I foreign fighters francesi venduti all’Iraq

| I servizi segreti francesi avrebbero raggiunto un accordo segreto con gli iracheni: 2 milioni di dollari per ogni jihadista transalpino eliminato

+ Miei preferiti
Se ne parla poco, perché solo a pronunciare la definizione “foreign fighters” il panico inizia a strisciare. Ma c’è un’Europa che silenziosamente continua a fare i conti con i propri cittadini che dopo essersi radicalizzati e aver combattuto al fianco delle organizzazioni terroristiche, sono tornati in patria. Molti di loro sono in galera, ma condanne che non superano i sei anni avvicinano sempre più il momento in cui usciranno, con il timore che possano tornare a seminare il terrore. È gente che nessuno reclama, scorie pericolose che tutti vorrebbero eliminare senza far rumore perché non c’è neanche bisogno di essere analisti internazionali per capire che tornando in libertà quasi certamente si rimetteranno in azione, portando la loro esperienza all’interno di cellule pronte a organizzare attentati.

Di un migliaio di combattenti inglesi si sa per certo che circa 150 sono morti in battaglia, ma gli altri sarebbero ancora nascosti in Turchia e tentano in ogni modo di tornare in patria. La situazione peggiore è però quella della Francia, che tiene sotto osservazione 13mila persone: di questi, le certezze riguardano circa 500 persone, in galera con condanne per atti di terrorismo, mentre altri mille si sarebbero radicalizzati in carcere, degli altri notizie frammentarie e il timore che bussino alle frontiere francesi presentando documenti che vietano di sbarrare loro le porte. Ma il peggio sono le date: entro il 2020, il 60% di quelli rinchiusi in galera sarà libero.

A svelare uno dei retroscena della guerra contro i “foreign fighters” sono due testate giornalistiche francesi: “Paris Match” e “Le Figaro”. Lo scorso 25 luglio, il primo ha svelato gli intensi rapporti segreti fra Parigi e Baghdad raggiunti da un tavolo di trattative formato da ambasciate e servizi segreti per gestire la sorte dei jihadisti transalpini detenuti in Iraq, che alla Francia costano 23 dollari al giorno ciascuno. Nel secondo step dell’accordo, i due paesi si sarebbero accordati per 2 milioni di dollari a terrorista, purché a occuparsi dello smaltimento completo siano gli iracheni.

Accuse gravissime, confermate da Hicham al Hachemi, esperto di terrorismo iracheno, che ha parlato di un tacito accordo fra i due paesi raggiunto aggirando le leggi internazionali. A rilanciare la questione in queste ore è il quotidiano “Le Figaro”, che in un’altra inchiesta ha ribadito i termini dell’accordo, parlando apertamente di violazione dei diritti dell’uomo e delle convenzioni internazionali, per di più perché orchestrato da un paese come la Francia che ha abolito la pena di morte. Un caso che sta mettendo in imbarazzo l’Eliseo, specie perché avvalorato dalle parole pesanti di Agnès Callamard, relatrice dell’Onu che si era già occupata del caso del giornalista saudita Jamal Khashoggi, firmataria di una lettera inviata al premier francese Edoaurd Philippe in cui si accusa la Francia di aver trasferito 11 jihadisti dal Kurdistan all’Iraq, dove appena arrivati sono stati condannati a morte.



Galleria fotografica
I foreign fighters francesi venduti all’Iraq - immagine 1
Esteri
Un minuto di troppo per il volo SK4700
Un minuto di troppo per il volo SK4700
Partito da Nizza, è atterrato a Oslo poco prima che scattasse l’obbligo della quarantena per chi proviene dall’estero. Ma per le autorità i passeggeri devono farla comunque
GB, le bollette dei Vip
GB, le bollette dei Vip
Un sito ha scandagliato le bollette di luce e gas di celebrità inglesi o con residenza nel Regno Unito. Al primo posto svetta la Regina, seguita a ruota da Elton John
Accusate di omicidio le sorelle che uccisero il padre per autodifesa
Accusate di omicidio le sorelle che uccisero il padre per autodifesa
Con una clamorosa inversione di tendenza, poco prima dell’inizio del processo per la morte violenta di Mikhail Khachaturyan, i giudici hanno scelto di non considerare la legittima difesa, tra le proteste dell’opinione pubblica russa
Il governo inglese finanzia un sito porno
Il governo inglese finanzia un sito porno
La società Killing Kittens, specializzata nei sex-party soprattutto lesbo, è entrata fra le 800 aziende che hanno ricevuto una sovvenzione per la crisi dovuta alla pandemia
GB: ex concorrente di X Factor condannato per stupro
GB: ex concorrente di X Factor condannato per stupro
Da più di vent’anni, Philip Blackwell di giorno era un tranquillo appassionato di musica, mentre di notte si trasformava in uno stupratore seriale
Condannato un ex militare delle SS
Condannato un ex militare delle SS
A 93 anni, è stato ritenuto colpevole di oltre 5.000 capi d’imputazione. Viveva ad Amburgo con la famiglia e il suo nome è saltato fuori per caso. Rappresenta uno degli ultimi processi della storia contro i criminali nazisti
Ferito il testimone chiave dell’omicidio di Caruana Galizia
Ferito il testimone chiave dell’omicidio di Caruana Galizia
Secondo i rilievi della polizia, l’ex autista considerato l’intermediario fra il mandante e i killer della reporter maltese, avrebbe tentato il suicidio poche ore prima di ricomparire in tribunale
Amsterdam, la rivoluzione del quartiere a luci rosse
Amsterdam, la rivoluzione del quartiere a luci rosse
Dopo i silenzi del lockdown, i residenti chiedono un giro di vite al caos perenne che pesa sull’antico De Wallen. Ma le prostitute si oppongono alla creazione di un “hotel del sesso”
Spagna, bloccato il derby "Sani contro Infetti"
Spagna, bloccato il derby "Sani contro Infetti"
L’incredibile vicenda è accaduta a Pamplona, in Spagna, su idea di un giovane di 23 anni, denunciato e multato dalle autorità
Suicida una campionessa di pattinaggio
Suicida una campionessa di pattinaggio
Ekaterina Alexandrovskaya, 20 anni, si è lanciata dalla finestra. Su un foglietto ha lasciato scritta una sola parola