Istanbul: vince Imamoglu - immagine 1
Esteri
Scandalo a Eton: lezioni di stupro
Scandalo a Eton: lezioni di stupro
Il prestigioso college inglese finito nell’occhio del ciclone per la discussa e discutibile lezione ideata da un professore sulla “supremazia della mascolinità”
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
Più che le faccende di cuore del presidente, a finire nel mirino della testata d’opposizione “Proekt” è il misterioso flusso costante di capitali e proprietà
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti