Francia multata per Salah Abdeslam

| L’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 13 novembre 2015, ha vinto una causa legata alle modalità della sua detenzione: lo Stato condannato a risarcirlo con 500 euro

+ Miei preferiti
Basta il volto di Salah Abdeslam, perché la memoria corra alla notte del 13 novembre 2015, quando a meno di un anno dalla strage del settimanale “Charlie Hebdo”, un commando di terroristi dell’Isis ha messo a ferro e fuoco Parigi mietendo 137 vittime, compresi gli attentatori. L’unico sopravvissuto a quella notte d’inferno che ha come simbolo il teatro “Bataclan”, è stato lui: dopo mesi di fuga viene arrestato il 18 marzo successivo a Molenbeek, culla jihadista di Bruxelles, nel corso di una sparatoria in cui rimane ferito ad una gamba. Estradato in Francia il 23 marzo, da allora si trova nel carcere di massima sicurezza di Fleury-Mérogis, dove nel 2016 è stato condannato a vent’anni di reclusione.

Ma adesso, per quei tortuosi percorsi della giustizia che non sono solo un’anomalia tutta italiana, arriva quella che in Francia suona come una beffa: secondo una rivelazione del quotidiano “Le Figaro”, il tribunale amministrativo di Versailles ha condannato lo Stato a risarcire Abdeslam con 500 euro per le “condizioni di detenzione”. La multa si riferisce alla decisione di Jean-Jacques Urvoas, allora ministro della giustizia, che aveva per il terrorista aveva previsto la sorveglianza video continua. L’avvocato di Abdeslam ha presentato ricorso, appellandosi agli articoli 34 e 37 della Costituzione francese. attraverso il suo legale, Salah Abdeslam ha comunicato di voler rifiutare la somma.

Esteri
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare
L’anno difficile di Elisabetta
L’anno difficile di Elisabetta
Una donna sola al comando: più volte nel corso del 2020, la regina ha affrontato questioni pubbliche e scossoni privati. Mai in affanno o sopra le righe, continua a guidare il Paese durante la Brexit e la pandemia come solo lei sa fare
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
Da tre giorni fermi con i loro tir, hanno tentato di forzare un blocco della polizia inglese. La Francia ha annunciato la riapertura delle frontiere, ma l’obbligo di test e tamponi allunga i tempi