I Gilet Jaunes si riprendono Parigi

| Dopo una calma apparente, il movimento di protesta è tornato in piazza in forze devastando la celebra arteria parigina. Quello di oggi è considerato l’ultimatum a Macron

+ Miei preferiti
Sembrava smorzarsi, l’onda di protesta dei “Gilet Jaunes”, il movimento che dall’inizio dell’anno trasforma ogni sabato in un appuntamento di violenza e devastazione. Nelle scorse settimane, le presenze dei gilet gialli si erano ridotte a poche centinaia di manifestanti, ma questa volta la risposta alla chiamata in piazza è stata nuovamente massiccia.

Sugli Champs-Élysées, per il 18esimo atto della protesta, si sono registrati scontri violenti fra black-bloc e forze dell’ordine fin dalle prime ore del mattino: si calcolano fra i 7 e gli 8.000 manifestanti, di cui almeno 1.500 della frangia più violenta, contro cui l’Eliseo ha schierato oltre 5.000 agenti. A rimetterci è stato “Fouquet’s”, storica brasserie inserita fra i monumenti nazionali al 99 di Avenue des Champs-Élysées, devastato e vittima di un pesante saccheggio. Non è l’unica attività a pagare il conto più salato: al momento, comunica la polizia, sono diversi i negozi presi d’assalto e svuotati di tutto, fra cui il flagship store “Hugo Boss” e il "Disneystore", mentre sono salite a 44 le persone fermate.

Sprezzante il commento del ministro dell’interno, Christophe Castagner: “È il loro canto del cigno, hanno deciso di attaccare Parigi ma li abbiamo anticipati e stiamo rispondendo colpo su colpo”. Quello di oggi è considerato “l’ultimatum a Macron” dopo la conclusione del dibattito nazionale voluto dal presidente.

Video
Galleria fotografica
I Gilet Jaunes si riprendono Parigi - immagine 1
Esteri
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Nicolas Sarkozy alla sbarra per corruzione
Insieme a lui il suo ex avvocato di fiducia Thierry Herzog e il giudice Gilbert Azibert. Il giudice avrebbe fornito informazioni riservate sulle inchieste per finanziamento della campagna elettorale, chiedendo in cambio un posto a Monaco
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Australia, ucciso in carcere l’assassino di una sedicenne
Zlatko Sikorsky, 36 anni, è stato aggredito da un altro detenuto nel carcere di Brisbane: stava scontando la condanna per l’omicidio di Larissa Beilby, la fidanzata 16enne uccisa a pugni due anni prima
Francia, vietato filmare la polizia
Francia, vietato filmare la polizia
Un disegno di legge punta a impedire ai cittadini di riprendere le forze di polizia in azione: ai trasgressori 45mila euro di multa. Interviene anche l’Onu: deriva pericolosa che minaccia la libertà di espressione e di stampa
Eravamo quattro amici al pub
Eravamo quattro amici al pub
In Irlanda, 4 amici hanno acquistato un volo a prezzi stracciati per poter accedere all’area partenze dell’aeroporto di Dublino, dove pub e ristoranti sono aperti…
Scettico e no-mask? Niente ricovero
Scettico e no-mask? Niente ricovero
La polemica proposta di Willy Oggier, un economista svizzero che propone un registro nazionale in cui ognuno è libero di dichiarare la propria posizione in merito al virus, ma accettando anche l’idea che non sarà curato
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Carrie Symonds, la regina del 10 di Downing Street
Dopo la spaccatura fra Johnson e il suo stratega Dominic Cummings, emerge sempre di più la figura della fidanzata del premier. Una donna tosta che sa cosa vuole, e soprattutto come ottenerlo
GB, la faida al 10 di Downing Street
GB, la faida al 10 di Downing Street
Dominic Cummings, il guru della Brexit, silurato da BoJo pare anche su gentile richiesta della fidanzata. Un maremoto che potrebbe costare la poltrona al premier
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Il libro denuncia sulla polizia che sta scuotendo la Francia
Per due anni, il giornalista Valentin Gendrot si è finto un agente per scrivere un libro in cui ha raccontato decine di episodi abusi e razzismo, ma anche le difficili condizioni in cui lavorano i poliziotti
Putin pronto a lasciare
Putin pronto a lasciare
Un tabloid inglese rivela che il presidente russo sarebbe affetto da Parkinson: il Cremlino smentisce, ma tutto lascia pensare ad un passaggio di consegne imminente
I tre eroi della notte di sangue di Vienna
I tre eroi della notte di sangue di Vienna
Tre giovani musulmani, due lottatori di MMA e un dipendente di McDonalds, hanno salvato un’anziana e un poliziotto dalla furia dell’attentatore che ha seminato il terrore nella capitale austriaca