Harry vittima di un feroce scherzo telefonico

| Due abilissimi youtuber russi si sono finti Greta Thunberg e suo padre, incalzando il principe a parlare della separazione dalla famiglia reale e dei suoi problemi

+ Miei preferiti
Harry ci è cascato, con tutte le scarpe. Quelle che credeva fossero due lunghe telefonate confidenziali con l’attivista svedese Greta Thunberg e suo padre Svante, avvenute fra il giorno di capodanno e il 22 gennaio scorso, erano in realtà uno scherzo perfettamente architettato da Alexei Stolyarov e Vladimir Kuznetsov, due Youtuber russi che avevano già fregato Elton John, Bernie Sanders e il presidente turco Recep Erdogan.

Nella telefonata, il candido Harry ha parlato a cuore aperto della “Megxit”, la celebre rinuncia sua e di sua moglie Meghan al ruolo attivo nella famiglia reale inglese: “Ormai siamo completamente separati dalla mia famiglia, e la nostra vita è notevolmente migliorata. Io sono più normale di quanto la mia famiglia creda e ho scelto di ritirarmi per proteggere mio figlio”. Quando la falsa Greta gli chiede di Meghan, Harry ammette che “sposare un principe o una principessa non è una scelta affatto semplice”.

“Purtroppo il mondo è guidato da persone malate, quindi sono quelli come voi e le giovani generazioni a poter fare la differenza. Penso che la gente abbia bisogno di essere svegliata e l’unico modo, credo, è fare cose estreme, perché i piccoli passi o l’assegnazione di premi non fanno alcuna differenza al giorno d’oggi. Penso che il solo fatto che Trump stia spingendo l’industria del carbone significa che ha le mani sporche di sangue, perché l’effetto che ha sul clima è devastante. La gente muore ogni mese a causa di una qualche forma di catastrofe naturale creata dall’enorme cambiamento climatico”. Il principe si è anche spinto a qualche consiglio sul rapporto con i media: “Per tutta la mia vita ho fatto parte di una famiglia e di un paese che ha paura dei tabloid perché hanno immenso potere e capacità di influenza, ma senza alcuna morale. Nel momento in cui ho trovato una moglie abbastanza forte da poter difendere ciò in cui crediamo insieme, è riuscita a spaventarli così tanto che ora sono incredibilmente arrabbiati e tutto quello che cercheranno di fare è cercare di distruggere la nostra reputazione e provare a farci affondare. Ma quello che non capiscono è che la guerra che stiamo combattendo contro di loro è molto più di una nostra battaglia. Anche se vogliono farne una questione personale, sono spaventati perché noi siamo due persone disposte a resistere al loro bullismo e per nulla intenzionati a tirarci indietro”.

Harry, che ha mai incontrato Greta di persona, ha anche parlato del perché sia costretto a utilizzare jet privati nonostante la campagna sul cambiamento climatico e assicurato che non ha nulla a che fare con suo zio, il principe Andrea.

Per tutto il tempo delle due telefonate, il duca del Sussex non sospetta nulla, neanche quando i due youtuber tentano di spostare la conversazione sul ridicolo: la finta Greta accenna di cullare l’idea di un matrimonio combinato con il principe George di sei anni o della necessità di spostare 50 pinguini dalla Bielorussia al Polo Nord: “Circa 50 pinguini sono rimasti bloccati alla dogana in Bielorussia. È terribile. Stiamo cercando una nave per trasportarli nella loro terra natale”. Il finto padre di Greta chiede: “Hai dei contatti con qualcuno al Polo Nord che possa aiutarci?”. Harry risponde: “Conosco un uomo che si occupa del Polo Nord: vive in Norvegia, e forse può aiutarti, ti mando i contatti via e-mail”.

Galleria fotografica
Harry vittima di un feroce scherzo telefonico - immagine 1
Esteri
Irlanda, sesta notte di proteste
Irlanda, sesta notte di proteste
Elementi infiltrati hanno alzato il livello degli scontri, mettendo a ferro e fuoco Belfast: un autobus dato alle fiamme e scontri violenza con la polizia sono proseguiti per tutta la notte
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Le cene clandestine che fanno tremare l’Eliseo
Un canale televisivo ha filmato con una telecamera nascosta una cena in un ristorante esclusivo a base di caviale e champagne. Fra i partecipanti ci sarebbero anche alcuni ministri, e i francesi pretendono i nomi
Francia, smantellata la banda dei Lego
Francia, smantellata la banda dei Lego
Studiavano nei dettagli i negozi e magazzini da colpire, poi rivendevano i mattoncini sul mercato nero, dove pare siano richiestissimi
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Elisabetta rende omaggio all’Australia
Alla sua prima uscita pubblica dal castello di Windsor, la regina rende omaggio all’aviazione militare australiana. Un cenno verso un Paese che continua a chiedersi che senso ha avere una monarca così distante
Il #MeToo degli studenti inglesi
Il #MeToo degli studenti inglesi
Un sito per segnalazioni anonime ha registrato oltre 7.000 di stupri, violenze e bullismo, scoperchiando un realtà preoccupante su cui adesso tutti vogliono vederci chiaro
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Jennifer, l’ex amante che potrebbe costare cara a BoJo
Nei quattro anni di relazione clandestina (in realtà alla luce del sole) con l’allora sindaco di Londra, l’imprenditrice americana avrebbe ricevuto favori e contratti. Un’indagine vuole fare chiarezza, e Jonshon rischia grosso
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
La Francia in piazza contro la legge sull’ambiente di Macron
Manifestazioni in tutto il Paese per un pacchetto di misure che sulla carta avrebbero dovuto trasformare ila Francia in un esempio, e che invece son o state riviste e scorrette per non scontentare i poteri forti
Peggiorano le condizioni di Navalny
Peggiorano le condizioni di Navalny
I suoi legali denunciano che l’ex dissidente accusa crescenti problemi di salute. Secondo qualcuno sarebbe ricoverato in ospedale, ma le autorità russe vietato a chiunque di avvicinarlo
Australia, i video hard dei parlamentari
Australia, i video hard dei parlamentari
Trema il governo di Scott Morrison, alle prese con il terzo caso di abusi sessuali nel giro di poche settimane. Questa volta sono emersi video e foto che mostrano i dipendenti mentre hanno rapporti sessuali negli uffici dei vari ministri
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
La bomba che ha ucciso la giornalista maltese fabbricata in Sicilia
I 500grammi di esplosivo che hanno fatto saltare in aria l'auto di Daphne Caruana Galizia sarebbero stati preparati in Sicilia. È la rivelazione di un pentito, che conferma gli stretti legami fra la mafia maltese e quella siciliana