GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità

| È vietato acquistare vernici e pennelli per ridipingere casa, ma non fare scorta di birra e vino, oltre ad una passeggiata rilassante dopo un litigio. Le stranezze della Gran Bretagna

+ Miei preferiti
La Gran Bretagna è un paese curioso: dalla Brexit al modo di affrontare le prime avvisaglie della pandemia, al pari di Boris Johnson - che fino a quando non ha vissuto sulla pelle la paura del contagio non ci credeva – i sudditi di Sua Maestà continuano a dare prova di quanto siano unici. Ma soprattutto curiosamente strani.

Il ministro degli Esteri Dominic Raab, che sostituisce BoJo ancora in convalescenza, ha annunciato l’estensione del lockdown di altre tre settimane. Una decisione che ha gettato nello sconforto il Paese intero, convinto di essere alla fine del tunnel malgrado i numeri di morti e contagi dicano l’esatto contrario. Ma in compenso, per rendere meno amara la pillola, sono state emanate nuove linee guida sui “validi motivi” per uscire di casa che le forze dell’ordine sono tenute ad accettare.

Uno di questi, di gran lunga il più apprezzato, riguarda l’acquisto di alcolici, eventualità inclusa nel nuovo elenco di “scuse accettabile” per uscire di casa durante il blocco. A scanso di equivoci si aggiunge che la concessione di fare scorta di birra e vino è un modo per rendere meno angosciante l’isolamento forzato, ma questo non include la possibilità di organizzare feste o party. Il riferimento, per nulla causale, è ai numerosi interventi della polizia per mettere fine a centinaia di feste e festicciole registrate ovunque: da un affollato 18esimo a Londra a un party completo di buffet e karaoke a Derby.

Il governo ha nuovamente raccomandato di non uscire di casa più di una volta al giorno e solo per motivi essenziali, ma si è creata po’ di confusione su ciò che è o non è permesso. Per dare una mano agli agenti a capire chi sta infrangendo la legge e chi invece è in regola, il “National Police Chief’s Council and College of Policing” (altrimenti detto NPCC) ha stilato un elenco di motivi da considerare validi. Un documento assai necessario, visto che tra il 27 marzo e il 13 aprile sono state inflitte più di 3.200 multe a chi non aveva un motivo valido per uscire di casa. L’elenco include l’acquisto di cibo per “diversi giorni”, compresi articoli di lusso e alcolici: nessuno deve temere che la bottiglia di gin o pinot nero gli sia sequestrata alla cassa, nonostante circolasse la voce di carrelli della spesa controllati in cui venivano lasciati solo gli articoli essenziali.

Ma se la sbronza casalinga è implicitamente concessa, in compenso sono vietati il bricolage e il fai-da-te: le direttive vietano di uscire di casa per acquistare vernici e pennelli, mentre è consentito l’acquisto di attrezzi per riparare “una recinzione danneggiata” o riparazioni essenziali per la casa. Sono considerate “scuse ragionevoli” anche le uscite dopo un litigio casalingo, portare gli animali dal veterinario e aiutare le persone considerate più vulnerabili.

Galleria fotografica
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità - immagine 1
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità - immagine 2
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità - immagine 3
Esteri
Boris e l'incubo del Natale in lockdown
Boris e l
Gli esperti sanitari avvertono: chiudiamo tutto o sarà un inferno. Ma il premier deve vedersela con una parte del suo partito che non vuol sentir parlare di fermare il Paese
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica