Hong Kong, il punto del non ritorno

| Le violenze hanno ormai raggiunto un’intensità preoccupante: un manifestante colpito da un proiettile della polizia lotta fra la vita e morte, e un cittadino pro-Pechino è stato dato alle fiamme

+ Miei preferiti
Dopo cinque mesi di scontri, le proteste pro-democrazia hanno forse raggiunto il punto del non ritorno, quello che costringerà Pechino a prendere provvedimenti seri e difficili. Lo lascia trapelare il “Global Times”, un quotidiano filogovernativo di Pechino, che in articolo paragona per la prima volta i manifestanti ai “terroristi dell’Isis”, evocando anche l’intervento dell’esercito per mettere fine ad una situazione che ormai è degenerata e non potrà che peggiorare.

Una delle giornate più violente si era chiusa con un manifestante 22enne disarmato, ferito a colpi d’arma da fuoco dalla polizia, che aveva scatenato la reazione feroce della pizza, culminata con un uomo pro-Pechino dato alle fiamme e la città quasi del tutto paralizzata. Proteste che si sono fatte sentire anche in Borsa, dove la giornata si è chiusa con un secco ribasso anche a causa delle incertezze sulla guerra dei dazi con gli Stati Uniti.

Carrie Lam, la leader di Hong Kong, è stata molto chiara: “Le violenze hanno di gran lunga superato le richieste di democrazia e i manifestanti sono diventati un nemico del popolo. Se qualcuno crede che l’escalation delle violenze possa spingere la Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong a cedere e soddisfare le cosiddette richieste politiche, lo dico chiaramente: non accadrà”.

In queste ore, gli scontri per le strade di Hong Kong continuano: in migliaia si sono dati appuntamento nelle strade di Central bloccando il traffico e obbligando i mezzi pubblici a deviazioni, in mezzo al traffico letteralmente impazzito.

“È deprimente vedere la città cadere in uno stato di polizia, ha commentato su Twitter Joshua Wong, attivista e leader del “movimento degli ombrelli”, che ha criticato le violenze puntando il dito contro gli agenti, colpevoli di aver usato metodi molto duri. 

Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente