Il Black Friday di Trump

| Un venerdì nero fatto di tweet che fanno infuriare il Congresso, di dichiarazioni pubbliche dei testimoni e di incriminazioni e condanne di suoi stretti collaboratori. L’aria intorno alla Casa Bianca si fa pesante

+ Miei preferiti
Ironicamente, i giornali americani definiscono il venerdì appena trascorso come il “Black Friday” di Donald Trump. Non perché il presidente si sia abbandonato alle spese natalizie anzitempo, ma perché per lui è stato davvero un venerdì nero. Uno dei giorni peggiori da quando si è insediato alla Casa Bianca.

Tutto nasce dall’inchiesta sull’impeachment che sta portando davanti al Congresso una sfilata di testimoni, le cui dichiarazioni finiscono in pasto agli americani senza soluzione di continuità. E sono una peggiore dell’altra, specie se viste dalle finestre dalla Casa Bianca, dove l’aria inizia a farsi pesante assai.

Ieri era il turno di Marie Yovanovitch, ex ambasciatrice americana a Kiev, in Ucraina, che negli stessi momenti in cui prendeva la parola, è diventata l’oggetto dei furiosi tweet di Donald Trump. Il più tenero suonava più o meno così: “Ha fatto disastri ovunque sia stata”.

Ma l’esternazione trumpiana non è sfuggita ad Adam Schiff, presidente della commissione di intelligence della camera, che ha interrotto l’udienza per ricordare che “L’intimidazione di un testimone, e per di più in tempo reale, è un reato e una velata minaccia verso tutti coloro che vogliono farsi avanti. Il comportamento del presidente sarà preso nella massima considerazione quando sarà il momento di tirare le somme sulla sua messa in stato di accusa”.

La diplomatica Marie Yovanovitch, da Trump definita una “bad news” in un colloquio telefonico con il presidente ucraino, stava raccontando al Congresso di aver sentito sulla propria pelle le minacce del presidente: “Quando ho letto la trascrizione della telefonata ero sotto shock: è stato terribile capire che il presidente aveva perso ogni fiducia in me. Non mi fu mai data alcuna spiegazione sui motivi del mio allontanamento”. A questo, poco si era aggiunta una campagna diffamatoria architettata da Rudy Giuliani: “Avevano capito che è facile rimuovere un ambasciatore che non dà loro quello che volevano, interessi che ho subito ritenuto loschi”.

Ma questa è solo la prima pagina del venerdì nero di Trump, costretto qualche ora prima ad ingoiare l’incriminazione del suo avvocato e mentore Rudy Giuliani da parte della procura di New York nell’ambito dell’Ucrainagate. L’ex sindaco della Grande Mela dovrà rispondere di violazione delle norme sui finanziamenti elettorali, azione di lobby in paesi stranieri e corruzione.

Finito? Macché. A infiocchettare la giornata ci ha pensato Roger Stone, ex responsabile della campagna elettorale di Trump, condannato dal tribunale di Washington a tutti e sette i capi d’accusa scaturiti dall’inchiesta Russiagate del superprocuratore Robert Mueller, fra cui intralcio alla giustizia, falsa testimonianza davanti al Congresso e aver fatto da tramite fra il comitato elettorale, gli hacker russi e WikiLeaks.

Esteri
Schumacher, il giallo delle foto rubate
Schumacher, il giallo delle foto rubate
Un tabloid inglese denuncia di aver ricevuto l’offerta di un “pacchetto di immagini” che ritraggono Schumy nel letto della sua residenza di Ginevra. La moglie Corinna ha allertato avvocati e forze dell’ordine per bloccare la diffusione
Harry rompe il silenzio
Harry rompe il silenzio
Il duca di Sussex racconta la propria versione del divorzio dell’anno nel corso di un evento benefico: “Il Regno Unito è casa mia, e questo non cambierà mai”
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
Andrea non avrà più agenti a proteggerlo
La polemica sui costi della sicurezza di Harry e Meghan ha coinvolto anche il duca di York: secondo alcune fonti vicine a Scotland Yard, “spendere tanti soldi per qualcuno che non ha più ruoli pubblici è immorale”
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
I Sussex in Canada? E chi li vuole?
Nel paese nordamericano infiamma il dibattito: Harry e Meghan non pensino di arrivare qui e sentirsi reali perché non lo sono. E non da ultimo, chi pagherà l’apparato di cui si circondano, valutato in 10 milioni di dollari ogni anno?
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Yamaha: non nascondetevi nelle custodie
Dopo il clamore della rocambolesca fuga di Carlo Ghosn, il colosso giapponese di strumenti e attrezzature musicali avvisa: non provateci, è molto pericoloso
Il villaggio dove apparivano i soldi
Il villaggio dove apparivano i soldi
Per anni, decine di abitanti di un piccolo centro inglese hanno ritrovato per strada mazzette da 2.000 sterline, riconsegnandole tutte alla polizia. Ma ora, il mistero è stato svelato…
Lady Kitty, il nuovo imbarazzo reale
Lady Kitty, il nuovo imbarazzo reale
La sexy nipote di Lady Diana, 28 anni, pronta a sposare il fidanzato 61enne. Una relazione poco gradita alla famiglia, che si aggiunge agli altri guai
Bielorussia, condannati a morte due fratelli
Bielorussia, condannati a morte due fratelli
Stanislaw e Illya Kostsew, 19 e 21 anni, saranno fucilati, ma secondo la legge non si sa dove e quando. Hanno ucciso selvaggiamente una delle loro insegnanti
La rabbia del principe Filippo
La rabbia del principe Filippo
Ormai ex baricentro della Royal Family, costretto a letto dall’età, il Duca di Eimborgo si è infuriato per la decisione di Harry e Meghan, ma è preoccupato per l’impatto che questa vicenda può avere su sua moglie, la Regina
Il Regno Unito chiede l’estradizione della moglie di un diplomatico americano
Il Regno Unito chiede l’estradizione della moglie di un diplomatico americano
Lo scorso agosto, la donna ha travolto e ucciso un ragazzo di 19 anni con la propria auto, ma è tornata negli Stati Uniti avvalendosi dell’immunità diplomatica