Il Black Friday di Trump

| Un venerdì nero fatto di tweet che fanno infuriare il Congresso, di dichiarazioni pubbliche dei testimoni e di incriminazioni e condanne di suoi stretti collaboratori. L’aria intorno alla Casa Bianca si fa pesante

+ Miei preferiti
Ironicamente, i giornali americani definiscono il venerdì appena trascorso come il “Black Friday” di Donald Trump. Non perché il presidente si sia abbandonato alle spese natalizie anzitempo, ma perché per lui è stato davvero un venerdì nero. Uno dei giorni peggiori da quando si è insediato alla Casa Bianca.

Tutto nasce dall’inchiesta sull’impeachment che sta portando davanti al Congresso una sfilata di testimoni, le cui dichiarazioni finiscono in pasto agli americani senza soluzione di continuità. E sono una peggiore dell’altra, specie se viste dalle finestre dalla Casa Bianca, dove l’aria inizia a farsi pesante assai.

Ieri era il turno di Marie Yovanovitch, ex ambasciatrice americana a Kiev, in Ucraina, che negli stessi momenti in cui prendeva la parola, è diventata l’oggetto dei furiosi tweet di Donald Trump. Il più tenero suonava più o meno così: “Ha fatto disastri ovunque sia stata”.

Ma l’esternazione trumpiana non è sfuggita ad Adam Schiff, presidente della commissione di intelligence della camera, che ha interrotto l’udienza per ricordare che “L’intimidazione di un testimone, e per di più in tempo reale, è un reato e una velata minaccia verso tutti coloro che vogliono farsi avanti. Il comportamento del presidente sarà preso nella massima considerazione quando sarà il momento di tirare le somme sulla sua messa in stato di accusa”.

La diplomatica Marie Yovanovitch, da Trump definita una “bad news” in un colloquio telefonico con il presidente ucraino, stava raccontando al Congresso di aver sentito sulla propria pelle le minacce del presidente: “Quando ho letto la trascrizione della telefonata ero sotto shock: è stato terribile capire che il presidente aveva perso ogni fiducia in me. Non mi fu mai data alcuna spiegazione sui motivi del mio allontanamento”. A questo, poco si era aggiunta una campagna diffamatoria architettata da Rudy Giuliani: “Avevano capito che è facile rimuovere un ambasciatore che non dà loro quello che volevano, interessi che ho subito ritenuto loschi”.

Ma questa è solo la prima pagina del venerdì nero di Trump, costretto qualche ora prima ad ingoiare l’incriminazione del suo avvocato e mentore Rudy Giuliani da parte della procura di New York nell’ambito dell’Ucrainagate. L’ex sindaco della Grande Mela dovrà rispondere di violazione delle norme sui finanziamenti elettorali, azione di lobby in paesi stranieri e corruzione.

Finito? Macché. A infiocchettare la giornata ci ha pensato Roger Stone, ex responsabile della campagna elettorale di Trump, condannato dal tribunale di Washington a tutti e sette i capi d’accusa scaturiti dall’inchiesta Russiagate del superprocuratore Robert Mueller, fra cui intralcio alla giustizia, falsa testimonianza davanti al Congresso e aver fatto da tramite fra il comitato elettorale, gli hacker russi e WikiLeaks.

Esteri
Animatore di feste per bambini condannato per stupro
Animatore di feste per bambini condannato per stupro
Fra i bambini dello Yorkshire “Bobby Brown” era una celebrità: richiestissimo, lavorava da anni a feste e compleanni. Ma una donna l’ha denunciato perché quando aveva 13 anni era stata violentata
Sanna Marin, la premier più giovane del mondo
Sanna Marin, la premier più giovane del mondo
Dovrebbe entrare in carica questa settimana una giovane 34enne entrata in politica per rendere la Finlandia un posto ancora migliore di quanto non lo sia già adesso
Coppia si toglie la vita in un AirBnB
Coppia si toglie la vita in un AirBnB
Avevano 28 e 24 anni, pare si fossero conosciuti sul web e deciso di farla finita insieme. Li hanno trovati senza vita in un alloggio di una località scozzese
Trump, confusione al vertice Nato
Trump, confusione al vertice Nato
Buckingham Palace alle prese con lo scottante “affaire Andrew”, la Casa Bianca con l’approvazione del rapporto dell’intelligence che preclude la stesura della messa in stato d’accusa. Tensioni anche con Macron
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Hugh Grant e il porta a porta contro la Brexit
Dopo aver pesantemente insultato Boris Johnson, il celebre attore da giorni è impegnato in un door to door per invitare i suoi concittadini al voto per scongiurare l’uscita dalla UE
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Con la Brexit sarà più difficile viaggiare in UK
Le nuove norme dettate dall’impaziente Boris Johnson, ormai certo di ottenere la maggioranza alle prossime elezioni che gli permetterà di concludere l’uscita dalla UE
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Malta, il premier Muscat pronto alle dimissioni
Avrebbe voluto resistere altri 6-8 mesi, ma le pieghe dell’inchiesta sull’omicidio della giornalista hanno convinto il premier a fare un passo indietro
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Toronto: arrestato il lanciatore di escrementi
Da giorni aveva preso di mira gli studenti universitari: li avvicinava e dopo aver sorriso li investiva con gli escrementi che trasportava in un secchio
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Le grandi manovre di Buckingham Palace
Allo scoccare del 95esimo compleanno, la regina Elisabetta sarebbe pronta a nominare Charles “Principe Reggente”: un’abdicazione a metà, visto che lei resterebbe comunque la sovrana
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
Pilota muore in volo, l’aereo costretto ad un atterraggio di emergenza
È successo in Russia, a bordo di un volo dell’Aeroflot partito da Mosca: il rientro a terra pochi minuti dopo il decollo per consentire le cure, ma per il pilota non e’era più nulla da fare