I Sussex in Canada? E chi li vuole?

| Nel paese nordamericano infiamma il dibattito: Harry e Meghan non pensino di arrivare qui e sentirsi reali perché non lo sono. E non da ultimo, chi pagherà l’apparato di cui si circondano, valutato in 10 milioni di dollari ogni anno?

+ Miei preferiti
A Roma, dove vanno sul pratico, liquiderebbero tutto rispolverando uno dei classici dialettali che meglio inquadra la situazione: “La sora Maria, che tutti vogliono ma nessuno se la pija”. Ecco, più o meno, Harry e Meghan vivono lo stesso sentimento: a parole, gli inglesi vorrebbero tenerseli in patria e i canadesi non vedono l’ora di averli come vicini di casa. Ma nella realtà tutto sembra ben diverso.

Secondo alcuni sondaggi, per i sudditi di Sua Maestà, stanchi di dover dimenticare le marachelle reali foraggiate con i propri denari, la coppia è libera di andare dove gli pare, purché al netto delle spese. E i canadesi, nominati dai Sussex come compagni di viaggio ufficiali della loro nuova esistenza, non pare che muoiano esattamente dalla voglia di averli, perché a conti fatti mantenere il circo equestre di sicurezza e servitù che si portano appresso può trasformarsi in qualche punto di Pil andato in fumo.

In pratica, per quei giochi perversi del destino, quello che all’apparenza sembrava lo scoglio più duro – far digerire il boccone amaro alla regina – è andato liscio come una biglia in discesa. Mentre ciò che appariva come un gioco da ragazzi – essere accolti ovunque a braccia aperte – si sta rivelando un’impresa più ardua del previsto.

I malumori e le perplessità dei canadesi hanno trovato sublimazione di un durissimo affondo pubblicato su “The Global and Mail”, prestigioso e seguitissimo quotidiano canadese che prima attraverso un editoriale, e subito dopo con le parole altrettanto dure dell’ex ministro James Moore, mettono in guardia i duchi: non pensino di arrivare in Canada conservando il ruolo reale, perché il Paese non ha alcuna intenzione di tornare fra i possedimenti dei Windsor. Quello canadese è un sistema di monarchia parlamentare che riconosce la sovranità a re e regine inglesi, ma non è previsto che il titolo scivoli verso i suoi discendenti.

Ma perché proprio il Canada?, si chiedono in molti. Per capirlo bisogna tornare indietro di qualche anno, più precisamente al 2011. Meghan, fino ad allora attrice in piccoli ruoli e con una carriera ancora tutta da inventare, sbarca in Canada con Trevor Engelson, il primo marito, quando viene assunta per il ruolo dell’assistente legale Rachel Zane nella serie televisiva “Suits”, girata negli studi di Toronto della “USA Network”. Meghan si ambienta, stringe amicizie e divorzia, finendo qualche tempo dopo per incontrare Harry, il principe in cerca di moglie. Segue tutto quello che abbiamo imparato, fidanzamento e matrimonio compresi, ma il legame con il Canada resta. Per la prima apparizione pubblica, nel 2017, i due avevano scelto gli “Invictus Games”, e dopo le sontuose nozze più volte erano tornati da quelle parti, compreso lo scorso Natale, quando hanno dato forfait alla regina per rintanarsi a Vancouver. Non è un caso: nella vivace città della Columbia Britannica risiede anche Jessica Mulroney, amica fidata di Meghan che era stata fra le wedding planner del matrimonio a Windsor e a cui è addirittura stato affidato il piccolo Archie, di cui i Sussex sono gelosissimi. Ma soprattutto, è la moglie di Ben Mulroney, figlio dell’ex premier Brian.

Al netto di tutto questo, per completare il trasferimento ci sono problemi legali da superare: non prevedendo il “Citizenship Act” canadese uno status particolare per i membri della Royal Family, Harry e Meghan dovrebbero passare attraverso i canali ufficiali dell’immigrazione. Si torna poi alla questione costi, che un esperto – intervistato ancora una volta dal Global and Mail - ha stimato in 10 milioni di dollari all’anno il prezzo dell’ospitalità mettendo dentro apparato di sicurezza, flotta di veicoli e sorveglianza.

Esteri
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
GB: la road map per l’uscita dall’incubo pandemia
Il premier Boris Johnson ha anticipato il piano messo a punto per la graduale riapertura di attività e socialità nel Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Elisabetta, l’ultima sovrana del Regno Unito
Sono in molti, a chiedersi se dopo la regina più amata di sempre non sarebbe più giusto ripensarsi come repubblica. Per gli esperti il dubbio quel giorno sarà inevitabile, a meno di non dare una nuova immagine più “light”
Francia, lo scandalo degli incesti
Francia, lo scandalo degli incesti
Un libro shock svela le violenze subite all’interno di una famiglia di intellettuali, ben nota negli ambienti della Riva Gauche. La pubblicazione ha scatenato l’hashtag #MeTooIncest, che ha portato alla luce migliaia di casi
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
«Inglesi, scordatevi le vacanze all’estero»
Il governo del Regno Unito avverte: non correte a prenotare vacanze all’estero, è assai difficile che potrete farle. Nuova stretta sui documenti necessari per l’ingresso nel Paese, specie per i paesi nella “lista rossa”
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Elisabetta e le leggi «ad personam»
Un’inchiesta giornalistica, con tanto di documenti scritti, svela che negli anni 70 gli avvocati della regina avrebbero fatto pressioni per escludere i sovrani dalla norma sulla trasparenza finanziaria
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
Navalny condannato, la Russia tenta di soffocare il dissenso
In una lunga dichiarazione dopo la lettura della sentenza, il dissidente russo chiede ai suoi concittadini di non arrendersi: “Il piccolo ladro chiuso nel suo bunker non può rinchiudere milioni di persone”
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti