Harry vittima di un feroce scherzo telefonico

| Due abilissimi youtuber russi si sono finti Greta Thunberg e suo padre, incalzando il principe a parlare della separazione dalla famiglia reale e dei suoi problemi

+ Miei preferiti
Harry ci è cascato, con tutte le scarpe. Quelle che credeva fossero due lunghe telefonate confidenziali con l’attivista svedese Greta Thunberg e suo padre Svante, avvenute fra il giorno di capodanno e il 22 gennaio scorso, erano in realtà uno scherzo perfettamente architettato da Alexei Stolyarov e Vladimir Kuznetsov, due Youtuber russi che avevano già fregato Elton John, Bernie Sanders e il presidente turco Recep Erdogan.

Nella telefonata, il candido Harry ha parlato a cuore aperto della “Megxit”, la celebre rinuncia sua e di sua moglie Meghan al ruolo attivo nella famiglia reale inglese: “Ormai siamo completamente separati dalla mia famiglia, e la nostra vita è notevolmente migliorata. Io sono più normale di quanto la mia famiglia creda e ho scelto di ritirarmi per proteggere mio figlio”. Quando la falsa Greta gli chiede di Meghan, Harry ammette che “sposare un principe o una principessa non è una scelta affatto semplice”.

“Purtroppo il mondo è guidato da persone malate, quindi sono quelli come voi e le giovani generazioni a poter fare la differenza. Penso che la gente abbia bisogno di essere svegliata e l’unico modo, credo, è fare cose estreme, perché i piccoli passi o l’assegnazione di premi non fanno alcuna differenza al giorno d’oggi. Penso che il solo fatto che Trump stia spingendo l’industria del carbone significa che ha le mani sporche di sangue, perché l’effetto che ha sul clima è devastante. La gente muore ogni mese a causa di una qualche forma di catastrofe naturale creata dall’enorme cambiamento climatico”. Il principe si è anche spinto a qualche consiglio sul rapporto con i media: “Per tutta la mia vita ho fatto parte di una famiglia e di un paese che ha paura dei tabloid perché hanno immenso potere e capacità di influenza, ma senza alcuna morale. Nel momento in cui ho trovato una moglie abbastanza forte da poter difendere ciò in cui crediamo insieme, è riuscita a spaventarli così tanto che ora sono incredibilmente arrabbiati e tutto quello che cercheranno di fare è cercare di distruggere la nostra reputazione e provare a farci affondare. Ma quello che non capiscono è che la guerra che stiamo combattendo contro di loro è molto più di una nostra battaglia. Anche se vogliono farne una questione personale, sono spaventati perché noi siamo due persone disposte a resistere al loro bullismo e per nulla intenzionati a tirarci indietro”.

Harry, che ha mai incontrato Greta di persona, ha anche parlato del perché sia costretto a utilizzare jet privati nonostante la campagna sul cambiamento climatico e assicurato che non ha nulla a che fare con suo zio, il principe Andrea.

Per tutto il tempo delle due telefonate, il duca del Sussex non sospetta nulla, neanche quando i due youtuber tentano di spostare la conversazione sul ridicolo: la finta Greta accenna di cullare l’idea di un matrimonio combinato con il principe George di sei anni o della necessità di spostare 50 pinguini dalla Bielorussia al Polo Nord: “Circa 50 pinguini sono rimasti bloccati alla dogana in Bielorussia. È terribile. Stiamo cercando una nave per trasportarli nella loro terra natale”. Il finto padre di Greta chiede: “Hai dei contatti con qualcuno al Polo Nord che possa aiutarci?”. Harry risponde: “Conosco un uomo che si occupa del Polo Nord: vive in Norvegia, e forse può aiutarti, ti mando i contatti via e-mail”.

Galleria fotografica
Harry vittima di un feroce scherzo telefonico - immagine 1
Esteri
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare
L’anno difficile di Elisabetta
L’anno difficile di Elisabetta
Una donna sola al comando: più volte nel corso del 2020, la regina ha affrontato questioni pubbliche e scossoni privati. Mai in affanno o sopra le righe, continua a guidare il Paese durante la Brexit e la pandemia come solo lei sa fare
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
La rabbia esplode tra i camionisti fermi a Dover
Da tre giorni fermi con i loro tir, hanno tentato di forzare un blocco della polizia inglese. La Francia ha annunciato la riapertura delle frontiere, ma l’obbligo di test e tamponi allunga i tempi