Gli allegri vacanzieri di Cannes

| Un jet privato e tre elicotteri atterrano a Marsiglia: a bordo un gruppo di persone invitate per una vacanza pasquale da un ricco croato. Tutti rispediti al mittente dalle autorità francesi

+ Miei preferiti
Non è ancora chiaro a tutti, che l’epoca dei furbetti e del “lei non sa chi sono io” non esiste più, spazzata via dal coronavirus, malattia democratica che non guarda in faccia e non risparmia nessuno.

Ma c’è un male che serpeggia ovunque, quella sensazione secondo cui le regole servano, siano giuste e vanno osservate, ma dagli altri: per se stessi vale l’assoluzione. E se in Italia riusciamo a vergognarci per i palermitani accalcati sul tetto di un palazzo nel giorno di Pasqua, intenti a grigliare, ballare e bere birra alla salute del virus, non va meglio da altre parti del mondo. Una curiosa vicenda accaduta in Francia, ad esempio, è venuta fuori in queste ore.

Racconta di un jet privato, roba per gente che può, atterrato all’aeroporto di Marsiglia lo scorso 4 aprile. A bordo 10 persone di diverse nazionalità, croati, tedeschi, francesi, rumeni e ucraini. Per l’esattezza sette uomini fra i 40 ed i 50 anni e due donne decisamente più giovani, sui 25. Un’allegra accolita che alla faccia di ogni divieto era volata nel sud della Francia per godersi qualche giorno di vacanzina pasquale a Cannes.

Va da sé: la Francia sta combattendo una battaglia altrettanto aspra con il contagio, e ha imposto un lockdown decisamente rigido per riuscire ad uscirne quanto prima. L’ingresso degli stranieri è bloccato, a meno che non si tratti di un comprovato motivo urgente ed essenziale, come il trasporto di attrezzature mediche o di personale ospedaliero volontario di rinforzo alle strutture sanitarie nazionali.

Poco prima dell’arrivo del jet, tre elicotteri di una compagnia specializzata negli spostamenti di Vip, provenienti dalla regione del Var, erano atterrati allo stesso aeroporto. Quando l’intera combriccola è sbarcata, con trolley e camicie a fiori, si è trovata la Gendarmerie francese schierata di tutto punto: hanno spiegato che il viaggio era stato organizzato da un cittadino croato che lavora nel settore immobiliare e finanziario. A spese sue aveva affittato l’aereo, tre elicotteri e una grossa villa privata a Cannes. Come se non bastasse, alle autorità francesi ha raccontato di avere “un sacco di soldi” ed era disposto a pagare qualsiasi multa pur di poter raggiungere Cannes.

Ai cittadini stranieri è stato rifiutato l’ingresso in Francia, e in nove sono tornati a Londra, compresi i tre cittadini francesi, mentre un ucraino ha noleggiato un aereo per Berlino.

La polizia ha inflitto una multa anche ai tre piloti degli elicotteri perché viaggiavano senza un valido motivo, ma non ha potuto arrestare nessuno, perché non erano ancora entrati legalmente in territorio francese.

Esteri
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti
Navalny: «Putin mi voleva morto»
Navalny: «Putin mi voleva morto»
“C’è lui dietro al mio avvelenamento”: la pesante accusa lanciata dal dissidente russo in un’intervista in cui ribadisce di voler tornare al suo posto in Russia
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
La scomoda verità delle spettacolari residenze inglesi
Dietro la bellezza a volte fiabesca di palazzi immersi nel verde, si nasconde il risvolto meno conosciuto dell’impero britannico, fra schiavitù e colonialismo. Luoghi che il “National Trust” ha censito, scatenando le polemiche