I Gilet Jaunes si riprendono Parigi

| Dopo una calma apparente, il movimento di protesta è tornato in piazza in forze devastando la celebra arteria parigina. Quello di oggi è considerato l’ultimatum a Macron

+ Miei preferiti
Sembrava smorzarsi, l’onda di protesta dei “Gilet Jaunes”, il movimento che dall’inizio dell’anno trasforma ogni sabato in un appuntamento di violenza e devastazione. Nelle scorse settimane, le presenze dei gilet gialli si erano ridotte a poche centinaia di manifestanti, ma questa volta la risposta alla chiamata in piazza è stata nuovamente massiccia.

Sugli Champs-Élysées, per il 18esimo atto della protesta, si sono registrati scontri violenti fra black-bloc e forze dell’ordine fin dalle prime ore del mattino: si calcolano fra i 7 e gli 8.000 manifestanti, di cui almeno 1.500 della frangia più violenta, contro cui l’Eliseo ha schierato oltre 5.000 agenti. A rimetterci è stato “Fouquet’s”, storica brasserie inserita fra i monumenti nazionali al 99 di Avenue des Champs-Élysées, devastato e vittima di un pesante saccheggio. Non è l’unica attività a pagare il conto più salato: al momento, comunica la polizia, sono diversi i negozi presi d’assalto e svuotati di tutto, fra cui il flagship store “Hugo Boss” e il "Disneystore", mentre sono salite a 44 le persone fermate.

Sprezzante il commento del ministro dell’interno, Christophe Castagner: “È il loro canto del cigno, hanno deciso di attaccare Parigi ma li abbiamo anticipati e stiamo rispondendo colpo su colpo”. Quello di oggi è considerato “l’ultimatum a Macron” dopo la conclusione del dibattito nazionale voluto dal presidente.

Video
Galleria fotografica
I Gilet Jaunes si riprendono Parigi - immagine 1
Esteri
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
L’infermiera che ha rubato la carta di credito ad un paziente morto
È successo lo scorso gennaio: Ayesha Basharat stava radunando gli effetti personali di un paziente appena morto per Covid e ha usato la sua carta di credito per comprare bibite e snack
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
La vendetta di Cummings: affossare Boris Johnson
L’ex braccio destro del premier si prepara a deporre davanti alla commissione che indaga sulla gestione della pandemia da parte del governo. E promette di far saltare in aria Downing Street
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
I britannici possono viaggiare (ma non sanno dove andare)
Il via libera a viaggi e spostamenti si scontra con un sistema di classificazione dei paesi a semaforo: quelli che rappresentano le mete turistiche tradizionali sono tutti in giallo, quindi sconsigliati
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Belgio, caccia al Rambo negazionista
Un ex militare armato è scomparso dopo aver giurato di voler uccidere un noto virologo belga. Sulle sue tracce più di 400 agenti e il timore che voglia scatenare “una piccola guerra”
È morto il «Mostro delle Ardenne»
È morto il «Mostro delle Ardenne»
Michel Fourtinet, serial kliller francese accusato di aver ucciso 9 ragazzine e dell’omicidio di altre 10 persone, on la complicità della moglie, è morto in carcere a 79 anni
La Scozia pretende un secondo referendum
La Scozia pretende un secondo referendum
La vittoria dei nazionalisti alle elezioni riaccende il sogno dell’indipendenza. Ma Johnson non vuole saperne
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Regno Unito: l’esercito a caccia delle nuove varianti del virus
Un laboratorio chimico-batteriologico militare finanziato per scovare e individuare i ceppi del virus che circolano nel Paese: ne hanno trovati quattro, tutti coperti dal vaccino
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Iniziato a Parigi il processo per l’estradizione dei terroristi italiani
Si prevede un lungo e difficile percorso, mentre gli imputati si presentano in aula per la prima volta e si susseguono gli appelli a Macron per bloccare la richiesta italiana
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
La guerra dell’Oktoberfest fra Monaco e Dubai
Con la prossima edizione ancora a rischio apertura, la Germania è insorta contro una notizia che voleva l’evento di Monaco spostato a Dubai. In realtà si tratta di una copia, anche se lo zampino tedesco pare ci sia
Cambio d'immagine dell'Mi5: «Non siamo come James Bond»
Cambio d
Il celebre servizio segreto inglese apre un profilo Instagram per raccontarsi e sfatare i luoghi comuni legati al lavoro delle spie. Ma senza rivelare nulla di compromettente