Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit

| Dopo aver pesantemente insultato Boris Johnson, il celebre attore da giorni è impegnato in un door to door per invitare i suoi concittadini al voto per scongiurare l’uscita dalla UE

+ Miei preferiti
Non è che capiti tutti i giorni di guardare dallo spioncino della porta di casa per capire chi ha suonato, e dall’altra parte trovarsi Hugh Grant. Invece capita in questi giorni a Londra, più precisamente per le strade di Finchley, sobborgo residenziale a nord della capitale inglese, ad una decina di km da Charing Cross. Hugh, elegante e compitissimo come sempre, si presenta con il suo celebre sorriso, stringe le mani alla gente incredula e poi spiega perché ha sentito il bisogno di scendere in strada e impegnarsi in un porta a porta che non ha precedenti. Per l’ex protagonista di “Quattro matrimoni e un funerale”, le ormai prossime elezioni del 12 dicembre sono un passaggio fondamentale nella storia del Regno Unito, perché in un modo o nell’altro significheranno accelerare o fermare per sempre la Brexit, il tortuoso tentativo di uscire dalla UE che va avanti da tre anni tormentati, cavalcato a piene mani dal premier Boris Johnson, personaggio verso cui Hugh non ha mai nascosto di nutrire un’avversione viscerale. Ad accompagnarlo nel tour quotidiano Luciana Berger, candidata dei Liberal Democratici, partito pienamente d’accordo con l’idea di restare in Europa.

A 59 anni, con il volto un po’ segnato dal tempo e meno presente al cinema di quanto lo fosse anni fa, Hugh è comunque ancora amatissimo, e ai suoi concittadini spiega di aver scelto l’impegno in prima persona perché “sondaggio dopo sondaggio il Regno Unito ha capito di aver cambiato idea sulla Brexit, e a questo punto la responsabilità ricade sui cittadini”.

Già lo scorso agosto, Hugh Grant era uscito allo scoperto bollando Boris Johnson come un “un pupazzo di gomma da vasca da bagno troppo pubblicizzato”, lanciando poi un tweet di fuoco in cui affermava: “Non ti lascerò fottere il futuro dei miei figli, farò tutto quello che posso per non lasciarti distruggere le libertà che mio nonno ha difeso combattendo in due guerre mondiali. Alla Gran Bretagna fate schifo, tu e la tua piccola banda di capetti autocompiaciuti”.

Galleria fotografica
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit - immagine 1
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit - immagine 2
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit - immagine 3
Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente