Gilet Jaunes, un altro sabato d’inferno

| Dagli Champs-Élysée, blindati dalle forze dell’ordine, i casseur hanno spostato la protesta in altre zone del centro. Urla e insulti contro i milioni destinati a Notre-Dame

+ Miei preferiti
Gilet Jaunes: sabato numero 23, il primo dopo lo choc collettivo della Cattedrale di Notre-Dame e nuovamente uno dei più violenti dal novembre dello scorso anno, quando è scattata la protesta. I “casseur”, a cui gli Champs-Élysée sono interdetti (come l’area di Notre-Dame), dopo aver dato il via alle violenze in boulevard Richard Lenoir, a poca distanza dalla Bastiglia, hanno scelto di mettere a ferro e fuoco Place de la Republique: a farne le spese soprattutto un fast-food McDonald’s, un negozio di cellulari e un centro “Go Sport”, catena di articoli sportivi molto diffusa in Francia. In mezzo cassonetti in fiamme, auto e scooter vandalizzati e un botta e risposta con gli agenti, che al lancio di oggetti hanno replicato con lacrimogeni e granate assordanti. A metà giornata, si sfioravano i 200 arresti.



Nei cartelli di protesta qualcuno in favore di Julian Assange e chiari segni di insofferenza verso la milionaria raccolta fondi per a ricostruzione di Notre-Dame: “Milioni per la cattedrale: e i poveri?”.

Che il corteo avesse intenzioni tutt’altro che pacifiche si era capito dal nuovo ultimatum lanciato nei giorni scorsi a Macron e dall’imponente schieramento di forze messo in piedi dall’Eliseo, che in una nota ha dichiarato 60mila agenti schierati per le strade di tutta la Francia, e 5mila solo nella capitale, da sempre epicentro di tutti gli scontri. Secondo altri dati diffusi dal ministero dell’interno, sono scese in piazza 9.600 persone in tutto il paese, quasi 7mila a Parigi, con un netto aumento rispetto alla scorsa settimana, quando ancora una volta il paese aveva parlato di calma apparente dei casseur, capaci di radunare soltanto 7.500 persone in tutta la Francia, di cui 1.300 a Parigi.

Verso mezzogiorno Christophe Castagner, il ministro dell’interno, ha varcato la soglia dell’Eliseo per una riunione operativa con il presidente Macron, che nei prossimi giorni apparirà in televisione per il “Grande dibattito nazionale” previsto per il giorno del rogo della cattedrale.

Galleria fotografica
Gilet Jaunes, un altro sabato d’inferno - immagine 1
Esteri
Scandalo a Eton: lezioni di stupro
Scandalo a Eton: lezioni di stupro
Il prestigioso college inglese finito nell’occhio del ciclone per la discussa e discutibile lezione ideata da un professore sulla “supremazia della mascolinità”
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
L’amante di Putin, da donna delle pulizie a miliardaria
Più che le faccende di cuore del presidente, a finire nel mirino della testata d’opposizione “Proekt” è il misterioso flusso costante di capitali e proprietà
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti