Harry vittima di un feroce scherzo telefonico

| Due abilissimi youtuber russi si sono finti Greta Thunberg e suo padre, incalzando il principe a parlare della separazione dalla famiglia reale e dei suoi problemi

+ Miei preferiti
Harry ci è cascato, con tutte le scarpe. Quelle che credeva fossero due lunghe telefonate confidenziali con l’attivista svedese Greta Thunberg e suo padre Svante, avvenute fra il giorno di capodanno e il 22 gennaio scorso, erano in realtà uno scherzo perfettamente architettato da Alexei Stolyarov e Vladimir Kuznetsov, due Youtuber russi che avevano già fregato Elton John, Bernie Sanders e il presidente turco Recep Erdogan.

Nella telefonata, il candido Harry ha parlato a cuore aperto della “Megxit”, la celebre rinuncia sua e di sua moglie Meghan al ruolo attivo nella famiglia reale inglese: “Ormai siamo completamente separati dalla mia famiglia, e la nostra vita è notevolmente migliorata. Io sono più normale di quanto la mia famiglia creda e ho scelto di ritirarmi per proteggere mio figlio”. Quando la falsa Greta gli chiede di Meghan, Harry ammette che “sposare un principe o una principessa non è una scelta affatto semplice”.

“Purtroppo il mondo è guidato da persone malate, quindi sono quelli come voi e le giovani generazioni a poter fare la differenza. Penso che la gente abbia bisogno di essere svegliata e l’unico modo, credo, è fare cose estreme, perché i piccoli passi o l’assegnazione di premi non fanno alcuna differenza al giorno d’oggi. Penso che il solo fatto che Trump stia spingendo l’industria del carbone significa che ha le mani sporche di sangue, perché l’effetto che ha sul clima è devastante. La gente muore ogni mese a causa di una qualche forma di catastrofe naturale creata dall’enorme cambiamento climatico”. Il principe si è anche spinto a qualche consiglio sul rapporto con i media: “Per tutta la mia vita ho fatto parte di una famiglia e di un paese che ha paura dei tabloid perché hanno immenso potere e capacità di influenza, ma senza alcuna morale. Nel momento in cui ho trovato una moglie abbastanza forte da poter difendere ciò in cui crediamo insieme, è riuscita a spaventarli così tanto che ora sono incredibilmente arrabbiati e tutto quello che cercheranno di fare è cercare di distruggere la nostra reputazione e provare a farci affondare. Ma quello che non capiscono è che la guerra che stiamo combattendo contro di loro è molto più di una nostra battaglia. Anche se vogliono farne una questione personale, sono spaventati perché noi siamo due persone disposte a resistere al loro bullismo e per nulla intenzionati a tirarci indietro”.

Harry, che ha mai incontrato Greta di persona, ha anche parlato del perché sia costretto a utilizzare jet privati nonostante la campagna sul cambiamento climatico e assicurato che non ha nulla a che fare con suo zio, il principe Andrea.

Per tutto il tempo delle due telefonate, il duca del Sussex non sospetta nulla, neanche quando i due youtuber tentano di spostare la conversazione sul ridicolo: la finta Greta accenna di cullare l’idea di un matrimonio combinato con il principe George di sei anni o della necessità di spostare 50 pinguini dalla Bielorussia al Polo Nord: “Circa 50 pinguini sono rimasti bloccati alla dogana in Bielorussia. È terribile. Stiamo cercando una nave per trasportarli nella loro terra natale”. Il finto padre di Greta chiede: “Hai dei contatti con qualcuno al Polo Nord che possa aiutarci?”. Harry risponde: “Conosco un uomo che si occupa del Polo Nord: vive in Norvegia, e forse può aiutarti, ti mando i contatti via e-mail”.

Galleria fotografica
Harry vittima di un feroce scherzo telefonico - immagine 1
Esteri
GB, polemiche per la pedofila graziata
GB, polemiche per la pedofila graziata
Monica McCanch, condannata nel 2007 per abusi su minori e uscita di galera, ha ottenuto la revoca del divieto di avere contatti con minori di 16 anni. Secondo il tribunale non sarebbe più un soggetto a rischio
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Francia, arrestato stupratore seriale italiano
Cosimo Chionna, su cui pensava un mandato di cattura internazionale, è accusato di oltre 160 stupri in 14 anni
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Francia, il peso dell’omicidio del professore
Il presidente Macron annuncia un giro di vite contro le sacche di separatismo islamico che cova nel Paese. Sette persone fermate per la morte del professor Paty rischiano l’accusa di favoreggiamento
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Polemiche per la vacanza dei reali olandesi
Re Williem-Alexander e la regina Maxima sono volati in Grecia in vacanza, ma la decisione non è piaciuta agli olandesi, che hanno messo spalle al muro il premier Mark Rutte e costretto la coppia a rientrare frettolosamente
Il curioso caso della premier scollata
Il curioso caso della premier scollata
Sanna Marin, la 35enne primo ministro finlandese, posa per un servizio mostrando una profonda scollatura e si scatena l’inferno: ma per tanti che la accusano, altrettanti la difendono
Liverpool, la grande festa del lockdown
Liverpool, la grande festa del lockdown
Migliaia di persone in strada per celebrare l’ultima sera di libertà prima dell’entrata in vigore delle misure di contenimento volute dal governo Johnson. Lo sdegno del Regno Unito
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
La vicenda del caso simbolo del MeToo francese
Nel volume in uscita “Balance ton père”, l’ex direttore tv Eric Brion racconta cosa si prova ad essere considerato il Weinstein d’oltralpe. Aveva commentato il seno di una giornalista invitandola a cena, e la storia era finita in tribunale
Le noie di Harry con il fisco americano
Le noie di Harry con il fisco americano
Superati i 183 giorni di permanenza sul suolo statunitense, chiunque è tenuto al pagamento delle tasse, che per il principe transfugo ammonterebbero a una cifra enorme
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
L’ex premier maltese Muscat lascia la politica
Letteralmente travolto dall’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, l’uomo che aveva traghettato Malta verso il boom Economico chiude la sua carriera politica
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Svizzera, la maglietta che censura le studentesse
Polemiche e proteste per la decisione di alcuni istituti superiori di adottare t-shirt consegnate all’ingresso delle scuole alle studentesse con abiti provocanti o succinti