Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit

| Dopo aver pesantemente insultato Boris Johnson, il celebre attore da giorni è impegnato in un door to door per invitare i suoi concittadini al voto per scongiurare l’uscita dalla UE

+ Miei preferiti
Non è che capiti tutti i giorni di guardare dallo spioncino della porta di casa per capire chi ha suonato, e dall’altra parte trovarsi Hugh Grant. Invece capita in questi giorni a Londra, più precisamente per le strade di Finchley, sobborgo residenziale a nord della capitale inglese, ad una decina di km da Charing Cross. Hugh, elegante e compitissimo come sempre, si presenta con il suo celebre sorriso, stringe le mani alla gente incredula e poi spiega perché ha sentito il bisogno di scendere in strada e impegnarsi in un porta a porta che non ha precedenti. Per l’ex protagonista di “Quattro matrimoni e un funerale”, le ormai prossime elezioni del 12 dicembre sono un passaggio fondamentale nella storia del Regno Unito, perché in un modo o nell’altro significheranno accelerare o fermare per sempre la Brexit, il tortuoso tentativo di uscire dalla UE che va avanti da tre anni tormentati, cavalcato a piene mani dal premier Boris Johnson, personaggio verso cui Hugh non ha mai nascosto di nutrire un’avversione viscerale. Ad accompagnarlo nel tour quotidiano Luciana Berger, candidata dei Liberal Democratici, partito pienamente d’accordo con l’idea di restare in Europa.

A 59 anni, con il volto un po’ segnato dal tempo e meno presente al cinema di quanto lo fosse anni fa, Hugh è comunque ancora amatissimo, e ai suoi concittadini spiega di aver scelto l’impegno in prima persona perché “sondaggio dopo sondaggio il Regno Unito ha capito di aver cambiato idea sulla Brexit, e a questo punto la responsabilità ricade sui cittadini”.

Già lo scorso agosto, Hugh Grant era uscito allo scoperto bollando Boris Johnson come un “un pupazzo di gomma da vasca da bagno troppo pubblicizzato”, lanciando poi un tweet di fuoco in cui affermava: “Non ti lascerò fottere il futuro dei miei figli, farò tutto quello che posso per non lasciarti distruggere le libertà che mio nonno ha difeso combattendo in due guerre mondiali. Alla Gran Bretagna fate schifo, tu e la tua piccola banda di capetti autocompiaciuti”.

Galleria fotografica
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit - immagine 1
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit - immagine 2
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit - immagine 3
Esteri
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
GB, lo scandalo Cummings travolge BoJo
Il premier si rifiuta di chiedere le dimissioni del suo fidato consigliere, che durante il lockdown ha impunemente attraversato l’Inghilterra con la famiglia
GB: il ritorno dei «covidiot»
GB: il ritorno dei «covidiot»
Migliaia di persone, attirato da caldo e bel tempo, hanno letteralmente invaso le spiagge di diverse località di villeggiatura. Durante la notte, tende e camper sono spuntate ovunque
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
La pandemia ha allargato le crepe del Regno Unito
Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, i quattro paesi che compongono il Regno Unito, hanno un approccio opposto alla crisi del coronavirus. Una divisione che dopo la Brexit mette sempre più in discussione il futuro del Paese
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Francia, monta la rabbia delle banlieue
Intere comunità si sono sentite abbandonate e minacciate da una crisi economica che si annuncia devastante. L’Eliseo teme il ritorno di disordini sociali
Il ritorno di BoJo
Il ritorno di BoJo
Dopo aver combattuto in prima persona contro il coronavirus, il premier torna ai posti di comando mettendo in guardia il Paese: “Non è il momento di allentare le misure di contenimento”
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
GB, uscire di casa per comprare alcolici incluso nelle necessità
È vietato acquistare vernici e pennelli per ridipingere casa, ma non fare scorta di birra e vino, oltre ad una passeggiata rilassante dopo un litigio. Le stranezze della Gran Bretagna
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Gli allegri vacanzieri di Cannes
Un jet privato e tre elicotteri atterrano a Marsiglia: a bordo un gruppo di persone invitate per una vacanza pasquale da un ricco croato. Tutti rispediti al mittente dalle autorità francesi
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
La proposta di due medici francesi: test per il vaccino in Africa
Sommersi da critiche, minacce, insulti e accuse di razzismo piovute da tutto il mondo, due stimati medici francesi sono costretti a fare marcia indietro sulla proposta di testare i vaccini dove la popolazione è più debole
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Russia: durante l’isolamento uccide 5 vicini
Un uomo di un villaggio della Russia occidentale infastidito dal chiasso dei vicini, ha iniziato un litigio che è sfociato in tragedia
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
L’Alta Corte australiana assolve il cardinale Pell
Accusato da un uomo che afferma di essere stato violentato insieme ad un compagno di coro, morto suicida, l’alto prelato scagionato al terzo grado di giustizia. La sentenza non è appellabile