Il Black Friday di Trump

| Un venerdì nero fatto di tweet che fanno infuriare il Congresso, di dichiarazioni pubbliche dei testimoni e di incriminazioni e condanne di suoi stretti collaboratori. L’aria intorno alla Casa Bianca si fa pesante

+ Miei preferiti
Ironicamente, i giornali americani definiscono il venerdì appena trascorso come il “Black Friday” di Donald Trump. Non perché il presidente si sia abbandonato alle spese natalizie anzitempo, ma perché per lui è stato davvero un venerdì nero. Uno dei giorni peggiori da quando si è insediato alla Casa Bianca.

Tutto nasce dall’inchiesta sull’impeachment che sta portando davanti al Congresso una sfilata di testimoni, le cui dichiarazioni finiscono in pasto agli americani senza soluzione di continuità. E sono una peggiore dell’altra, specie se viste dalle finestre dalla Casa Bianca, dove l’aria inizia a farsi pesante assai.

Ieri era il turno di Marie Yovanovitch, ex ambasciatrice americana a Kiev, in Ucraina, che negli stessi momenti in cui prendeva la parola, è diventata l’oggetto dei furiosi tweet di Donald Trump. Il più tenero suonava più o meno così: “Ha fatto disastri ovunque sia stata”.

Ma l’esternazione trumpiana non è sfuggita ad Adam Schiff, presidente della commissione di intelligence della camera, che ha interrotto l’udienza per ricordare che “L’intimidazione di un testimone, e per di più in tempo reale, è un reato e una velata minaccia verso tutti coloro che vogliono farsi avanti. Il comportamento del presidente sarà preso nella massima considerazione quando sarà il momento di tirare le somme sulla sua messa in stato di accusa”.

La diplomatica Marie Yovanovitch, da Trump definita una “bad news” in un colloquio telefonico con il presidente ucraino, stava raccontando al Congresso di aver sentito sulla propria pelle le minacce del presidente: “Quando ho letto la trascrizione della telefonata ero sotto shock: è stato terribile capire che il presidente aveva perso ogni fiducia in me. Non mi fu mai data alcuna spiegazione sui motivi del mio allontanamento”. A questo, poco si era aggiunta una campagna diffamatoria architettata da Rudy Giuliani: “Avevano capito che è facile rimuovere un ambasciatore che non dà loro quello che volevano, interessi che ho subito ritenuto loschi”.

Ma questa è solo la prima pagina del venerdì nero di Trump, costretto qualche ora prima ad ingoiare l’incriminazione del suo avvocato e mentore Rudy Giuliani da parte della procura di New York nell’ambito dell’Ucrainagate. L’ex sindaco della Grande Mela dovrà rispondere di violazione delle norme sui finanziamenti elettorali, azione di lobby in paesi stranieri e corruzione.

Finito? Macché. A infiocchettare la giornata ci ha pensato Roger Stone, ex responsabile della campagna elettorale di Trump, condannato dal tribunale di Washington a tutti e sette i capi d’accusa scaturiti dall’inchiesta Russiagate del superprocuratore Robert Mueller, fra cui intralcio alla giustizia, falsa testimonianza davanti al Congresso e aver fatto da tramite fra il comitato elettorale, gli hacker russi e WikiLeaks.

Esteri
La cannabis factory nel cuore di Londra
La cannabis factory nel cuore di Londra
Grazie a diverse segnalazioni, la polizia ha scoperto una serra con più di 800 piantine in un seminterrato del distretto finanziario della capitale inglese
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Brexit effect: le star britanniche si lamentano
Nell’accordo stipulato fra Londra e Bruxelles non c’è traccia ai viaggi senza visto concessi agli artisti. Senza quello, dicono 100 celebri firmatari, organizzare tournée europee sarà difficile
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
È un giallo la scomparsa di Diary Sow
Studentessa senegalese considerata una celebrità in Patria, è svanita nel nulla il 4 gennaio scorso, mentre rientrava a Parigi dopo le feste di Natale
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le vite che il volo Sriwijaya Air si è portato via
Le famiglie in attesa di scoprire il destino dei propri cari raccontano chi erano alcune delle vittime del Boeing 737. Le autorità stanno raccogliendo campioni di Dna per identificare i resti
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
Boeing inabissato, trovati detriti e resti umani
L’esercito indonesiano ha individuato un segnale che ha permesso ai sommozzatori di individuare il punto in cui l’aereo sarebbe esploso. Ancora da chiarire le cause del disastro
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Condannato il ladro di Buckingham Palace
Adamo canto, ex maggiordomo reale, avrebbe rubato un centinaio di oggetti appartenenti alla Royal Family per poi rivenderli su eBay
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Polonia, il vaccino prima ai Vip
Esplode uno scandalo che fa indignare il Paese: una ventina di personaggi illustri sarebbe stato vaccinato perfino prima di medici e infermieri. Il ministro della salute annuncia un’inchiesta
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
2021, l’anno in cui il Regno Unito potrebbe andare in pezzi
Il 2020 appena concluso ha lacerato il tessuto sociale del Regno Unito, mostrando disuguaglianze ed egoismi. Se la Scozia preme per l’indipendenza, cresce il malumore anche in Irlanda e Galles
Lo strappo del padre di BoJo
Lo strappo del padre di BoJo
Mentre Boris festeggia la faticosa conquista della Brexit, suo papà Stanley fa le valigie: “voglio restare europeo”, dice annunciando la richiesta di cittadinanza francese
Il discorso di addio della Merkel
Il discorso di addio della Merkel
Nel consueto discorso di fine anno rivolto ai tedeschi, la cancelliera annuncia che è “l’ultima volta in cui mi rivolgo a voi in questo ruolo”. Il suo mandato scade il prossimo 23 settembre, e ha già annunciato di non volersi ricandidare