Gilet Jaunes, un altro sabato d’inferno

| Dagli Champs-Élysée, blindati dalle forze dell’ordine, i casseur hanno spostato la protesta in altre zone del centro. Urla e insulti contro i milioni destinati a Notre-Dame

+ Miei preferiti
Gilet Jaunes: sabato numero 23, il primo dopo lo choc collettivo della Cattedrale di Notre-Dame e nuovamente uno dei più violenti dal novembre dello scorso anno, quando è scattata la protesta. I “casseur”, a cui gli Champs-Élysée sono interdetti (come l’area di Notre-Dame), dopo aver dato il via alle violenze in boulevard Richard Lenoir, a poca distanza dalla Bastiglia, hanno scelto di mettere a ferro e fuoco Place de la Republique: a farne le spese soprattutto un fast-food McDonald’s, un negozio di cellulari e un centro “Go Sport”, catena di articoli sportivi molto diffusa in Francia. In mezzo cassonetti in fiamme, auto e scooter vandalizzati e un botta e risposta con gli agenti, che al lancio di oggetti hanno replicato con lacrimogeni e granate assordanti. A metà giornata, si sfioravano i 200 arresti.



Nei cartelli di protesta qualcuno in favore di Julian Assange e chiari segni di insofferenza verso la milionaria raccolta fondi per a ricostruzione di Notre-Dame: “Milioni per la cattedrale: e i poveri?”.

Che il corteo avesse intenzioni tutt’altro che pacifiche si era capito dal nuovo ultimatum lanciato nei giorni scorsi a Macron e dall’imponente schieramento di forze messo in piedi dall’Eliseo, che in una nota ha dichiarato 60mila agenti schierati per le strade di tutta la Francia, e 5mila solo nella capitale, da sempre epicentro di tutti gli scontri. Secondo altri dati diffusi dal ministero dell’interno, sono scese in piazza 9.600 persone in tutto il paese, quasi 7mila a Parigi, con un netto aumento rispetto alla scorsa settimana, quando ancora una volta il paese aveva parlato di calma apparente dei casseur, capaci di radunare soltanto 7.500 persone in tutta la Francia, di cui 1.300 a Parigi.

Verso mezzogiorno Christophe Castagner, il ministro dell’interno, ha varcato la soglia dell’Eliseo per una riunione operativa con il presidente Macron, che nei prossimi giorni apparirà in televisione per il “Grande dibattito nazionale” previsto per il giorno del rogo della cattedrale.

Galleria fotografica
Gilet Jaunes, un altro sabato d’inferno - immagine 1
Esteri
Berlino, arrivano i sexbox
Berlino, arrivano i sexbox
In una parte del Tempelhof, l’immensa area dove sorgeva l’ex aeroporto cittadino, la capitale tedesca sta discutendo se attrezzare delle cabine per le prostitute e i loro clienti
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq
I servizi segreti francesi avrebbero raggiunto un accordo segreto con gli iracheni: 2 milioni di dollari per ogni jihadista transalpino eliminato
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Romania: Alexandra uccisa dalla lentezza della polizia
Una 15enne sequestrata da un balordo riesce ad avvisare le forze dell’ordine, ma dopo una telefonata surreale le pattuglie arrivano sul posto soltanto 19 ore dopo: troppo tardi
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Marieme e Ndeye moriranno insieme
Il padre ha deciso di non sottoporre le due gemelline siamesi che dividono parecchi organi ad un rischioso intervento di separazione. Quando sarà ora, se ne andranno così come sono nate
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
Mashrou’ Leila, la band che va fermata
In Libano, una campagna per mettere a tacere un gruppo indie rock ha galvanizzato l’estrema destra cristiana del Paese. Un loro concerto è stato cancellato per le minacce “di una strage” giunte agli organizzatori
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
Boris Johnson, l’ultimo premier inglese
È un’ipotesi lanciata da tanti, convinti che la promessa di una Brexit dura possa avere conseguenze impensabili sugli abitanti del Regno Unito, sempre meno uniti
UK, condannato un sacerdote pedofilo
UK, condannato un sacerdote pedofilo
Si è chiuso con una condanna a 18 anni il terzo processo contro Michael Higginbottom, ex sacerdote di un prestigioso seminario inglese dove avrebbe abusato di due ragazzi
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Sotto accusa la sicurezza dei tre principini
Un trasportatore pregiudicato si è tranquillamente avvicinato a George, Charlotte e Louis, figli di William e Kate, scambiando qualche parola con il più grande. Una bufera che sta rimettendo in discussione tutto l’apparato di sicurezza
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
Il folle caso del pedofilo Carl Beech
L’incredibile vicenda giudiziaria di un ex infermiere che ha accusato decine di personaggi di spicco del Regno Unito di far parte di una rete di pedofili. Per poi scoprire che l’unico pedofilo era lui
Arrestato l’ex convivente di George Michael
Arrestato l’ex convivente di George Michael
Da giorni aveva iniziato una sistematica demolizione della lussuosa residenza, la più amata dall’artista. I vicini di casa hanno allertato la polizia