Francia, lo scandalo degli incesti

| Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi

+ Miei preferiti
È ben più di un #MeToo, l’ondata di scandali sessuali che sta facendo tremare la Francia, obbligando il presidente Macron a intervenire annunciando un giro di vite in un video diffuso sul web: “Siamo qui, vi ascoltiamo, vi crediamo: non sarete mai più soli”, ha esordito il presidente assicurando l’intenzione di tutelare le vittime e punire i colpevoli. Il primo passo concreto è una proposta di legge che considera stupro qualsiasi atto di penetrazione sessuale commesso ai danni di minori di 15 anni, escludendo il consenso della vittima. “In Francia ogni atto sessuale su un minore è vietato, ma si cerca di dimostrarne il consenso per declassarlo a minaccia sessuale, che ovviamente non è punita nello stesso modo - spiega il guardasigilli Eric Dupont-Moretti - Macron ha già fatto promesse simili nel 2017 senza mantenerle: in quell’occasione, il Consiglio di Stato si era opposto e il governo ha mollato senza avere il coraggio politico di andare fino in fondo”.

L’ultimo episodio, che ha letteralmente travolto l’establishment parigino, è la pubblicazione del libro shock “La Familia Grande”, scritto da Camille Kouchner, avvocato nonché figlia di Bernard, ex ministro degli esteri e fondatore di “Medici senza frontiere”, che ha svelato anni di molestie subite da suo fratello gemello per mano del loro patrigno, il celebre costituzionalista Olivier Duhamel. Un’accusa di incesto pesantissima che ha costretto la procura di Parigi ad aprire un’inchiesta prima ancora che il libro fosse pubblicato, e spinto il fratello della Kouchner a sporgere denuncia.

Nel libro, la donna rivela che molti fra gli ambienti degli intellettuali parigini erano al corrente di quanto accadeva nella loro abitazione, ma nessuno è mai intervenuto, a cominciare dalla madre dei ragazzi, Evelyne. In particolare, a finire sotto i riflettori è la figura di Frédéric Mion, direttore di “Science Po”, che oltre a sapere avrebbe più volte aiutato Duhamel a coprire la vicenda.

Uno scandalo che sta scuotendo profondamente l’opinione pubblica francese, scatenando una vera ondata di tweet in cui centinaia di vittime di incesto hanno raccontato la propria vicenda con l’hashtag #Metooincest.

Prima della pubblicazione del libro shock, nelle grane era finito Francois Asselineau, meglio conosciuto come “Mr. Frexit” per essere il paladino alla guida del movimento che chiede l’uscita della Francia dalla UE, accusato di violenza e aggressione sessuale. Mentre è in corso il processo contro i 20 pompieri accusati di violenza da Julie, una ragazza di 25 anni affetta da problemi psichiatrici. A questo si aggiunge il libro di prossima pubblicazione dello scrittore 84enne Gabriel Matzneff, per rispondere alle accuse di pedofilia mosse contro di lui da Vanessa Springora, mentre il presidente del centro di cinematografia, Dominique Boutonnat, uno dei fedeli di Marcon, è sotto inchiesta per stupro e violenza sessuale nei confronti del figlioccio.

Galleria fotografica
Francia, lo scandalo degli incesti - immagine 1
Esteri
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
Francia: il caso di Mia, fatta rapire dalla madre
È il colpo di scena di una vicenda più intricata di quel che sembra. I tre rapitori, arrestati dalla polizia, hanno confessato che il mandante del sequestro era la madre, una donna con gravi problemi comportamentali
L’ultimo addio a Filippo
L’ultimo addio a Filippo
Il principe di Edimburgo aveva previsto tuttoo: dall’auto che accompagna il feretro alle musiche che risuoneranno nella Cappella di San Giorgio, a Windsor. Presente di persona solo famiglia reale, ma con diretta televisiva in tutto il mondo
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Un italiano l’autore del furto a casa di Tamara Ecclestone
Alessandro Donati, milanese, ha ammesso davanti alla corte di Londra di aver svaligiato le residenze di celebrità come la figlia dell’ex patron della F1, di Frank Lampard e di un miliardario thailandese
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti