I figli del silenzio

| Migliaia di bambini nati da rapporti fra sacerdoti, suore e donne laiche, educati nel silenzio, mai riconosciuti, costretti a vivere a metà. Ora qualcosa si muove: il 13 giugno in 50 incontreranno i vescovi francesi per parlarne

+ Miei preferiti
Numeri precisi non ne esistono, ma si parla di migliaia: sono i figli dei preti, li chiamano così, bambini nati da rapporti a volte consenzienti e altri no. Quante siano state le gravidanze interrotte non è dato saperlo, ma in tantissimi sono nati comunque, dimenticati e nascosti perché peccati che diventati carne e sangue. Da decenni su questo mistero indagano in tanti: li rintracciano, li fanno parlare, raccontano le vite di chi è nato ma non ha mai avuto il diritto di chiamare qualcuno mamma e papà. Lo avevano fatto i segugi di “Spotlight”, le truppe d’assalto del “Boston Globe”, con un’inchiesta che aveva fatto scalpore.

E qualcosa, nel tempo, si è rotta nell'impenetrabile cortina di silenzio: aveva iniziato la conferenza episcopale irlandese, ma anche il Vaticano pare avesse aperto uno spiraglio, emanando segretamente una linea guida per i casi dei figli avuti da preti e suore. Meglio ancora hanno fatto di recente in Francia, dove l’associazione “Les Enfants du Silence”, qualche mese fa è riuscita a portare tre giovani, la cui esistenza è stata negata per lungo tempo, davanti ai Vescovi di Parigi. Anne-Marie Jarzac, 67 anni, figlia di un prete e una suora, non è riuscita a nascondere l’emozione: “Penso a tutti quei ragazzi che tentato disperatamente di sapere chi era il loro padre”.

Una sorta di anteprima allo storico incontro previsto il prossimo 13 giugno, quando una cinquantina di figli del peccato incontreranno le alte gerarchie ecclesiastiche francesi. L’annuncio è stato confermato da Olivier Ribadeau-Dumas, segretario generale della Conferenza dei Vescovi di Francia, e ripreso dai media con grande risalto, perché si tratta di un passo di portata epocale verso una verità nascosta per troppo tempo. I giovani racconteranno le loro storie, ma sarà anche un momento per la Chiesa per capire in che direzione muoversi, individuando una linea comune per coloro che hanno avuto figli durante il sacerdozio e per riconoscere alla luce del sole i diritti di chi è nato da una colpa. Sullo sfondo, la questione del celibato, che da millenni fa discutere ma su cui il Vaticano – come ribadito da Papa Francesco – non sembra avere alcuna intenzione di cedere.

Esteri
Animatore di feste per bambini condannato per stupro
Animatore di feste per bambini condannato per stupro
Fra i bambini dello Yorkshire “Bobby Brown” era una celebrità: richiestissimo, lavorava da anni a feste e compleanni. Ma una donna l’ha denunciato perché quando aveva 13 anni era stata violentata
Sanna Marin, la premier più giovane del mondo
Sanna Marin, la premier più giovane del mondo
Dovrebbe entrare in carica questa settimana una giovane 34enne entrata in politica per rendere la Finlandia un posto ancora migliore di quanto non lo sia già adesso
Coppia si toglie la vita in un AirBnB
Coppia si toglie la vita in un AirBnB
Avevano 28 e 24 anni, pare si fossero conosciuti sul web e deciso di farla finita insieme. Li hanno trovati senza vita in un alloggio di una località scozzese
Trump, confusione al vertice Nato
Trump, confusione al vertice Nato
Buckingham Palace alle prese con lo scottante “affaire Andrew”, la Casa Bianca con l’approvazione del rapporto dell’intelligence che preclude la stesura della messa in stato d’accusa. Tensioni anche con Macron
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Dopo aver pesantemente insultato Boris Johnson, il celebre attore da giorni è impegnato in un door to door per invitare i suoi concittadini al voto per scongiurare l’uscita dalla UE
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Le nuove norme dettate dall’impaziente Boris Johnson, ormai certo di ottenere la maggioranza alle prossime elezioni che gli permetterà di concludere l’uscita dalla UE
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Avrebbe voluto resistere altri 6-8 mesi, ma le pieghe dell’inchiesta sull’omicidio della giornalista hanno convinto il premier a fare un passo indietro
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Da giorni aveva preso di mira gli studenti universitari: li avvicinava e dopo aver sorriso li investiva con gli escrementi che trasportava in un secchio
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Allo scoccare del 95esimo compleanno, la regina Elisabetta sarebbe pronta a nominare Charles “Principe Reggente”: un’abdicazione a metà, visto che lei resterebbe comunque la sovrana
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
È successo in Russia, a bordo di un volo dell’Aeroflot partito da Mosca: il rientro a terra pochi minuti dopo il decollo per consentire le cure, ma per il pilota non e’era più nulla da fare