GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità

| È vietato acquistare vernici e pennelli per ridipingere casa, ma non fare scorta di birra e vino, oltre ad una passeggiata rilassante dopo un litigio. Le stranezze della Gran Bretagna

+ Miei preferiti
La Gran Bretagna è un paese curioso: dalla Brexit al modo di affrontare le prime avvisaglie della pandemia, al pari di Boris Johnson - che fino a quando non ha vissuto sulla pelle la paura del contagio non ci credeva – i sudditi di Sua Maestà continuano a dare prova di quanto siano unici. Ma soprattutto curiosamente strani.

Il ministro degli Esteri Dominic Raab, che sostituisce BoJo ancora in convalescenza, ha annunciato l’estensione del lockdown di altre tre settimane. Una decisione che ha gettato nello sconforto il Paese intero, convinto di essere alla fine del tunnel malgrado i numeri di morti e contagi dicano l’esatto contrario. Ma in compenso, per rendere meno amara la pillola, sono state emanate nuove linee guida sui “validi motivi” per uscire di casa che le forze dell’ordine sono tenute ad accettare.

Uno di questi, di gran lunga il più apprezzato, riguarda l’acquisto di alcolici, eventualità inclusa nel nuovo elenco di “scuse accettabile” per uscire di casa durante il blocco. A scanso di equivoci si aggiunge che la concessione di fare scorta di birra e vino è un modo per rendere meno angosciante l’isolamento forzato, ma questo non include la possibilità di organizzare feste o party. Il riferimento, per nulla causale, è ai numerosi interventi della polizia per mettere fine a centinaia di feste e festicciole registrate ovunque: da un affollato 18esimo a Londra a un party completo di buffet e karaoke a Derby.

Il governo ha nuovamente raccomandato di non uscire di casa più di una volta al giorno e solo per motivi essenziali, ma si è creata po’ di confusione su ciò che è o non è permesso. Per dare una mano agli agenti a capire chi sta infrangendo la legge e chi invece è in regola, il “National Police Chief’s Council and College of Policing” (altrimenti detto NPCC) ha stilato un elenco di motivi da considerare validi. Un documento assai necessario, visto che tra il 27 marzo e il 13 aprile sono state inflitte più di 3.200 multe a chi non aveva un motivo valido per uscire di casa. L’elenco include l’acquisto di cibo per “diversi giorni”, compresi articoli di lusso e alcolici: nessuno deve temere che la bottiglia di gin o pinot nero gli sia sequestrata alla cassa, nonostante circolasse la voce di carrelli della spesa controllati in cui venivano lasciati solo gli articoli essenziali.

Ma se la sbronza casalinga è implicitamente concessa, in compenso sono vietati il bricolage e il fai-da-te: le direttive vietano di uscire di casa per acquistare vernici e pennelli, mentre è consentito l’acquisto di attrezzi per riparare “una recinzione danneggiata” o riparazioni essenziali per la casa. Sono considerate “scuse ragionevoli” anche le uscite dopo un litigio casalingo, portare gli animali dal veterinario e aiutare le persone considerate più vulnerabili.

Galleria fotografica
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità - immagine 1
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità - immagine 2
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità - immagine 3
Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente