Francia multata per Salah Abdeslam

| L’unico terrorista sopravvissuto alla strage di Parigi del 13 novembre 2015, ha vinto una causa legata alle modalità della sua detenzione: lo Stato condannato a risarcirlo con 500 euro

+ Miei preferiti
Basta il volto di Salah Abdeslam, perché la memoria corra alla notte del 13 novembre 2015, quando a meno di un anno dalla strage del settimanale “Charlie Hebdo”, un commando di terroristi dell’Isis ha messo a ferro e fuoco Parigi mietendo 137 vittime, compresi gli attentatori. L’unico sopravvissuto a quella notte d’inferno che ha come simbolo il teatro “Bataclan”, è stato lui: dopo mesi di fuga viene arrestato il 18 marzo successivo a Molenbeek, culla jihadista di Bruxelles, nel corso di una sparatoria in cui rimane ferito ad una gamba. Estradato in Francia il 23 marzo, da allora si trova nel carcere di massima sicurezza di Fleury-Mérogis, dove nel 2016 è stato condannato a vent’anni di reclusione.

Ma adesso, per quei tortuosi percorsi della giustizia che non sono solo un’anomalia tutta italiana, arriva quella che in Francia suona come una beffa: secondo una rivelazione del quotidiano “Le Figaro”, il tribunale amministrativo di Versailles ha condannato lo Stato a risarcire Abdeslam con 500 euro per le “condizioni di detenzione”. La multa si riferisce alla decisione di Jean-Jacques Urvoas, allora ministro della giustizia, che aveva per il terrorista aveva previsto la sorveglianza video continua. L’avvocato di Abdeslam ha presentato ricorso, appellandosi agli articoli 34 e 37 della Costituzione francese. attraverso il suo legale, Salah Abdeslam ha comunicato di voler rifiutare la somma.

Esteri
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti
Navalny: «Putin mi voleva morto»
Navalny: «Putin mi voleva morto»
“C’è lui dietro al mio avvelenamento”: la pesante accusa lanciata dal dissidente russo in un’intervista in cui ribadisce di voler tornare al suo posto in Russia